LA PROPOSTA DI LEGAMBIENTE PER IL PARCO DEL MONTUNO CHIUSO DA ANNI: DOPO IL COMUNICATO DI RETTIFICA DELLA NOTIZIA DELLA ASSEGNAZIONE, SONO STATE INVIATE ALLA AMMINISTRAZIONE COMUNALE OSSERVAZIONI AI SENSI DELLA 241/90 RELATIVE ALLA RECENTE DELIBERA DI INDIRIZZO PER LA CONCESSIONE IN COMODATO D’USO DEL PARCO – DGC N.126 DEL 19 MAGGIO 2017. L’ENNESIMA OCCASIONE PERSA PER IL PARCO?

Terracina, 24 maggio 2017                                                                       

Comunicato stampa n. 42

IL COMUNE DI TERRACINA NON SOLO NON ASSEGNA IL PARCO A LEGAMBIENTE COME INSPIEGABILMENTE COMUNICATO NEI GIORNI SCORSI, MA DOPO BEN 6 LUNGHI MESI DI ANALISI DELLA NOSTRA ISTANZA DI AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEL PARCO, FORMULA UNA DELIBERA DI INDIRIZZO CHE CONSIDERA IL CIRCOLO LEGAMBIENTE ALLA STREGUA DI UNA DITTA CHE OPERA IN ECONOMIA, CON L’OBBLIGO DI EFFETTUARE I LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA, RIATTIVAZIONE IMPIANTI E RIALLESTIMENTO DEI GIOCHI CON UNA CIFRA INCONGRUA, IMPONE UNA PESANTE POLIZZA ASSICURATIVA SUL PARCO, NON OFFRE ALCUN CONTRIBUTO PER I SERVIZI DI GESTIONE E SOPRATTUTTO IGNORA COMPLETAMENTE IL VALORE DEL PROGETTO DI LEGAMBIENTE E LE SUE IMPORTANTI RICADUTE SULLA SCUOLA E SULLA ECONOMIA TURISTICA DELLA CITTA’ METTENDO IN ATTO UNA DISPARITA’ DI TRATTAMENTO NEI CONFRONTI DEL CIGNO VERDE.  

La delibera di Giunta Comunale DGC-126-2017 che ha per oggetto: “Concessione in comodato d’uso del Parco del Montuno-Proposta formulata dal Circolo Legambiente di Terracina “Pisco Montano”- Procedura evidenziale-Indirizzi Gestionali” emessa il 19 Maggio 2017 con la quale si delibera la redazione dell’Avviso Pubblico di manifestazione di interesse per la concessione in comodato d’uso del Parco del Montuno, ha riservato purtroppo al Circolo Legambiente di Terracina, proponente, ormai in data 30/10/2016, di un’istanza di gestione del Parco, chiuso da anni, un’amara sorpresa e a questa delibera il Circolo ha immediatamente risposto inviando formalmente in data odierna motivate osservazioni, in qualità di soggetto proponente, ai sensi dell’art. 9 e ss. della Legge n. 241/90 e successive modificazioni e integrazioni.

“Dopo aver invano atteso, a seguito della nostra istanza, una comunicazione formale di avvio del procedimento e di assegnazione del Responsabile Unico e dopo essere stati costretti a sollecitare formalmente il 30 aprile scorso la risposta della Amministrazione alla nostra istanza dopo ben 180 giorni, questa delibera arriva come una doccia fredda e oltre ad essere mal formulata risulta francamente irrispettosa dell’impegno, della qualità e quantità di lavoro manuale, tecnico e di progettazione effettuato dal Circolo e dai suoi Volontari in questi mesi, con la pulizia, il ripristino, la riapertura temporanea del Parco e con la produzione di una articolata e completa proposta progettuale di sviluppo e gestione del Parco, in coordinamento con Legambiente Lazio e Legambiente nazionale, ispirata alle migliori pratiche di rigenerazione sul territorio nazionale, finalizzata alla creazione di un Parco eco-archeologico, progetto basato sull’analisi puntuale delle effettive condizioni del Parco e che ha permesso di fornire all’Amministrazione anche indicazioni precise in merito ai lavori necessari per la sua messa in sicurezza ”dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo “e continuano per noi a rimanere oscure le ragioni della mancata risposta alla nostra richiesta formale, risollecitata più volte, del 21 Novembre scorso per continuare l’attività gratuita e volontaria di pulizia e ripristino del Parco, alla quale non è stata mai fornita alcuna risposta, richiesta ispirata al principio di sussidiarietà art. 118 comma 4 della Costituzione e che ci avrebbe permesso di continuare il nostro lavoro volontario al Parco”.

