LEGAMBIENTE TERRACINA ALLA FESTA DELLA FRANCIGENA DEL SUD DEL PROSSIMO 16 MARZO CON UN IMPEGNO E ALCUNE PROPOSTE DI VARIANTI: L’ IMPEGNO PER SPINGERE IL COMUNE E LA REGIONE A SUPERARE L’ATTUALE SCOGLIO DELLA SICUREZZA DEL TRACCIATO CON INTERVENTI IMMEDIATI IN ASSENZA DEI QUALI E’ CONCRETO IL RISCHIO CHE TERRACINA SIA ESCLUSA DAL PROCESSO DI CERTIFICAZIONE IN CORSO CHE DEVE ESSERE COMPLETATO ENTRO IL 2019 E QUINDI DI FATTO ESCLUSA DALLA VIA, E LA PROPOSTA DI DUE VARIANTI INTERNE TUTTE LEGATE ALLA VIA APPIA, DI CUI UNA GIA’ APPROVATA UFFICIALMENTE RELATIVA AL SENTIERO DEL TEMPIO DI GIOVE, RECENTEMENTE RIAPERTO DAL CIRCOLO CON IL SUPPORTO DEL PARCO DEGLI AUSONI, E L’ ALTRA COME VARIANTE URBANA PER IL CAMMINO DELLA VIA APPIA TRAIANEA.

Terracina, 13 marzo 2019                             Comunicato Stampa n. 126

La Via Francigena è un cammino medievale che attraversa tutta l’Europa da nord a sud per raggiungere i principali luoghi santi: Santiago di Compostela, Roma e Gerusalemme. Il Consiglio d’Europa dal 1994 ha riconosciuto questo Grande Itinerario Culturale Europeo come Itinerario Ufficiale del Cammino d’Europa. La Via Francigena del Sud si snoda lungo il basso Lazio, passando per la Campania e la Puglia, e di lì proseguendo, via mare e via terra, sino a Gerusalemme. Nel basso Lazio attraversa località che si trovano nella provincia di Roma sud e gran parte della provincia di Latina,, ricche di fascino dal punto di vista paesaggistico, naturalistico, artistico e storico culturale. Il percorso, inoltre, attraversa molti Parchi Regionali (Aurunci, Lepini, Ausoni, Castelli Romani), dell’Appia Antica e oasi naturali come quella di Ninfa e del Lago di Giulianello (monumento naturale). L’accordo tra le 5 regioni interessate alla Via Francigena del Sud (Lazio, Campania, Molise, Basilicata e Puglia) esiste già da tempo ma è ormai vicinissima la scadenza del 2019 con la completa georeferenziazione del tracciato, il completamento della segnaletica standard e la certificazione del tracciato anche dal punto di vista della sicurezza, da parte della Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF).

Il modello che si vuole importare in Italia è quello vincente del Cammino di Santiago: sotto un unico brand internazionale (Via Francigena) saranno raggruppati tutti i brand territoriali delle vie storiche del Sud Italia (per esempio Traiana e Micaelica). A tale proposito e a testimonianza dell’importanza della Via Francigena per lo sviluppo turistico e culturale del nostro Paese, e’ stata presentata lo scorso 27 gennaio a Monteriggioni la App Via Francigena sviluppata da ItinerAria Srl, società specializzata ed expert partner AEVF, strumento gratuito fruibile in lingua italiana e inglese, per i pellegrini e i turisti che a piedi o in bicicletta vogliono intraprendere l’itinerario, permettendo la navigazione Gps lungo l’intero percorso da Nord al Centro, circa mille chilometri divisi in 45 tappe dal Colle del Gran San Bernardo a Roma. L’applicazione, consente anche di inviare segnalazioni più precise sulle eventuali criticità del percorso. Nella sezione dedicata all’accoglienza, inoltre, grazie ad una funzione “Vai a” il fruitore arriva direttamente a destinazione seguendo le indicazioni fornite dalla App. La App è stata realizzata dall’Associazione Europea delle Vie Francigene (AEVF) in collaborazione con le sette Regioni italiane del Nord attraversate dall’itinerario (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Lazio) e i cantoni Vaud e vallese della parte svizzera.

Il prossimo sabato 16 Marzo nel complesso dell’Abbazia di Fossanova le Associazioni dei pellegrini e camminatori/viaggiatori e le Associazioni ambientaliste dell’ area a Sud di Roma  festeggeranno il riconoscimento della Via FRANCIGENA Nel Sud, Cammino Culturale Europeo (https://www.viefrancigene.org/it/AEVF/comitato-europeo/), per sottolineare il lavoro svolto dalle associazioni e dai comuni, insieme alla Regione Lazio, per la certificazione del tracciato del cammino Francigeno a sud di Roma, grazie all’infaticabile attivismo del gruppo dei Dodici, insieme alle  associazioni ambientaliste e di camminatori del Basso Lazio. L’evento organizzato con il patrocinio della Regione Lazio, Associazione Europea delle Vie Francigene, Compagnia dei Lepini e i Comuni di Maenza e Priverno, prevede due Cammini e una Conferenza a cui partecipano l’Assessore Regionale al Turismo della Regione Lazio on. Lorenza Bonaccorsi ed il Presidente dell’Associazione Europea della Via Francigena  Massimo Tedeschi, deputati alla certificazione del percorso. Il primo cammino parte alle ore alle ore 8:00 di sabato 16 marzo dalla piazza antistante il Palazzo Baronale di Maenza per arrivare all’Abbazia di Fossanova mentre il secondo cammino parte dalla Cattedrale di Priverno e percorrerà la Via Francigena nel Sud per l’Abbazia di Fossanova. Sarà possibile partecipare al costo di 10 euro al pranzo del pellegrino, organizzato e curato da Campagna Amica della Coldiretti di Latina. L’incontro conviviale sarà accompagnato dai canti popolari del Coro delle Donne di Giulianello (Cori). Il culmine della Festa si avrà alle ore 15.00 quando inizierà la conferenza dal titolo “La Via Francigena del Sud, Cammino Culturale Europeo”. Essa avrà il compito di descrivere il tracciato e lo stato dell’arte del procedimento di approvazione, di coinvolgere i Comuni, gli Enti Istituzionali locali e regionali sull’importanza e le ricadute culturali spirituali, turistiche ed economiche sui territori. Alla discussione parteciperanno numerose Associazioni, Sindaci e rappresentanti istituzionali, che hanno aderito alla manifestazione, tra cui il nostro Circolo. Per informazioni e per l’adesione: Giuseppe Pucci tel.3498087237 e email,  info@romaefrancigena.eu

