IL CIRCOLO PARTECIPA ALL’INCONTRO DI KYOTO CLUB E CONFINDUSTRIA SULLA FINANZA #GREEN PER LA TRASFORMAZIONE DELLA ECONOMIA

Comunicato stampa- Roma, 22 marzo 2017 

Secondo il Climate Policy Initiative (CPI) per mantenere l’aumento della temperatura al di sotto della soglia dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali, servono ingenti investimenti globali nel settore energetico, pari a circa 1.200 miliardi di dollari all’anno. Nel settore privato sembra esserci un crescente entusiasmo per le attività ‘green’ che vanno dalla riconversione dei cicli produttivi, al trasporto pubblico, a nuovi modelli di organizzazione sociale.

 

«La finanza climatica mobiliterà a livello internazionale risorse che non hanno precedenti», ha aggiunto Gemme. «Si stima il valore delle operazioni di finanziamento per investimenti connessi alla sostenibilità siano stati di quasi 738 miliardi di Euro».

Tra queste ci sono i green bond, strumenti finanziari dedicati allo sviluppo sostenibile ancora poco conosciuti in Italia. ENEL ha appena collocato un green bond da 1,25 miliardi di euro per offrire agli investitori istituzionali e retail interessati agli investimenti sostenibili strumenti che prevedono la destinazione esclusiva dei proventi a progetti «verdi» e per molti anni i leader politici mondiali hanno snobbato la questione climatica, lo scorso anno sotto la presidenza cinese, il G20 ha finalmente riconosciuto che lo sviluppo economico non può prescindere dalla protezione dell’ambiente e che la transizione energetica per rendere così possibile la decarbonizzazione deve necessariamente passare per il sistema finanziario. Certo, la volontà di affrontare sfide come ad esempio la questione dei sussidi ai combustibili fossili, che vanno eliminati entro il 2020, è in gran parte nelle mani dei governi. Ma è anche bene ricordare che quanto promesso a Parigi non sarà comunque sufficiente a scongiurare aumenti importanti della temperatura media del pianeta.

Il Circolo ha partecipato il 22 marzo presso la sede di Confindustria Roma al convegno “La finanza per il clima opportunità per le imprese”, iniziativa rivolta alle aziende italiane attive nei settori Green Economy per promuovere la partecipazione dell’industria italiana ai fondi di cooperazione internazionali. L’iniziativa è stata promossa congiuntamente da Confindustria con il Kyoto Club, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero dell’Ambiente. “Per contrastare i cambiamenti climatici dobbiamo cambiare il modello con cui si sviluppa la nostra economia: la green economy e l’economia circolare sono le sfide del nostro presente e possono rappresentare anche un modello vincente per la ripresa economica tanto attesa”, ha dichiarato Francesco Ferrante, Vicepresidente di Kyoto Club. “Molte imprese italiane – ha concluso Ferrante – sono già pronte e si stanno già impegnando, innovandosi e competendo con il resto del mondo. Ora questo cambio di approccio non dev’essere vanificato ed è per questo che è necessaria una strategia politica – innanzitutto su energia e clima, ma anche più in generale sulla bioeconomia – da parte delle istituzioni e della politica, insieme a un adeguato cambio di passo anche nel sistema creditizio.”

logoKyotoClub“Per un paese manifatturiero come il nostro, con una leadership tecnologica indiscussa in alcune aree tra le quali appunto l’efficienza energetica, è fondamentale favorire la partecipazione delle nostre imprese alle gare internazionali per l’assegnazione dei fondi – ha sottolineato il Presidente del Comitato Industria e Ambiente di Confindustria Claudio Gemme. – Per questo come Confindustria promuoveremo un portale per supportare e ridurre le barriere informative alla partecipazione delle imprese. Gli investimenti in Rinnovabili ed Efficienza energetica nel periodo 2007-2015 ammontano a circa 50 miliardi di Euro e si stima il valore delle operazioni di finanziamento per investimenti connessi alla sostenibilità siano stati di quasi 738 miliardi di Euro. La finanza climatica – ha concluso Gemme – mobiliterà a livello internazionale risorse che non hanno precedenti”.

COnvegno Kyoto Club

Perché se è vero che la finanza green è l’occasione per riportare la finanza al servizio dell’economia reale, soltanto un modello di partenariato pubblico privato sembra essere in grado di attrarre investitori privati e ridurre il rischio che nel caso degli investimenti verdi è piuttosto alto.

Una piazza borsistica dedicata solo alla finanza green

La nuova “casa” della finanza green si chiama Luxembourg Green Exchange. Si tratta del primo caso al mondo in cui una piattaforma di contrattazione è dedicata unicamente a strumenti finanziari “verdi”. I suoi listini già ospitano la maggior parte dei 114 green bond già quotati alla borsa lussemburghese, per un valore complessivo che supera i 45 miliardi di dollari.

Lo scopo dichiarato è quello di fornire chiarezza e garanzie agli investitori, che di recente si stanno mostrando piuttosto scettici e spesso faticano a capire cosa si possa definire realmente come finanza green. Chi vuole quotare un green bond dovrà quindi assicurare alla nuova borsa che ogni euro raccolto sia destinato a progetti incentrati sull’ambiente e sulla lotta al cambiamento climatico. E per ogni progetto dovrà fornire report dettagliati, ex ante ed ex post.  Porte sbarrate, infine, a tutti i prodotti finanziari legati a combustibili fossili, energia nucleare, commercio di specie protette e test sugli animali.

 

Cosa sono e quanto valgono i green bond

I green bond, che sono sul mercato da circa un decennio, funzionano esattamente come tutte le altre obbligazioni. La loro particolarità è che sono emesse per finanziare progetti che hanno un impatto positivo per l’ambiente: energie rinnovabili, efficienza energetica, riciclaggio dei rifiuti e così via. Nel 2016, i titoli etichettati ufficialmente come green bond hanno toccato il valore di 118 miliardi di dollari nel mondo. Ma, ampliando il raggio fino a comprendere tutte le obbligazioni legate in qualche modo al clima, si arriva alla cifra di 694 miliardi di dollari. Lo rivela uno studio pubblicato quest’estate dalla Ong Climate Bonds Initiative su incarico della banca londinese HSBC.

http://www.giornalistinellerba.it/2017/02/28/kyoto-club-in-lotta-per-uneconomia-fossil-free/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...