Terracina rischia di perdere così una grande opportunità di riaprire il Parco con un progetto di rigenerazione urbana con le più moderne metodologie, presentato e accolto con entusiasmo dallo stesso Sindaco in presenza di una nutrita delegazione di dirigenti e soci di Legambiente lo scorso 15 dicembre e che aveva spinto perfino il TG3 della RAI a venire a Terracina e fare un servizio, dal titolo, “Terracina Virtuosa”” (http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/multimedia/ContentItem-49b4c28a-eb69-424d-8d88-229f88fc5348.html ).

 L’ insufficiente schema della Delibera evidenzia un trattamento analogo a quanto si possa ipotizzare per l’assegnazione di un appalto ad una ditta di lavori di manutenzione e ignora totalmente, nell’attribuzione del punteggio, le caratteristiche e i requisiti di Legambiente, la qualità progettuale dei servizi e il progetto di rigenerazione offerto, ponendo l’accento solo sugli interventi di ripristino e messa in sicurezza del Parco e sui loro costi. Inoltre introduce clausole e condizioni “capestro”, prospettando una incomprensibile situazione discriminatoria rispetto agli parchi cittadini (sia quelli già regolamentati, come il Parco della Rimembranza, sia quelli in fase di regolamentazione che quelli ancora non regolamentati), riservando a Legambiente, che pure ha pulito e ripristinato per mesi il Parco con un grande sforzo, tutto ampiamente documentato con foto, video, articoli e servizi TV, che ha presentato un innovativo progetto di rigenerazione, e che, peraltro, ha tutti i titoli, ai sensi dell’art.7 della legge 266/91 sul Volontariato, per essere convenzionata direttamente, un trattamento “di sfavore” procedendo ad una delibera di indirizzo e a una successiva procedura di evidenza pubblica, aperta a tutti i soggetti senza alcun requisito minimo per la gestione di un Parco pubblico, formulata con criteri penalizzanti, che brevemente qui riassumiamo: 1) obbligo di assicurazione per tutti i profili di responsabilità, NON presente negli altri parchi incluso il Parco della Rimembranza; 2) obbligo di fornire i lavori per la messa in sicurezza, per la riattivazione degli impianti e per la fornitura dei giochi nuovi da realizzare con un contributo di soli 15,000€ complessivi, per altro forniti in due tranche annuali di 7500€. Da nostre valutazioni tecniche supportate anche da preventivi specifici, e tenendo conto della massima economia e del nostro servizio volontario di coordinamento tecnico, tutti i lavori richiesti non possono assolutamente essere coperti con 15.000€, e comunque a questo punto si suggerisce all’Amministrazione, per un puro criterio di risparmio economico, di procedere essa stessa alla realizzazione dei lavori di messa in sicurezza del Parco prima di procedere alla riapertura e all’affidamento della sua gestione; 3) nessun contributo per i servizi di apertura/chiusura, pulizia e piccola manutenzione offerti quando invece questi servizi vengono ovviamente riconosciuti nella gestione degli altri parchi; 4) Inoltre, si impongono, a differenza degli altri parchi incluso il Parco della Rimembranza, precisi orari di apertura e chiusura, addirittura citando una vecchia delibera comunale; 5) Inoltre l’Amministrazione si riserva 20gg l’anno per eventi propri o di altri soggetti, senza specificare il periodo o ventilare un possibile accordo, ben sapendo che, nel caso si scegliessero i 20 giorni consecutivi di agosto in una località balneare si andrebbe ad impattare irrimediabilmente sulle finanze di una Associazione ONLUS che vive di autofinanziamento.

Ma come se non bastasse, e questo è davvero singolare, viene richiesto al futuro comodatario di risolvere anche altre problematiche di accesso indebito al Parco, problematiche per le quali il comodatario non avrebbe alcun titolo ad agire e che invece necessiterebbero di un tavolo di mediazione tra l’Amministrazione e gli Operatori economici che affacciano sul Parco, vista la necessità di tutelare, oltre che il bene pubblico, anche le attività economiche della zona e le loro necessità. Tra l’altro viene completamente ignorato il problema dei gabbiotti all’ingresso del Parco, da noi segnalato, soprattutto per la presenza su di essi di una copertura in pannelli di amianto, per il quale è necessario un intervento di dismissione e smaltimento degli stessi con apposita procedura, così come viene tralasciato il problema molto rilevante del ripristino del sistema antincendio necessario perché il Parco ha subito vari tentativi di incendio nel passato e confina con abitazioni civili e attività commerciali, già oggi a rischio da questo punto di vista. Viene altresì ignorata anche la necessità di includere il Parco nel moderno sistema di video-sorveglianza, assolutamente necessario visto il serio problema del vandalismo al quale è soggetto.