“Il nostro Circolo parteciperà con una propria delegazione sia ai Cammini che alla Conferenza ribadendo l’assoluta centralita’ della Via Francigena per lo sviluppo culturale, ambientale e turistico del nostro Territorio. Il tracciato della Via Francigena del Sud che coinvolge Terracina, tracciato che per la prima parte risulta di proprietà del Comune di Terracina e per la seconda parte di un privato, ricadente sempre nel comune di Terracina, prevede il percorso sulla Strada e il Sentiero Panoramico “Sentiero del Tempio”  (recentemente proposto come variante proprio dal nostro Circolo) verso Giove ANXUR e Piazza Palatina e prosegue, prima della Cava, dopo la casa Minghella, per l’Appia strada statale 7, e  purtroppo presenta importanti problematiche di sicurezza per i pellegrini che si troverebbero, nella ultima parte a camminare direttamente sull’Appia. Purtroppo anche la proposta di modifica con il passaggio sopra la Cava per scendere poi all’Epitaffio, ex dogana pontificia, e quindi con il passaggio su una strada secondaria, parallela all’Appia 7 verso sud sino a congiungersi con la traccia regionale, fino alla  Portella, ex dogana di confine del Regno di Napoli, presenta anch’esso ulteriori difficolta’ in quanto risulta ad alto rischio idrogeologico (R4), come riportato dal Piano di Assetto Idrogeologico regionale (PAI). A tale proposito il nostro Circolo, al fine di evitare che Terracina possa essere addirittura esclusa dal tracciato oggetto di certificazione, dato l’approssimarsi della scadenza del 2019, considerando che ad oggi si prevede già il passaggio diretto da Sonnino a Monte San Biagio, si impegnera’ a valutare ogni possibile alternativa e spingerà affinche’ il Comune di Terracina, di concerto con la Regione Lazio, anche alla luce della L.R. 2/2017 – (Rete dei Cammini nel Lazio), individui presto una linea di finanziamento, anche al di fuori della delibera CIPE che riguarda la Francigena nel Sud, per la messa in sicurezza del tracciato. Per essere certificato, un percorso deve infatti rispondere a dei requisiti precisi anche di sicurezza e a tale proposito strategico è il ruolo di AEVF (Associazione Europea Vie Francigene) come ente garante, al Consiglio d’Europa, che tutto il percorso (da Canterbury sino a Leuca, attraverso Inghilterra, Francia, Svizzera e Italia) risponda ai requisiti previsti, una certificazione che ha validità triennale. Il 18 settembre scorso infatti le Regioni del Centro Sud hanno trasmesso ufficialmente al Mibac le tracce del percorso della VFS, secondo un processo trasparente ma anche dinamico e continuo che ogni tre anni offre la possibilità di aggiornare il percorso valutando le proposte del territorio, seguendo gli standard europei per le azioni di segnaletica, ma dato l’approssimarsi della scadenza del 2019 per la certificazione del percorso, è assolutamente necessario per Terracina mettere in priorita’ gli interventi necessari”- dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”.

Inoltre il nostro Circolo Legambiente, oltre ad aver proposto come variante ALTA il rinnovato e recentemente riaperto Sentiero del Tempio di Giove, una delle zone più preziose di Terracina, dal punto di vista naturalistico (Zona Speciale di Conservazione inserita nella rete NATURA 2000) e dal punto di vista Archeologico, con l’Antico Tempio di Giove a picco sul mare, e che solo recentemente è stato riaperto alla fruizione grazie all’intervento del Circolo Legambiente Terracina e il supporto dell’Ente Parco Regionale Monti Ausoni, dopo un devastante incendio nel 2015, proposta poi approvata e quindi inserita nella Via Francigena del Sud- Direttrice Via Appia, è autore anche della proposta di inserire come variante BASSA (urbana) della Via Francigena del Sud- Direttrice Via Appia, il Cammino della Via Appia di Traiano, come parte del più ampio progetto nazionale APPIA DAY-APPIA NET di Legambiente, di cui il Comune di Terracina e il Parco Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi sono Enti aderenti e firmatari del protocollo, un cammino che prevede un anello urbano con partenza dal Parco del Montuno, parco panoramico di grande pregio con vista sulla città,  con visita ai resti dei magazzini dell’antico Porto Traianeo, riaperto recentemente grazie all’impegno del Circolo Legambiente, con visita all’Area Archeologica di Via Stella Polare (banchina Est-Ovest dell’Antico Porto Traianeo) e al Taglio traianeo del Pisco Montano per la Via Appia, una delle opere di ingegneria stradale più imponenti dell’eta’ imperiale, per arrivare a Appia Antica a Villa Salvini, uno dei tratti in basolato originale meglio conservati dell’Appia dopo Roma, inserito in una Villa privata situata in un contesto storico-archeologico-naturalistico di grande pregio, solo recentemente riaperta grazie all’impegno Circolo Legambiente e che per la particolare rilevanza ha ricevuto anche il patrocinio gratuito della Regione Lazio – Visit Lazio.

via francigena

Tracciato della Via Francigena in Italia

https://www.ilfaroonline.it/2019/03/13/terracina-rischio-esclusione-dal-tracciato-della-via-francigena-la-proposta-del-pisco-montano/265021/

http://www.anxurtime.it/via-francigena-del-sud-legambiente/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2313/il-circolo-legambiente-alla-festa-della-francigena-del-sud-del-16-marzo-con-un-impegno-e-alcune-proposte-di-varianti

http://www.latinatoday.it/attualita/legambiente-terracina-festa-francigena-sud.html

 

ULTIMI due archeotour con il Circolo Legambiente di Terracina per la Rassegna Estiva “AppiaDAY: Terracina La Regina della Via Appia- SU e Giu’ per le Vie Appie”, patrocinata dal Comune di Terracina, Parco Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi, in collaborazione con CoopCulture e Kariboo-Bike rental terracina, PER LA VALORIZZAZIONE ECOARCHEOLOGICA DELL’APPIA A TERRACINA. Appuntamento il 14 settembre alle ore 18 presso l’ingresso del Sentiero del Tempio (davanti al Parco della Fossata) e il 15 settembre alle ore 18 presso il Parco del Montuno in Via Dante Alighieri a Terracina. OGNI ARCHEOTOUR AL COSTO PROMOZIONALE 6 EURO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA AL 3491412199

Comunicato stampa n.108                                                         11.9.2018

La escursione del prossimo 14 settembre con partenza puntuale alle ore 18.00 all’ingresso del Sentiero del Tempio, davanti al Parco della Fossata, con percorso guidato a cura del Circolo Legambiente Terracin, in collaborazione con CoopCulture e con il patrocinio del Comune di Terracina e del Parco Regionale dei Monti Ausoni e del Lago di Fondi, oltre ad una bella passeggiata storico-naturalistica e archeologica di circa 2,5 ore rappresenta una occasione civica per rimettere al centro dell’agenda ambientale e culturale cittadina, provinciale e regionale il Sito di Importanza Comunitaria di Monte Sant’Angelo (solo recentemente dichiarata Zona di Conservazione Speciale (ZSC) con decreto ministeriale del 27/12/2016 ai sensi del Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonche’ della flora e della fauna selvatiche) e il suo simbolo famoso nel mondo del Tempio di Giove, abbandonato dal devastante incendio del 2015, riaperto dal Circolo a febbraio di quest’anno e manutenuto in collaborazione con il Parco. Due guide naturalistiche del Circolo, Michele Forte e Roberta Foscarin, guideranno sul sentiero alla ricerca di specificità botaniche e racconteranno la storia e la geologia del Sentiero mentre Coopculture guiderà una visita del Tempio di Giove all’imbrunire con la possibilità di godere del tramonto del Sole e del sorgere della Luna.

L’archeotour dedicato alla Via Appia traianea del 15 settembre, sempre a cura del Circolo Legambiente, con il contributo del team archeologico del Comitato Appia Day formato da Anna Giannetti, Gabriele Subiaco e Giulio Basile, prevede la partenza dal Parco del Montuno alle ore 18.00, con visita guidata che descrive l’importanza archeologica del Parco, perfettamente inserito nel disegno del Porto Traianeo, continuando il percorso lungo tutta l’Area Archeologica del Porto Traianeo, fino ad arrivare a Villa Salvini, dove potremo ammirare i resti molto ben conservati dell’Appia Traianea. Si prosegue poi per la strada panoramica fino al Museo della Città dove avremo l’accesso e la visita guidata a cura di Coopculture al più antico miliare ritrovato dell’Appia (ritrovato proprio a Villa Salvini per fortunata coincidenza) e alle sale dedicate all’Appia nel Museo sito nel Palazzo della Bonificazione Pontina.