Ed ancora, invece di comprendere che l’investimento di Legambiente per lo sviluppo del Parco ha bisogno di tempo per essere realizzato e portare i suoi frutti, dovendo accedere a diverse fonti di finanziamento, finanziamenti che erano già stati individuati e che anche a causa della lentezza del procedimento sono andati in parte persi, impone una durata di soli 4 anni e in più non prorogabili, con il rischio di dover riconsegnare alla scadenza dei 4 anni, alla Amministrazione, un Parco completamente riqualificato e ben gestito e dover pagare poi, in un nuovo contesto, anche un canone concessorio!

Dulcis in fundo, indirizza l’Avviso Pubblico soltanto sulle proposte migliorative della quantità e qualità dei lavori di manutenzione e sui costi degli stessi, non menzionando i servizi e non considerando la qualità della proposta progettuale di sviluppo e gestione e soprattutto ignorando completamente la volontà di impiantare un vero e proprio Centro di Educazione Ambientale regionale a Terracina (apprezzatissimo invece dalle Scuole, come da nostro recente accordo con IC Don Milani, che ha scelto di diventare Scuola Sostenibile Legambiente e con cui si sta già sviluppando un progetto che potrebbe riguardare anche il Parco), riducendo la nostra articolata proposta ad un mero servizio di manutenzione straordinaria fornito da una impresa appaltatrice che opera in economia, come se il Circolo potesse essere assimilato ad una piccola impresa. Impresa che, per come è costruita la delibera, potrà tranquillamente partecipare all’Avviso, in quanto non è previsto nella stessa nessun requisito specifico per la partecipazione come invece previsto nella recente delibera dei parchi DGC-122-2017 (aperta solo ad ONLUS e Comitati).

 “Dopo aver pulito e ripristinato il Parco lavorando per mesi, dopo aver studiato e predisposto un progetto di rigenerazione innovativo, dopo esserci messi sempre a disposizione per qualsiasi chiarimento e integrazione e dopo aver atteso ben sei mesi, ci aspettavamo una risposta più coerente e adeguata al livello della nostra Associazione e alla sua capacità operativa e tecnica. In ogni caso vogliamo ribadire alla cittadinanza e ai molti che ci stanno contattando da mesi per chiederci della riapertura, la volontà e la disponibilità di Legambiente non solo a continuare i lavori di pulizia e piccola manutenzione ma anche a gestire, manutenere e sviluppare il Parco del Montuno implementando il progetto già pronto ma questo potrà avvenire, come da noi richiesto nella nostra istanza, solo ed esclusivamente alle giuste condizioni di gestione attualmente applicate ad analoga Associazione ONLUS per il Parco della Rimembranza, e con l’impegno da parte della Amministrazione di aderire convintamente al progetto innovativo di rigenerazione con una condivisione delle opportunità e dei rischi di questo approccio. Riteniamo quindi la delibera di Giunta Comunale DGC-126-2017 per la concessione in comodato d’uso del Parco del Montuno, pur rispettandone fino in fondo la discrezionalità amministrativa, del tutto inappropriata in riferimento alla nostra istanza” dichiara l’ing. Gabriele Subiaco Vicepresidente Responsabile scientifico del Circolo e del Laboratorio di Rigenerazione di Legambiente “inoltre riteniamo che gli indirizzi gestionali espressi nella delibera stabiliscano di fatto una ingiustificata disparità di trattamento nei confronti dell’eventuale affidatario del Parco del Montuno, sia rispetto a quanto accordato al gestore del Parco della Rimembranza con la Delibera COC-2015-0105, sia rispetto a quanto recentemente definito per alcuni altri Parchi con la Delibera DGC-122-2017 e sia rispetto a quanto adottato per altri Parchi cittadini ancora fuori da ogni tipo di regolamentazione”

14725584_10211186333084198_4069030223310617387_n

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

 

CHIUSA LA CAMPAGNA “PULIAMO IL MONDO 2016” DURATA TUTTO IL MESE DI OTTOBRE PRESSO IL PARCO DEL MONTUNO, IL CIRCOLO LEGAMBIENTE DI TERRACINA CONTINUA NELLE OPERE DI PULIZIA E RIPRISTINO DEL PARCO IN VISTA DELLA RIAPERTURA PER LA PROSSIMA FESTA DELL’ALBERO 2016 DEL 20 NOVEMBRE, RIPORTANDO ALLA LUCE UNO DEI PARCHI PIU’ BELLI DELLA CITTA’, DOPO UN DECENNIO DI ABBANDONO E VANDALISMO.