“Il nostro Circolo continua a perseguire, dopo vari e importanti eventi e rassegne degli anni scorsi, e avvalendosi della preziosa collaborazione con il Comitato nazionale Appia Day e con Coopculture, l’obiettivo della valorizzazione ecoarcheologica di Terracina come “La Regina della Via Appia”, – afferma Anna Giannetti, presidente del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” – a partire dal Parco del Montuno (luogo di appuntamento e prima visita per quasi tutti gli eventi), appena riaperto con il grande contributo civico e l’impegno del Circolo, e ora in Convenzione, con la possibilità di attraversare tutti gli snodi dell’Appia Traianea e costiera, con l’ apertura al pubblico di Villa Salvini, villa storica e patrimonio unico cittadino mai aperto prima al grande pubblico, anch’essa riaperta grazie al contributo civico del Circolo e ora in Convenzione, e risalire su verso l’Appia Claudia, fermandosi al Museo della Città proprio per approfondire la storia della Via Appia con il più antico miliare mai ritrovato della Via Appia, recentemente restaurato e riaperto alla visione del pubblico proprio presso il Museo a Terracina, fino al Santuario del Tempio di Giove, attraversando il Parco degli Ausoni e il prezioso SIC (ora ZSC) di Monte S. Angelo, ricco di natura, lungo tutto il tracciato dell’Appia.

IL PREZZO PROMOZIONALE PER OGNI TOUR E’ DI 6 EURO E INCLUDE TUTTI GLI ACCESSI E LE VISITE GUIDATE PER TUTTI GLI ITINERARI. OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE AL NUMERO INFOLINE 3491412199

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

http://www.gazzettinodelgolfo.it/terracina-la-regina-della-via-appia-su-e-giu-per-le-vie-appie/

http://www.anxurtime.it/appiaday-ultimi-due-appuntamenti/

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-appiaday-terracina-la-regina-della-via-appia-su-e-giu-per-le-vie-appie-il-14-settembre-alle-ore-18/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1926/ultimi-due-archeotour-per-la-rassegna-estiva-appiaday-terracina-la-regina-della-via-appia–su-e-giu-per-le-vie-appie

http://www.h24notizie.com/2018/09/legambiente-terracina-ultimi-due-archeotour-per-la-rassegna-estiva-appia-day/

http://www.latinatoday.it/eventi/ultimi-due-archeotour-appiaday.html

https://www.ilfaroonline.it/2018/09/13/appia-day-a-terracina-in-arrivo-gli-ultimi-2-archeotour-con-il-circolo-legambiente/237671/

 LATINA OGGI del 

41620623_339514516822650_5540674929017487360_n

LA RETE APPIANET LANCIATA A MAGGIO SCORSO DALLA REGGIA DI CASERTA E COSTITUITASI DA SUBITO A TERRACINA, COORDINATA DAL CIRCOLO LEGAMBIENTE LOCALE, CON IL COMUNE DI TERRACINA, PARCO REGIONALE MONTI AUSONI, COOPCULTURE, IN COLLABORAZIONE CON KARIBOO-TERRACINA BIKE RENTAL, LANCIA UNA SERIE DI EVENTI ESTIVI PROMOZIONALI A MARCHIO “APPIA DAY”, SU PRENOTAZIONE AL 3491412199, PER LA VALORIZZAZIONE DELLA VIA APPIA A TERRACINA. DURANTE I GIORNI DEGLI EVENTI SARA’ ANCHE POSSIBILE ORGANIZZARE SEMPRE SU PRENOTAZIONE DEGUSTAZIONI DI CUCINA ROMANA ANTICA COSTIERA.

Comunicato stampa n.102                                                              19.7.2017

Anche Terracina, e dopo due anni di intenso lavoro del Circolo Legambiente locale, membro del comitato nazionale Appia Day, per rendere la Regina Viarum oltre che un attrattore culturale, una vera e propria direttrice di sviluppo in chiave turistica, nell’ottica di nuovo approccio per la crescita sociale, culturale ed economica della Città, avrà il suo calendario estivo di eventi dedicati, su prenotazione e accessibili dal sito nazionale www.appiaday.it e quindi aperti ad un pubblico nazionale e internazionale.  La rete Appia Net, frutto della collaborazione tra Legambiente, CoopCulture e Touring Club Italiano presentata in occasione dell’Appia Day del maggio scorso presso la Reggia di Caserta https://www.legambiente.it/contenuti/comunicati/nasce-appia-net-la-rete-di-alleanze-il-rilancio-dell-antica-appia-da-roma-brind e il Comitato Nazionale Appia Day, Il Comune di Terracina, Il Parco Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi, Il Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” con Kariboo- Terracina Bike rental, giovane start up nel settore della mobilità ciclistica e CoopCulture, tutti membri della AppiaNet e sottoscrittori del protocollo di intesa Appia Day, lanciano un calendario estivo ricco di iniziative, tutte improntate alla riscoperta dei luoghi delle Vie Appie a Terracina: Appia “Traianea” e “Claudia”. Eventi pensati per muoversi rigorosamente senza auto – passeggiate, escursioni, trekking urbani, archeobicitour alla riscoperta del nostro bellissimo territorio-  con pacchetti promozionali che comprendono visite guidate, in italiano e inglese, con visita al Parco a valenza ecoarcheologica del Montuno, parte del disegno dell’Antico Porto Traianeo, appena riaperto e valorizzato dal Circolo in Convenzione con il Comune, l’apertura straordinaria della storica Villa Salvini, con il suo tratto di basolato di Appia Antica traianea originario, rimessa a nuovo e gestita dal Circolo in Convenzione con la proprietaria Sig.ra Gigliola Salvini e visite al Museo della Città a cura di Coopculture per approfondire tutto il percorso dell’Appia a Terracina con visite storico-naturalistiche attraverso il panoramico Sentiero del Tempio, ripulito dal Circolo in collaborazione con il Parco Ausoni, fino ad arrivare al Santuario del Tempio di Giove per gustarsi uno spettacolare tramonto, tutti pensati per vivere l’archeologia e il territorio a piedi e in bici.

“L’Appia Day e i suoi eventi – afferma Alberto Fiorillo, responsabile nazionale aree urbane di Legambiente – hanno l’obiettivo di unire idealmente le tante città e comunità locali che si snodano lungo questo antico tracciato per chiederne la pedonalizzazione per l’intero anno, a partire dalla città di Roma, così da poterla finalmente considerare la porta d’accesso a una nuova idea di città. Questo è anche lo scopo della creazione della rete Appia Net. Inoltre proprio ieri, dopo quasi 20 anni, finalmente è stato approvato dalla Regione Lazio il Piano di assetto del Parco dell’Appia Antica – che coinvolge inizialmente il territorio dei Comuni di Roma, Ciampino e Marino – con l’obiettivo di favorire la tutela ambientale, paesaggistica e archeologica e le esigenze di sviluppo di un territorio protetto. Siamo felici che Terracina, grazie al lavoro del Circolo locale fatto in pochi anni con la riapertura di Parchi, Sentieri e Ville storiche, della volonta’ della Amministrazione Comunale e del Parco Ausoni, entrambi sottoscrittori del Protocollo di Intesa Appia Day, e della grande collaborazione con CoopCulture, gestore del Museo e del Tempio di Giove e nostro partner d’eccellenza in Appia Net, sia in prima linea a livello regionale e nazionale per costruire un museo territoriale diffuso per la valorizzazione della Via Appia e per un nuovo utilizzo del territorio e dei beni comuni che possa più facilmente “agganciarsi” per la sua struttura coordinata e sistemica al Parco dell’Appia Antica”.