 

Terracina, 06/11/2016                                                                            Comunicato Stampa n. 25

Il 31 ottobre si è ufficialmente chiusa la campagna di Puliamo il Mondo 2016: oltre 600mila volontari in 1.700 comuni e 4.000 località hanno partecipato alla più grande iniziativa di volontariato ambientale mondiale, organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai. Una campagna giunta alla 24esima edizione e che ha nella partecipazione attiva, nel senso civico e nell’amore per il territorio e l’ambiente, il suo grande punto di forza.

img50

Il Circolo Legambiente di Terracina, con il patrocinio del Comune di Terracina e con il supporto delle Ditte Appaltatrici e Gestori Rifiuti De Vizia Urbaser Transfer, Gestore Manutenzione del Verde Verdeidea, Gestore Idrico Integrato Acqualatina e con il Media Partner LazioTV, è stato protagonista di un mese intenso di lavori di pulizia, ripristino, manutenzione e riqualificazione presso il Parco del Montuno, un Parco pubblico proprio al centro della Città, con un’estensione di circa 3 ettari, parte della preziosa Area archeologica-portuale traianea, con plurimi vincoli per la protezione delle bellezze naturali e panoramiche, con elementi di interesse archeologico e di grande valore paesaggistico, purtroppo da un decennio chiuso al pubblico e lasciato in uno stato di abbandono, degrado e vandalismo. Il Circolo di Terracina per la rilevanza ambientale e sociale dell’iniziativa è stato scelto da Legambiente come testimonial della campagna Puliamo il Mondo a livello nazionale http://www.puliamoilmondo.it/index.php/materiale-media/news/297-puliamo-il-mondo-continua-fino-al-31-ottobre

Il Laboratorio di Rigenerazione Urbana Sostenibile del Circolo Legambiente di Terracina con Legambiente Lazio e il Circolo Tematico Nazionale “Città Invisibili”, stanno lavorando al progetto di rigenerazione urbana per restituirlo finalmente alla sua funzione di Parco cittadino integrandolo compiutamente nel tessuto della città attraverso percorsi ciclopedonali, e trasformandolo in un Parco tematico eco-archeologico sostenibile che operi anche come Centro di Educazione Ambientale (CEA) e proietti il visitatore nel mondo della green-economy attraverso percorsi esperienziali appositamente studiati e progettati su temi quali la storia e l’archeologia, le energie rinnovabili e l’efficienza energetica, la mobilità sostenibile, i rifiuti e l’economia circolare, l’utilizzo consapevole dell’acqua e delle risorse naturali, il cibo e l’agricoltura di qualità, la tutela del verde e la riduzione di consumo di suolo, le nuove tecnologie e la smart city, aperto a scuole, bambini, giovani, anziani e inclusivo di tutte le diverse abilità.

La campagna Puliamo il Mondo 2016 a Terracina, con l’encomiabile impegno dei Volontari, ha avuto un grande successo di attenzione e di pubblico e un forte impatto per l’intera Comunità Locale che sta contribuendo e partecipando attivamente, aiutando il Circolo locale sia a ripulire e a ripristinare le aree del Parco (Associazione Parco Oasi e Parco Chezzi), sia fornendo bevande, viveri e generi di conforto (Bar Traiano, Bar Leda, Forno Antonio Ruggiero “Tabaccone”, Il Cantinone, Orizzonte-Primavera, Cooperativa Pescatori di Terracina, Cooperativa “La Sirena”, Ristorante “Le Palme”, Macelleria Il Buongustaio), che acquistando materiale utile al ripristino (come le reti di protezione), fornendo mezzi, attrezzi, vernici o effettuando donazioni (Cinema Teatro Traiano, Expert VideoSound, Motorauto F.lli Nardoni, Nautica Mori, Mori Mare, Vivaio Arredo Verde, Colibri’), sia partecipando numerosi alle visite guidate organizzate, o semplicemente passando a scambiare qualche parola di affetto e sostegno ai Volontari impegnati.

“Il Circolo Legambiente vuole ringraziare tutti coloro che stanno contribuendo e partecipando a questa esaltante esperienza di azione civica che non ha eguali – per durata e partecipazione-  nella storia recente della Città di Terracina, per la riconsegna alla cittadinanza di un bene comune di assoluto pregio e intende continuare la sua opera per assicurare la completa fruizione del Parco proseguendo il percorso intrapreso con il Comune di Terracina e con tutte le Ditte Gestori e le realtà economiche e residenziali del Quartiere” dichiara Anna Giannetti, Fondatrice e Presidente del Circolo, ”al fine di poter riaprire al più presto alla collettività e ai turisti il Parco e gestirlo con un modello innovativo, allargato e partecipato, utilizzando un mix di finanziamenti pubblici e privati, e portando finalmente, anche a Terracina, le grandi competenze organizzative, gestionali ed educative di Legambiente. In un mese e nei soli weekend, abbiamo avuto centinaia di presenze al Parco e alle nostre Visite Guidate – durante le quali è stata consegnata ai partecipanti una brochure ricca di contenuti sul passato, presente e futuro del Parco “Vivere il Parco del Montuno”- , tra cui molte famiglie con bambini e ragazzi a testimonianza dell’affetto recuperato per questo bene prezioso della collettività. A breve poi vorremmo indire una riunione con tutti gli “Amici del Parco del Montuno”, in modo da avviare in modo strutturato e trasparente un progetto partecipato di raccolta fondi, che avverrà anche tramite innovative piattaforme di crowdfunding”. Un ringraziamento particolare va poi al Sindaco N. Procaccini, agli Assessori E. Zappone, L. Caringi, e G. Percoco, che ci hanno sempre sostenuto, ai funzionari e dirigenti degli Uffici Tecnici comunali, ai funzionari e dirigenti delle Ditte Gestori De Vizia Urbaser Transfer SpA, Verdidea srl, Acqualatina SpA, al Media Partner LazioTV, alle Associazioni Parco Oasi e Parco Chezzi per la loro vicinanza, disponibilità e grande e fattivo supporto”.

Il Circolo ha poi intenzione di organizzare la prossima campagna di Legambiente “Festa dell’Albero 2016” http://www.legambiente.it/contenuti/campagne/festa-dell-albero-2016  nel Parco, sempre con il patrocinio del Comune di Terracina, e in quell’occasione offrira’ al Parco e alla Citta’ una decina di piante autoctone (mirti oleandri, ulivi) ed esotiche (palme) tutte compatibili con il “Catalogo delle specie arboree ed arbustive del Parco del Montuno” e sotto il coordinamento della Ditta Gestore Manutenzione del Verde Verdeidea, riaprendo il Parco anche a famiglie e bambini nella giornata del 20 Novembre 2016 dalle ore 9,00 alle ore 13,00. Durante la giornata il Circolo organizzerà una postazione informatizzata per la raccolta firme on-line all’indirizzo https://www.people4soil.eu/it. People4soil è una iniziativa dei Cittadini Europei sostenuta da più di 400 associazioni, tra cui Legambiente, che chiede all’UE norme specifiche per tutelare il suolo, bene essenziale alla vita come l’acqua e come l’aria, tenendo conto che in Europa non esiste ancora una legge comune che difenda il suolo.

In occasione della Festa, Il Circolo Legambiente Locale inviterà tutti gli Istituti scolastici ad entrare nel Parco rimesso a nuovo, ma anche nella grande famiglia di Legambiente aderendo come “Classe per l’ambiente” o come “Scuola sostenibile” e poter così svolgere numerose attività con il nostro Circolo e con Legambiente (corsi di Formazione e Laboratori) per accrescere il potenziale degli studenti in termini di sensibilizzazione ai temi ecologici e di partecipazione attiva alla tutela dell’Ambiente, affinchè conoscano sempre meglio il Parco e le sue meraviglie e diventino i futuri “difensori” del patrimonio naturalistico della nostra Città.

 img51

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

PROLUNGAMENTO DELLA CAMPAGNA PULIAMO IL MONDO

Terracina 1 ottobre 2016

PULIAMO IL MONDO, L’EDIZIONE ITALIANA DI CLEAN UP THE WORLD, IL PIU’ GRANDE APPUNTAMENTO DI VOLONTARIATO AMBIENTALE AL MONDO, PROSEGUIRA’ ANCHE A TERRACINA CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI TERRACINA, PER L’INTERO MESE DI OTTOBRE, CON TURNI DI VOLONTARI LEGAMBIENTE AL LAVORO NEI WEEKEND IN COORDINAMENTO CON IL GESTORE COMUNALE DEL VERDE VERDE IDEA srl E CON VISITE GUIDATE GRATUITE.