“Il nostro Circolo, che si arricchisce del nuovo associato Kariboo-Terracina Bike Rental, continua a perseguire, dopo vari e importanti eventi e rassegne degli anni scorsi, l’obiettivo della valorizzazione ecoarcheologica di Terracina come “La Regina della Via Appia”, – afferma Anna Giannetti, presidente del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” – a partire dal Parco del Montuno (luogo di appuntamento e prima visita per quasi tutti gli eventi), appena riaperto con il grande contributo civico e l’impegno del Circolo, e ora in Convenzione, con la possibilità di attraversare tutti gli snodi dell’Appia Traianea e costiera, con l’ apertura al pubblico di Villa Salvini, villa storica e patrimonio unico cittadino mai aperto prima al grande pubblico, anch’essa riaperta grazie al contributo civico del Circolo e ora in Convenzione, e risalire su verso l’Appia Claudia, fermandosi al Museo della Città proprio per approfondire la storia della Via Appia fino al Santuario del Tempio di Giove, attraversando il Parco degli Ausoni e il prezioso SIC di Monte S. Angelo, ricco di natura, lungo tutto il tracciato dell’Appia. Ci auguriamo che la nostra proposta promozionale, che include anche una proposta innovativa di mobilita’ ciclistica, sia ben accolta dai cittadini e dai numerosi turisti anche stranieri. Non potevamo che lanciare questa iniziativa proprio in coincidenza della storica approvazione di ieri da parte del Consiglio Regionale del Lazio, del Piano di assetto del Parco Archeologico dell’Appia Antica, per il quale Legambiente nazionale, Legambiente Lazio e tutti i circoli si sono sempre battuti!

Inoltre, in occasione della prossima Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2018, nella giornata del 20 settembre, ci sarà una Special Edition, con molte interessanti “novita’”, dell’archeobicitour “Su e Giu’ per le Vie Appie” e grazie al nostro partner gastronomico A CASA DI MARCO GAVIO APICIO, in corrispondenza con le giornate degli eventi, ci sarà la possibilità di effettuare – solo su prenotazione da effettuarsi almeno 3 giorni prima chiamando l’INFOLINE 3491412199 – degustazioni tematiche, ispirate alla ricerca gastronomica portata avanti dal Circolo ormai da due anni sulla cucina romana costiera antica, ricerca che quest’anno si arricchira’ di una collaborazione strutturata con il prestigioso Istituto Alberghiero A. Filosi. Molti eventi saranno poi ripetuti durante tutto l’anno con un ricco Calendario invernale che è già in fase di preparazione. Per ogni ulteriore informazione consigliamo sempre di controllare gli aggiornamenti sul sito www.appiaday.it – Iniziative dai territori e di prenotare sempre con l’INFOLINE 3491412199”.

Calendario Estivo APPIA DAY 2018

Il primo evento venerdì prossimo 20 luglio presso il Sentiero del Tempio (appuntamento ore 18 davanti al parco della Fossata). Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

http://www.latinatoday.it/eventi/appia-day-escursioni-legambiente.html

http://www.anxurtime.it/terracina-partecipa-allappia-day/

http://www.parcoausoni.it/appia-day-calendario-estivo-di-eventi-dedicati-organizzati-dal-circolo-legambiente-pisco-montano-terracina-lt/

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-promozione-marchio-appia-daygli-eventi-in-programma/

http://www.comune.terracina.lt.it/news/news_action.php?ACTION=due&STRUTTURA=24&SOTTOSTRUTTURA=&cod_archivio=5953

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1825/la-rete-appianet-lancia-una-serie-di-eventi-estivi-promozionali-a-marchio-appia-day

https://www.ilfaroonline.it/2018/07/21/terracina-calendario-degli-eventi-estivi-appianet/230947/

http://www.h24notizie.com/2018/07/terracina-la-rete-appia-net-annuncia-un-fitto-calendario-di-eventi/

http://www.latinatoday.it/eventi/appia-day-2018-tempio-di-giove.html

https://www.latinatoday.it/eventi/appia-day-2018-tempio-di-giove.html

 Latina Oggi del 26.7.2018

Latina oggi del 26 luglio APPIA NET

Latina Oggi del 20.8.2018

39685851_1891049324534114_2478858203295645696_n

APPIA DAY 2018: DOPO IL SUCCESSO DELLO SCORSO ANNO ANCHE QUEST’ANNO GRAZIE ALLA COLLABORAZIONE SINERGICA TRA AMMINISTRAZIONE LOCALE, ENTE PARCO REGIONALE AUSONI, COOPCULTURE E CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA CON IL SUPPORTO DI KARIBOO-BIKE RENTAL TERRACINA, TERRACINA SARA’ TEATRO DI UNA IMPORTANTE RASSEGNA DENOMINATA “TERRACINA LA REGINA DELLA VIA APPIA – SU E GIU’ PER LE VIE APPIE A TERRACINA”, CON UNA SERIE DI EVENTI, CONFERENZE, PULIZIE, ARCHEOTOUR, ARCHEOENOGASTRONOMIA, ARCHEOBICITOUR NELLE GIORNATE DEL 4, 5, 13 e 19 maggio.

COMUNICATO STAMPA N. 90                                                     9 maggio 2018

In occasione dell’ APPIA DAY nazionale che nelle passate due edizioni ha visto la partecipazione di oltre 100mila persone, e che è partito ufficialmente il 5 maggio da Caserta e non coinvolgerà solo Roma, ma tutto il tracciato della regina viarum tra la Capitale e Brindisi con oltre 200 appuntamenti, tra aperture straordinarie e gratuite dei monumenti, passeggiate, trekking, ciclotour, musica e spettacoli, visite guidate e laboratori (programma completo disponibile sul sito www.appiaday.it), Terracina sarà teatro di una importante rassegna denominata “TERRACINA LA REGINA DELLA VIA APPIA – SU E GIU’ PER LE VIE APPIE A TERRACINA” organizzata dal Circolo Legambiente Terracina, membro del Comitato Promotore Nazionale di cui fanno parte, oltre Legambiente, Touring Club Italiano e Coopculture e altre importanti associazioni e istituzioni come il MIBACT, la Regione Lazio, il Comune di Roma, il Parco archeologico dell’Appia Antica, il Parco Regionale dell’Appia Antica e la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, con il patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Roma,  insieme a Coopculture Terracina, con il supporto di Kariboo-Bike Rental Terracina, e con il patrocinio del Comune di Terracina e del Parco Regionale dei Monti Ausoni, entrambi firmatari del protocollo di intesa per APPIA DAY su proposta del Circolo Legambiente Terracina.

 “Siamo felici di poter rinnovare anche quest’anno la partecipazione attiva di Terracina all’evento nazionale con una importante rassegna che testimonia ancora una volta l’importanza di Terracina per il #camminodellaviaappia, e di poter salutare, davvero con grande soddisfazione dopo il lavoro intenso del Circolo, la sottoscrizione del protocollo di intesa per Appia Day da parte del Comune di Terracina e del Parco Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, entrambi firmatari e presenti con il proprio patrocinio alla rassegna” afferma Anna Giannetti, Presidente di Legambiente Terracina “e inoltre annunciamo che alcuni eventi previsti nella rassegna di Terracina, già presenti sul sito nazionale www.appiaday.it, saranno riproposti con la stessa formula durante tutta l’estate con cadenze programmate secondo un calendario estivo molto ricco di archeologia, storia, archeogastronomia, ecosostenibilità e natura”.

 Gli eventi della rassegna sono i seguenti:

Il 4 maggio alle ore 19.30 si è tenuta a Terracina una conferenza all’interno della Rassegna culturale Filosera – presso la Sala Feronia dell’Istituto A. Filosi, http://www.appiaday.it/2018/05/02/lungo-la-via-appia-racconti-storia-vita-della-regina-viarium/ per parlare del cammino di rigenerazione della Via Appia a terracina con particolare attenzione a quanto è stato fatto dal Circolo per la Via Appia Traianea con una serie di eventi di rigenerazione e valorizzazione e la riapertura di siti archeologici importanti come Appia Antica a Villa Salvini e Parco del Montuno  sull’ Antico Porto Traianeo, e la pulizia di importanti aree archeologiche come l’Area del Molo e l’Area Archeologica Stella Polare durante gli eventi di Legambiente – Clean Up the World – Puliamo il Mondo, attività già presentate in convegni nazionali e internazionali.

Il 5 maggio dalle ore 10-13 si è tenuto a Terracina un evento, organizzato dal Circolo, aperto a tutta la cittadinanza denominato “Aspettando l’Appia Day – Pulizia dell’Appia” https://www.facebook.com/events/22978637426843 http://www.appiaday.it/2018/05/03/aspettando-lappia-day-pulizia-dellappia/ in cui si è ripulito  il tratto in basolato originario presente presso Villa Salvini, gestita dal Circolo in convenzione e, mentre ci si prende cura dell’antico basolato, immerso in uno splendido giardino, si sono ascoltati i racconti della Via Appia Traianea e le meraviglie contenute nella Villa Salvini.

Il 5 maggio, dalle 9 alle 13, a Caserta, si è tenuto il Forum Verso l’Appia, http://www.appiaday.it/2018/04/12/verso-appia-day/ organizzato da: Legambiente | Touring Club | CoopCulture presso la Reggia di Caserta – Sala Romanelli, con Comuni, istituzioni, associazioni, comitati e aree protette che prendono parte al festival diffuso della regina viarum dove Terracina porta gli importanti lavori del Teatro Romano sulla Via Appia e le importanti azioni di rigenerazione civica territoriale delle zone della Via Appia traianea e dell’Antico Porto Traianeo (apertura alla cittadinanza e ai turisti di Villa Salvini e Parco del Montuno) nello spirito di rete sinergica e collaborativa tra i luoghi della cultura pubblici e privati, comuni, aree protette, regioni, associazioni, volontariato, imprese locali.

Per domenica 13 maggio il Comune di Terracina e il Circolo, parteciperanno ufficialmente, insieme a Coopculture, all’evento a Roma http://www.appiaday.it/programma-2018/ con una propria delegazione, in modo da testimoniare la presenza del nostro territorio e le preziosità della Via Appia a Terracina nel contesto del più grande evento nazionale nel Parco Archeologico dell’Appia Antica a Roma. Infatti nel tratto romano della consolare, costruita nel 312 a.C., cuore dell’Appia Day, il 13 maggio saranno oltre 150 gli eventi in programma con l’apertura straordinaria e l’ingresso gratuito in aree archeologiche, monumenti e musei pubblici che costeggiano il cammino dell’Appia. La delegazione promuoverà l’itinerario da Roma a Terracina, passando per il Parco dei Castelli ed Ariccia, importante snodo della Via Appia, anche in collaborazione con l’Archeoclub Aricino Nemorense.

Sempre per domenica 13 maggio si organizzerà a Terracina a cura di Coopculture e Legambiente Terracina, un archeotour guidato “Seguendo la Via Appia Antica” http://www.appiaday.it/2018/05/04/seguendo-lappia-antica /    con partenza alle ore 9:30 dal Centro Antico della Città (Piazza Santa Domitilla – Palazzo della Bonificazione Pontina-Museo della Città) con cenni storici su Terracina e approfondimenti sul Foro Emiliano, Cattedrale e cd. Capitolium. Si arriverà poi al Teatro Romano sulla antica Via Appia, attraverso via della Palma, dove, dal retro delle rovine archeologiche, si narra del teatro nell’antica Roma. Dal teatro, proseguendo su Via di San Francesco Nuovo, con le mura urbane sulla sinistra, si raggiunge il Convento di San Francesco, con i suoi resti romani e medievali; dal convento è visibile il Castello Frangipane di cui si narra la storia. Si prosegue poi per Via San Francesco Nuova su Via Anxur, incontrando i resti della Porta di accesso alla città romana e medioevale, fino a giungere all’ultima tappa della visita, rappresentata dal Colombario, dove si racconterà delle tipologie sepolcrali presenti lungo la via Appia. Seguirà una descrizione sul proseguimento della via fino all’ultimo tratto visibile nella zona di Terracina (piazza Palatina) dove, secondo il passo pliniano, si è svolta la battaglia di Lautulae.

 Per sabato 19 maggio a Terracina verrà organizzato, da Legambiente Terracina e Coopculture, in collaborazione con una start up ecologica locale Kariboo (Accoglienza), associata al Circolo Legambiente Terracina, un innovativo archeobicitour itinerante e gratuito, denominato “Su e giu’ in bici e a piedi per le Vie Appie di Terracina: visioni storiche e panoramiche” http://www.appiaday.it/2018/05/04/giu-la-via-appia-visioni-storiche-panoramiche/ dedicato proprio al grande crocevia rappresentato da Terracina – Regina della Via Appia-  che ospita le due Vie appie più importanti (Claudia e Traianea), aperto a tutti anche ai bikers, che prevede sia un percorso a piedi che in bici, anche con la possibilità di affitto di biciclette assistite elettriche, che per l’occasione saranno gratuite (solo su prenotazione al numero 334 931 5287).

  • Ore 14.30 Visita guidata al Parco del Montuno sull’Antico Porto Traianeo – Panorama sulla città a cura del Circolo
  • Ore 15.30 Visita al tratto di Basolato antico della Via Appia presso Appia Antica a Villa Salvini, gestita in convenzione dal Circolo, Via G. Marconi 3 a cura del Circolo
  • Ore 17 Visita al Miliare più antico della Via Appia, ritrovato a Villa Salvini e restaurato e presente nel Museo della Città – Palazzo della Bonificazione Pontina, Piazza Domitilla (a cura di Coopculture)
  • Ore 18 Accesso a piedi al panoramico Sentiero del Tempio di Giove recentemente riaperto dal Circolo con il supporto del Parco Regionale dei Monti Ausoni e del Lago di Fondi, e visita guidata alle bellezze storiche, geologiche, naturalistiche e archeologiche del percorso a cura del Circolo (il sentiero non presenta particolari difficoltà o dislivelli, tranne l’ultimo tratto, ma è fortemente consigliato solo a persone adulte in buona salute) mentre per i bikers si prosegue sulla Strada Panoramica fino al Piazzale del Tempio di Giove.
  • Ore 19 Arrivo al Tempio al tramonto e visita al Tempio di Giove (a cura di Coopculture)