striscione-circolo
Il Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”, con il patrocinio del Comune di Terracina, continuerà per tutto il Mese di Ottobre, nel fine settimana di Sabato e Domenica nell’orario dalle 10,00 alle 13,00 a presidiare il Parco del Montuno in Via Dante Alighieri con squadre di Volontari che a turno che si occuperanno, in stretto coordinamento con la ditta Gestore del Verde “Verde Idea” srl , alla pulizia, ripristino, piccola manutenzione dell’area, che, ricordiamo, era chiusa da ben 7 anni. Inoltre per Sabato 22 e Domenica 30 ottobre alle ore 12 sono previste visite guidate gratuite per informare la cittadinanza e i turisti dell’importanza storica, culturale, archeologica, geologica, naturalistica, botanica e paesaggistica del Parco e diffondere una brochure predisposta per l’occasione che descrive il Parco e le sue uniche bellezze.

allegato-d-brochure-parco-montuno-pag-1

foto-gruppo-montuno

Il Circolo Legambiente di Terracina, considerando il successo di attenzione e di pubblico del più grande appuntamento di volontariato ambientale del Mondo Puliamo il Mondo -CLEAN UP THE WORLD, svoltosi il 25 settembre presso il Parco del Montuno, ha deciso di protrarre tale evento per l’intero arco del Mese di Ottobre, continuando e rafforzando la collaborazione con tutte le Ditte e i Gestori ( Verde Idea SRL, De Vizia Transfer – Urbaser Srl e Acqua Latina SpA), e con il nostro Media Partner LazioTV, per completare le opere di ripristino e concludere le attività di pulizia e piccola manutenzione all’interno del Parco, con il fine di una prossima riapertura alla Cittadinanza e ai Turisti e per l’attuazione del progetto di rigenerazione urbana sostenibile del Parco già annunciato nella Conferenza Stampa del Circolo del 25 settembre. I cancelli rimarranno ancora chiusi al pubblico per garantire la massima sicurezza e l’incolumità, ma le operazioni di pulizia e piccola manutenzione sono aperte a tutta la cittadinanza, e chi volesse contribuire alla sistemazione dell’area, pur non essendo Socio Volontario di Legambiente, potrà partecipare firmando una liberatoria dai rischi.

foto-smaltimento-legna

Ricordiamo che l’evento di Puliamo in Mondo, giunto alla XXIV edizione e realizzata nell’ambito del protocollo d’Intesa con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e del Territorio e del Mare, dal Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, dall’UPI, ANCI, Federparchi e dal Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite e in collaborazione con RAI- Radiotelevisione Italiana, continuerà nel Mese di Ottobre anche in molte altre città Italiane e il Circolo Legambiente di Terracina vuole poter dare il proprio contributo per la comunità Locale, protraendo anche nella nostra Città questo importante evento Mondiale.

. IL CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA PISCO MONTANO CON IL PATROCINIO DELLA AMMINISTRAZIONE PARTECIPERA’ A PULIAMO IL MONDO E’ L’EDIZIONE ITALIANA DI CLEAN UP THE WORLD, IL PIU’ GRANDE APPUNTAMENTO DI VOLONTARIATO AMBIENTALE AL MONDO RIAPRENDO STRAORDINARIAMENTE IL PARCO DEL MONTUNO CON LA FINALITA’ DI RIPORTARLO AL SUO ANTICO SPLENDORE E RESTITUIRLO PER SEMPRE ALLA CITTADINANZA E AI TURISTI.

Il Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”, con il Patrocinio del Comune di Terracina, riaprirà i cancelli del Parco del Montuno in Via Dante Alighieri per la giornata del 25 Settembre 2016 dalle ore 10,00 alle ore 19,00, in occasione del più grande appuntamento di volontariato ambientale del Mondo: Puliamo il Mondo-CLEAN UP THE WORLD, ormai alla sua XXIV edizione, realizzata nell’ambito del protocollo d’Intesa con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e del Territorio e del Mare, dal Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca, dalla Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, dall’UPI, ANCI, Federparchi e dal Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite e in collaborazione con RAI- Radiotelevisione Italiana.