Inoltre, a partire per tutta la settimana da domenica 13 maggio a pranzo fino a domenica 20 maggio a pranzo ci sarà un evento archeoenogastronomico di cucina esperienziale antica http://www.appiaday.it/2018/05/09/casa-marco-gavio-apicio/ organizzato da “A casa di Marco” e dal Circolo Legambiente Terracina “Pisco.Montano”, con un menu fisso a 10 euro “Appiaday a Terracina” con prodotti e vini rigorosamente locali per sperimentare in un contesto raccolto,  informale e divertente, molto simile alla Taberna romana, la cucina romana antica costiera di Marco Gavio Apicio, gastronomo tra i piu’ importanti dell’epoca romana. Il menu varierà ogni volta e sarà ispirato ai canoni della cucina romana delle tabernae sulla Via Appia e sarà ogni volta presentato con un racconto interessante, con particolare attenzione agli usi e costumi della Via Appia. Posti limitati. Per info e prenotazioni telefonare sempre almeno due giorni prima al 3491412199.  

http://www.agoraregionelazio.com/appia-day-e-legambiente-connubio-perfetto/

http://www.anxurtime.it/appia-day-2018/

http://www.latinatoday.it/cronaca/appia-day-2018-iniziative-terracina.html

https://www.ilfaroonline.it/2018/05/10/appia-day-la-rassegna-eventi-organizzati-terracina-legambiente-coopculture/221077/

http://www.comune.terracina.lt.it/news/news_action.php?ACTION=due&cod_archivio=5859&HOME=1

http://www.terracinaturismo.com/ambiente/appia-day-terracina-seguendo-la-via-appia-antica/

http://www.parcoausoni.it/3764-2/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1657/appia-day-2018-terracina-la-regina-della-via-appia-su-e-giu-per-le-vie-appie-a-terracina

 

 

 

 

IL CIRCOLO LEGAMBIENTE DI TERRACINA FIRMA OGGI UN IMPORTANTE PROTOCOLLO DI INTESA CON l’ENTE PARCO REGIONALE MONTI AUSONI E LAGO DI FONDI PER LA TUTELA E LO SVILUPPO DELLA SENTIERISTICA NEI SIC/ZSC DI MONTE SANT’ANGELO E MONTE LEANO e NELLE ZONE COLLINARI DI CAMPOSORIANO E SANTO STEFANO – SIC/ZSC MONTI AUSONI MERIDIONALI, PER PROMUOVERE ED ORGANIZZARE INIZIATIVE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E PER ATTIVARE SERVIZI DI VIGILANZA E MONITORAGGIO PER LA PREVENZIONE DEGLI INCENDI E DELL’ABBANDONO ILLECITO DI RIFIUTI IN COLLABORAZIONE CON L’UFFICIO DI VIGILANZA GUARDIAPARCO.

COMUNICATO STAMPA N. 85                                                      29.3.2018

Il Circolo Legambiente Terracina, a soli due anni dalla propria costituzione, firma oggi un importante protocollo di intesa con il Parco Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi al fine di favorire la sempre maggiore integrazione del territorio di Terracina nelle aree del Parco e al fine di tutelare, custodire, sviluppare e valorizzare in modo organizzato e disciplinato tutto il preziosissimo territorio collinare e montano di Terracina, appartenente ad aree protette dall’Unione Europea SIC, ZSC, ZPS ai sensi della Direttiva Habitat.

“Siamo particolarmente onorati di questo risultato e non potevamo che festeggiare al meglio i nostri due anni intensi di vita, se pensiamo che appena nati, già ribadivamo nel primo comunicato “fondamentale per noi è l’integrazione del territorio di Terracina  nel contesto del Parco Regionale degli Ausoni e Lago di Fondi con tutte le preziose ZPS (zone protette speciali), i SIC (siti di importanza comunitaria) e tutte le aree protette del Parco e i propri Monumenti Naturali di Camposoriano e Monte Sant’Angelo-Tempio di Giove attraverso percorsi escursionistici e didattici”.

parcoausoni2

Foto della prima escursione Legambiente Terracina il 28 marzo 2016 a Camposoriano per la Pasquetta al Parco

Il risultato premia sicuramente il grande lavoro svolto in questi due anni dai nostri Soci Volontari e il grande impegno anche di formazione tecnica, legale e scientifica e il costante aggiornamento delle nostre Guardie Ambientali Zoofile Volontarie Legambiente, appena costituitesi in Raggruppamento per la Provincia di Latina.

Infatti, sono state tante le nostre iniziative, tutte apprezzate dai vertici dell’Ente Parco, centrate sulla valorizzazione del Parco Regionale, a partire dalla prima Pasquetta a Camposoriano organizzata a marzo del 2016 http://www.parcoausoni.it/28-marzo-pasquetta-nel-parco/ alle visite guidate della Appia Antica a Villa Salvini, gestita dal Circolo, con la descrizione delle specificità geomorfologiche del Parco e la rilevanza del Parco per la valorizzazione integrale della Via Appia Antica, alla nostra iniziativa dell’itinerario culturale europeo di Goethe in Italia che già nel “Viaggio in Italia” parlava dei Monti Ausoni e delle loro peculiari caratteristiche, alla nostra iniziativa europea di mobilita’ per la valorizzazione della stazione di Monte San Biagio Terracina-Mare come snodo fondamentale per il Cammino della Via Appia e come porta di accesso al Parco degli Ausoni, fino alla partecipazione attiva del Parco al nostro recente convegno Legambiente nazionale Ecosistema Urbano Legambiente Terracina 2017, a cui il Parco ha partecipato anche in qualità di esperto nella tavola rotonda dedicata all’analisi degli indicatori di qualità ambientale, fino all’ escursione sul sentiero Sentiero del Tempio di Giove, organizzato con gli altri Circoli Legambiente di Fondi e del Sud Pontino http://www.parcoausoni.it/visita-al-tempio-giove-anxur-terracina-domenica-25-febbraio-2018-percorso-guidato-giornata/ .

Il nostro Circolo poi è stato autore di due importanti esposti alla Procura di Latina sulle vicende dei roghi sospetti e degli incendi estivi, e altre note specifiche di segnalazione che coinvolgono zone rilevanti come le pendici di Monte Sant’Angelo e il mare antistante e Camposoriano.

Il nostro Circolo è stato già firmatario di una convenzione con l’IC Don Milani relativa alla proposta educativa  chiamata “Scuola sostenibile Legambiente”, con particolare riferimento anche alla definizione congiunta di una innovativa offerta formativa di “outdoor education” denominato “Il Parco nella Scuola, la Scuola nel Parco” che stimoli l’attività di osservazione e partecipazione “in natura”, proposta che è stata finanziata a valere sui fondi PON MIUR 2014-2020 “Competenze di base” e che vede sia il Parco cittadino del Montuno sia il Parco regionale degli Ausoni, come luoghi primari di educazione e apprendimento. Inoltre sulla scia della Convenzione già in essere tra il Parco degli Ausoni e il Circolo Legambiente di Fiuggi “Wolf” e il suo Raggruppamento di Guardie Ambientali Volontarie del 16 maggio 2017, siamo particolarmente onorati di essere ammessi a poter svolgere, con questo accordo,  in qualità di primo raggruppamento Guardie Ambientali Zoofile Volontarie Legambiente Terracina nella Provincia di Latina, i nostri servizi di vigilanza ambientale e zoofila, di prevenzione e segnalazione degli incendi e dei rifiuti abbandonati e di valorizzazione ecoturistica nelle zone del Parco incluse nel territorio del Comune di Terracina” dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo di Terracina e Dirigente del Raggruppamento Guardie Ambientali Zoofile Volontarie Legambiente Terracina-Latina.