puliamo-il-mondo-montuno-locandina-grande-a2

 Per quest’anno il tema centrale sarà l’abbattimento delle barriere architettoniche e proprio in linea con il tema, il Circolo Legambiente di Terracina, dopo un’attenta analisi del territorio e delle sue criticità, ha deciso di porre l’attenzione su una delle realtà green più rilevanti per la città, con la volontà di restituire bellezza ad un sito, quale il Parco del Montuno, panoramica collina sabbiosa, derivante in parte da duna eolica e in parte dallo scavo del porto romano Traianeo, resa stabile dalla vegetazione che la ricopre, parte integrante dell’importante Area archeologico-portuale traianea, intrappolato purtroppo da troppi anni in un limbo di noncuranza, errori, abbandono, inciviltà, vandalismo.

L’attenzione nei confronti di tale Parco nasce proprio da una storia travagliata che perseguita questo polmone verde, da circa 7 anni chiuso di fatto alla collettività, anche in mancanza di progetti in linea con la vocazione ed i vincoli archeologici e paesaggistici del Parco e di fondi necessari per un progetto complessivo di tutela e riqualificazione paesaggistico-ambientale. “Il Parco è un “catalizzatore di aggregazione naturale”” spiega Silvia Canzano – responsabile Campagne Legambiente Circolo Terracina, membro del Gruppo Rigenerazione Urbana di Legambiente e coordinatrice del Progetto di rigenerazione del Parco – “in quanto convivono nell’intorno del parco innumerevoli realtà rilevanti: abitazioni private con bambini e animali domestici, un centro medico, mare, spiagge, zona portuale, importanti attività commerciali di produzione artigianale come un panificio, attività di distribuzione organizzata, attività di ristorazione e alberghiere, il più grande e antico mercato della città – il “Mercato della Marina”-, l’asta del pesce e pescherie di prima scelta, cooperative di pescatori, piste ciclabili, aree pedonali, canali della bonifica, piccola pesca, tutte da coinvolgere e mobilitare per ripristinare uno spazio informativo, educativo, ricreativo e di ristoro per l’intera cittadinanza e per i turisti, e soprattutto riportando bellezza al “paesaggio”, come disciplinato e definito dalla Convenzione Europea del Paesaggio entrata in vigore in Italia l’1 Settembre del 2006”.

parco-del-montuno

Intanto dal sottosuolo del Parco del Montuno continuano a fuoriuscire ancora reperti di epoca romana. “Le ultime scoperte sono l’ennesima conferma che – afferma Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente Terracina Pisco Montano – “in tutta la sua estensione, l’intera area necessita di protezione e sorveglianza archeologica e ambientale e di un progetto articolato di rigenerazione urbana sostenibile e il Circolo Legambiente, conscio della propria responsabilità nei confronti della Città, vuole fortemente definire – attraverso una metodologia di Rigenerazione Urbana Sostenibile basata su un partenariato tra pubblico (Comune, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Lazio, Regione Lazio), Associazioni, Comitati Cittadini e Privati- un progetto “aperto” di Parco eco-archeologico, proprio partendo dalla giornata del 25 settembre, grazie anche alla gentile collaborazione – che confidiamo sia duratura nel tempo-  del Gestore appaltante dei rifiuti De Vizia Transfer SpA, del Gestore appaltante del Verde pubblico Verde Idea srl, e del Gestore idrico integrato AcquaLatina SpA che saranno al nostro fianco, insieme al nostro Media partner LazioTV e alle nostre associazioni “amiche” sul territorio come Slow Food e Croce Rossa Italiana, che hanno aderito da subito alla campagna nazionale. La volontà di Legambiente è quella di costruire nel tempo un Parco eco-archeologico sostenibile e “smart”, con l’utilizzo di tecnologie di comunicazione, per formare ed informare sui temi della Green Economy (riciclo dei rifiuti, risparmio idrico ed efficienza energetica, agricoltura sostenibile, manutenzione del verde, ciclabilità e pedonalità) e sui temi della Archeologia e del Paesaggio, arricchendolo di servizi per la collettività mantenendo l’originaria fruibilità di Parco con accesso per tutte le età e per tutte le disabilità, e coinvolgendo da subito giovani professionisti (storici, archeologi, educatori, botanici, agronomi, fotografi e architetti del paesaggio in primis) in progetti finanziati e le Scuole in programmi di alternanza Scuola-Lavoro come il “Distretto della Green Economy” di Legambiente Nazionale”.