 parcoausoni1

 Firma del protocollo di intesa con il Parco Ausoni

 Il Circolo, coadiuvato dal proprio Raggruppamento di Guardie Ambientali Zoofile Volontarie Legambiente,  si occuperà quindi dello Sviluppo, Riqualificazione, Ripristino e Mantenimento della Sentieristica seguendo le linee guida del Parco e del Catasto dei Sentieri del CAI LAZIO e le linee di indirizzo del protocollo di intesa stipulato in data 31/10/2010 tra il Club Alpino Italiano CAI “Club Alpino Italiano” e Federparchi Federazione Italiana Parchi e Riserve Naturali, con particolare ma non esclusivo riferimento ai Sentieri n.2 Santo Stefano (Monte S. Biagio – Terracina), n.3 Monte Giove, n. 4 Punta Leano (Terracina-San Silviano), n. 5 Camposoriano – Monte Cavallo Bianco; dei Servizi di Vigilanza Ambientale, secondo i protocolli di azione concordati e nel rispetto dei poteri conferiti dalle ordinanze e dal decreto prefettizio, nel territorio di Terracina, in totale coordinamento con l’Ufficio Vigilanza Guardiaparco del Parco, con particolare riferimento ai SIC IT6040007 “Monte Leano” recentemente promosso a ZSC – Zona Speciale di Conservazione, SIC IT6040009 “Monte Sant’Angelo” recentemente promosso a ZSC, all’area collinare di Santo Stefano e Camposoriano – Sito di Interesse Comunitario IT6040006 “Monti Ausoni meridionali” recentemente promosso a ZSC, e con particolare riferimento alle zone ZPS.

Al fine di contrastare il fenomeno degli incendi soprattutto estivi, il Circolo, attraverso la propria conoscenza degli strumenti tecnologici satellitari, come il sistema europeo European Forest Fire Information System (EFFIS), Global Wildfire Information System (GWIS), del Copernicus Emergency Management Services (EMS), sviluppata l’anno scorso proprio in occasione dei gravi incendi che hanno colpito i Monti Ausoni, fornirà dati e supporto alla stazione di monitoraggio attraverso i droni, già in uso presso il Parco. Inoltre il Parco sarà coinvolto sempre nelle campagne di Legambiente sul territorio, anche insieme alle Scuole (Non ti Scordar di me, Beach Litter, Spiagge e Fondali Puliti, Goletta Verde, Puliamo il Mondo, Festa dell’Albero, etc.) e nelle iniziative di valorizzazione dei Cammini (#camminodellaViaAppia – Appia Day e #camminodiGoethe – Goethe in Italia Festival).

Il presidente dell’Ente Parco, Bruno Marucci, che proprio l’anno scorso ha voluto aderire all’evento del 25esimo anno di Legambiente Clean Up the World – Puliamo il Mondo 2017, con ben tre iniziative che coinvolgevano altrettanti circoli Legambiente tra la Provincia di Latina e di Frosinone, ha ritenuto poi opportuno sottolineare che “il protocollo assume un significato particolare sia per la particolare competenza mostrata dal Circolo nei diversi settori di protezione, tutela attiva, e valorizzazione ecoturistica del Parco con azioni di educazione ambientale, contrasto ai fenomeni degli incendi boschivi, dei roghi illeciti, ma anche agli abusi e alle speculazioni, e per la grande attività di valorizzazione del Cammino della Via AppiaAppia Day (con la riapertura della Appia Antica a Villa Salvini, proprio alle pendici dei Monti Ausoni) e del Cammino di GoetheGoethe in Italia Festival come Itinerario Culturale Europeo (con la costruzione di un itinerario di valorizzazione geomorfologica delle emergenze storico-ambientali-naturalistiche e geologiche del Parco citate peraltro nel celeberrimo “Viaggio in Italia”), sia per il coinvolgimento degli istituti scolastici, con particolare riferimento alla Scuola Sostenibile di Legambiente IC Don Milani, che parteciperanno concretamente alle azioni congiunte definite nell’accordo”.

Inoltre il Circolo stava già co-progettando con il Parco, ancora prima della firma del Protocollo, una azione comprensiva di riqualificazione ambientale del Sentiero del Tempio di Giove (Itinerario n.3 del Parco) (SIC/ZSC Monte Sant’Angelo), dopo i devastanti incendi del 2015 e del 2017 che prevede insieme alla pulizia e al ripristino del sentiero, e la fornitura della segnavia standard, la valutazione del sentiero ai sensi di linee guida standard, la rilevazione fotografica dei punti maggiormente critici con conseguente predisposizione di nuove staccionate di protezione, la rilevazione fotografica dei punti di osservazione migliori per vigilare e prevenire possibili incendi, lo studio degli interventi e delle modalità necessarie per consentire l’accessibilità al sentiero anche ai diversamente abili, la predisposizione di un innovativo progetto di comunicazione sul Sentiero (con lo sviluppo di una specifica  App) e lo sviluppo di un intervento di riforestazione dell’intera area colpita dal fuoco già in parte avviato come ipotesi allo studio con i Carabinieri Forestali di Terracina del Comandante Luogotenente G. Pannone , in collaborazione con Ufficio Territoriale Biodiversita’ di Fogliano e con il progetto nazionale “UPM-Un Bosco per la Citta’” (già annunciato nella recente Festa dell’ Albero 2017 https://legambienteterracina.wordpress.com/2017/11/27/in-occasione-della-chiusura-della-bellissima-festa-dellalbero-2017-animata-con-passione-da-decine-di-docenti-e-centinaia-di-bambini-e-alunni-dellic-don-milani-scuola-sostenibile-l/ )”.

 

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

 http://www.agoraregionelazio.com/terracina-sentieristica-nei-sic-zsc-legambiente-firma-un-importante-accordo/

http://www.anxurtime.it/protocollo-dintesa-lecoturismo/

http://www.h24notizie.com/2018/03/legambiente-terracina-siglato-un-protocollo-di-intesa-con-il-parco-regionale-monti-ausoni/

https://www.ilfaroonline.it/2018/03/29/terracina-circolo-pisco-montano-la-firma-quellimportante-protocollo-dintesa/214796/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1557/firmato-il-protocollo-dintesa-tra-legambiente-e-parco-dei-monti-ausoni-e-lago-di-fondi

https://www.lanuovaecologia.it/legambiente-terracina-parco-dei-monti-ausoni-insieme-la-difesa-del-territorio/

http://www.parcoausoni.it/firmato-protocollo-dintesa-parco-ausoni-circolo-legambiente-terracina-la-tutela-lo-sviluppo/

Articolo Latina Oggi 1.4.2018

29855380_10216207216043134_204054170_n

 

 

IL CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA “PISCO MONTANO” INSIEME AL CIRCOLO LEGAMBIENTE SUD PONTINO E AL CIRCOLO LEGAMBIENTE FONDI “LA GINESTRA”, STORICO CIRCOLO PONTINO E AUTORE DI UN PROGRAMMA ANNUALE DI ESCURSIONI MOLTO SEGUITO IN PROVINCIA DI LATINA, ANNUNCIANO PER DOMENICA 25 FEBBRAIO LA PRIMA ESCURSIONE LEGAMBIENTE 2018 CONGIUNTA SUL TERRITORIO DI TERRACINA, ALL’INTERNO DEL PERIMETRO DEL PARCO REGIONALE DEI MONTI AUSONI E LAGO DI FONDI, E ALLA VIA APPIA, DEDICATA AL SITO DI IMPORTANZA COMUNITARIA (ORA ZONA SPECIALE DI CONSERVAZIONE) DI MONTE S. ANGELO CON LA RIAPERTURA DEL SENTIERO ESCURSIONISTICO VERSO IL TEMPIO DI GIOVE.

Comunicato stampa n.79                                                            22.02.2018

Il Circolo Legambiente Fondi “La Ginestra” è autore da molti anni di un ricco programma di escursioni annuali, molto seguito ed apprezzato in tutta la Provincia.

escursione1

escursione2Programma 2018 delle Escursioni a Cura del Circolo Legambiente Fondi

La escursione del prossimo 25 febbraio, organizzata anche per celebrare il secondo anno di vita del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”, con percorso guidato a cura del Circolo Legambiente Terracina in collaborazione con CoopCulture e  con il patrocinio del Parco Regionale dei Monti Ausoni e del Lago di Fondi, http://www.parcoausoni.it/visita-al-tempio-giove-anxur-terracina-domenica-25-febbraio-2018-percorso-guidato-giornata/  non sarà solo una bella passeggiata naturalistica e archeologica e un momento conviviale aperto a tutti Soci e simpatizzanti di Legambiente, ma soprattutto una occasione civica per rimettere al centro dell’agenda ambientale e culturale cittadina, provinciale e regionale il Sito di Importanza Comunitaria di  Monte Sant’Angelo (solo recentemente dichiarata Zona di Conservazione Speciale (ZSC) con decreto ministeriale del 27/12/2016 ai sensi del Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonche’ della flora e della fauna selvatiche) e il suo simbolo famoso nel mondo del Tempio di Giove, la situazione di abbandono e degrado del Parco della Fossata e la riapertura del sentiero di accesso al Tempio attraverso il Monte, abbandonato dal devastante incendio del 2015. Con questa escursione vogliamo infatti annunciare il nostro impegno congiunto come Circoli Legambiente del Sud Pontino per un lavoro programmato e costante di ripristino, manutenzione e cura dei sentieri del nostro territorio (città, collina, montagna, borghi) che costituiscono il tessuto connettivo della nostra amata Città.

Ci stiamo già impegnando per consolidare tutta la sentieristica del Parco Regionale degli Ausoni e Lago di Fondi relativa al territorio di Terracina, con l’obiettivo di valorizzare al meglio il SIC di Monte S. Angelo, ma anche il SIC di Monte Leano, le località collinari come Santo Stefano e le zone del Parco.

Michele Forte e Andrea Sicignano, consiglieri del Direttivo del Circolo di Terracina e autori della iniziativa dichiarano” Con questo bellissimo percorso vogliamo riportare l’attenzione sul “Parco della Fossata”, di fatto abbandonato, e sul Sentiero escursionistico per raggiungere il Tempio di Giove, anch’esso di fatto danneggiato dal grave incendio del 26 luglio 2015 che aveva mandato in fumo centinaia di ettari di macchia mediterranea ma anche dai più recenti incendi del 2017. La nostra precisa volontà come Legambiente tutta è quella di riaprire il sentiero verso il Tempio, e manutenerlo anche con l’approssimarsi della bella stagione,  ricordando il grande impegno di Legambiente Lazio e del nostro Circolo durante la stagione degli incendi con un analitico esposto alla Magistratura che ha dato origine a ricerche e indagini, per mettere al centro della azione cittadina la questione della prevenzione degli incendi sul nostro territorio, anche attraverso la corretta frequentazione e manutenzione dei sentieri”.

escursione3

Incendio di Monte Sant’Angelo del 2015

Anna Giannetti, Presidente del Circolo, dichiara: “Ringraziamo il gestore del Tempio Coopculture che ci sta supportando nella creazione di un sistema di sentieri e di luoghi di visita per il Monte S. Angelo, in modo da rendere possibile un accesso pedonale per raggiungere il Tempio, il quale presenta note problematiche di parcheggio e questo al fine di aumentarne la fruizione e l’accessibilità ma anche per favorire un turismo lento e sostenibile. Inoltre con CoopCulture e con l’ausilio della cartografia del Parco, stiamo programmando delle visite guidate di tipo naturalistico e ambientale, da integrare nell’offerta turistico-archeologica del Tempio. Con il Comitato Promotore Appia Day nazionale http://www.appiaday.it/chi-siamo/ , supportato da CoopCulture, stiamo inoltre anche definendo un nuovo itinerario turistico-esperienziale cittadino, da collegare all’itinerario della Via Appia nella città bassa #ilcamminodellaviaappiatraianea, già sviluppato dal Circolo, con la apertura al pubblico dell’Appia Antica a Villa Salvini e presentato in vari congressi e convegni anche internazionali”

escursione4

Itinerario n.3 del Parco Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondo con cartina

Il Percorso guidato che durerà l’intera giornata (9-16), a cura del Circolo di Terracina e di CoopCulture, con il supporto del Parco degli Ausoni, seguirà il seguente programma:

PARTENZA PUNTUALE ORE 9 a Piazza del Municipio di Terracina, dove si ammirera’ la preziosità del luogo con la pavimentazione originale risalente al Foro Emiliano (I e II sec a.c.), il Capitolium, l’Arco Quadrifronte cosiddetto di Galba, il tratto forense dell’Appia Antica, gli scavi del Teatro Romano (I sec a.c. e I sec d.c.). Si farà il percorso tra il Centro Storico alto e il versante nord-occidentale del Monte Sant’Angelo, lungo un tratto dell’antica Via Appia, utilizzata nel Medioevo come Via Francigena del Sud, proseguendo per una Strada panoramica per arrivare alla località “Parco La Fossata” (a quota 92 m. sul livello del mare) dove, compatibilmente con le condizioni di pulizia e sicurezza, si visiteranno anche i resti della antica villa romana e un antico santuario silvestre. Dal Parco si percorre, riaprendolo di fatto di concerto con il Parco come elemento della sentieristica associata al Parco degli Ausoni (si veda cartina allegata), l’Itinerario n.3 per il Tempio di Giove Anxur (dislivello di 135 m.), proseguendo in direzione sud-est, fino a quando raggiunge l’orlo del dirupo in prossimità della Grotta Sabina, con una descrizione geomorfologica, paleontologica, naturalistica a cura di una esperta guida ambientale e speleologica CAI.

Una volta giunti al Tempio costruito in epoca sillana (I sec a.C. circa) su di una area di culto esistente sin dal IV secolo a.C., ci sarà una visita guidata (gratuita solo per i Soci e simpatizzanti Legambiente), di tutta l’area a cura di CoopCulture con l’ausilio di un archeologo esperto. Si rimarrà al Tempio nell’area ristoro per un pranzo al sacco conviviale con offerta di dolci tipici terracinesi. Si riprenderà poi la Strada Panoramica e la Via Appia Antica fino a Piazza Palatina per assistere al tramonto e bere un te’ caldo.

RIENTRO PREVISTO PER LE ORE 16.

In caso di pioggia l’escursione sarà rimandata ad una successiva domenica, compatibile con il programma già in essere.

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-escursionetra-natura-e-storia-il-25-febbraio-con-legambiente-pisco-montano/

http://www.parcoausoni.it/visita-al-tempio-giove-anxur-terracina-domenica-25-febbraio-2018-percorso-guidato-giornata/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1524/domenica-25-la-prima-escursione-legambiente-2018-sul-territorio-di-terracina-allinterno-del-perimetro-del-parco-regionale-dei-monti-ausoni-e-lago-di-fondi

http://www.temporeale.info/77364/argomenti/ambiente/terracina-monte-santangelo-domenica-apertura-del-sentiero-tempio-giove.html

http://www.anxurtime.it/riapre-sentiero-del-tempio-giove/

http://www.temporeale.info/77364/argomenti/ambiente/terracina-monte-santangelo-domenica-apertura-del-sentiero-tempio-giove.html

http://www.latinatoday.it/eventi/escursione-terracina-tempio-di-giove.html

28511204_10215845298275416_445335786_n

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.