foto-montuno-di-leonardo-da-vinci

Il programma della giornata si articolerà attraverso una prima fase di accoglienza dei volontari con l’allestimento di un punto informativo con gazebo e materiale utile per informare e formare la collettività sulle attività di sostenibilità del Circolo e sulle Campagne di Legambiente, delle Aziende Gestori e dell’Amministrazione, e con l’allestimento di uno stand enogastronomico per rendere l’evento anche un momento di aggregazione sociale della collettività. A seguire una breve conferenza stampa, a cura del Prof. Carlo Patrizio, Presidente del Circolo Legambiente “Città Invisibili” e grande esperto di Rigenerazione Urbana Sostenibile, che presenterà anche il Laboratorio di Rigenerazione Urbana Sostenibile del Circolo di Terracina, e si procederà poi alla pulizia organizzata delle aree del parco, delimitate in base alla rischiosità e inagibilità con apposita segnaletica a cura di Legambiente, e verranno effettuate visite guidate, a cura dei Soci Silvia Canzano e Simone Quintavalle per condividere l’importanza storica, culturale, archeologica, naturalistica, botanica, fotografica e paesaggistica del Parco ma anche per raccontarci e raccontare aneddoti del passato e del futuro progetto di rigenerazione urbana del Parco. Per i bambini sarà poi proposto un bellissimo gioco del Cigno, guidato dalla Socia Annalaura Rossi.

Per finire sarà apposta al termine della giornata una apposita targa di Legambiente che ricorderà l’evento per sensibilizzare la cittadinanza e predisporre a successive iniziative di cura e tutela del Parco.

Il Circolo ringrazia in particolare il Sindaco Dott. Nicola Procaccini, L’Assessore all’Ambiente Dott.ssa Emanuela Zappone, l’Assessore ai Lavori Pubblici Dott. Luca Caringi, e tutti gli Uffici Comunali preposti, il Dirigente Arch. Bonaventura Pianese, capo dipartimento Urbanistica, Lavori pubblici, Ambiente, Viabilità e Protezione civile e l’Ing. Alfredo Sperlonga, funzionario tecnico Ufficio Ambiente per l’interesse mostrato verso il progetto partecipato e la grande collaborazione prestata. Inoltre ringrazia il Dott. Marco Pariselli, Funzionario De Vizia Transfer SpA, il Dott. Antonio Pisterzi, Funzionario Acqualatina SpA e il Dott. Giuliano Leo, Funzionario VerdeIdea srl per il grande supporto fornito e Lazio TV nella persona del Dott. Romano Sciscione e il Dott. Roberto Italiano per la comunicazione stampa e TV. Inoltre ringraziamo Bar Traiano, Antico Forno Antonio Ruggiero-Tabaccone, Il Cantinone, Centro Ittico Cooperativa dei Pescatori di Terracina, Cooperativa Pescatori La Sirena, Le Palme, Mori Mare, Nautica Mori per la generosa collaborazione.

#COMUNICATO STAMPA N°11 IL CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA “PISCO MONTANO” si confronta con i programmi elettorali della città e dichiara le proprie priorità per i prossimi anni

 

logo

 

COMUNICATO STAMPA n.11

31 maggio 2016

IL CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA “PISCO MONTANO” si confronta con i programmi elettorali della città e dichiara le proprie priorità per i prossimi anni auspicando di poter lavorare congiuntamente alla nuova Amministrazione sempre con uno spirito costruttivo come recentemente dimostrato per il ricorso al TAR ad adiuvandum contro l’impianto di Mitilicoltura autorizzato dalla Regione Lazio

Il Circolo Legambiente di Terracina “Pisco Montano” rende nota la propria posizione in merito ai punti programmatici dei principali partiti e delle principali coalizioni e raggruppamenti di liste in campo. “In questi quattro mesi di vita del Circolo, e prima ancora del Comitato Pisco Montano, abbiamo analizzato tutti i programmi elettorali, partecipato a confronti e a comizi e parlato con esponenti politici proprio al fine di individuare punti qualificanti a cui dare il nostro prezioso e continuativo supporto, (si veda a tale proposito la scelta di schierarsi con un ricorso al TAR ad adiuvandum con il Comune di Terracina per contrastare l’autorizzazione della Regione Lazio all’impianto di Mitilicoltura) o alternativamente organizzarci per dare dura battaglia” affermano in coro gli esponenti del cigno verde di Terracina “auspicando che ci sia da parte di tutte le forze in campo la volonta’ di mettere al centro di qualsiasi azione politica territoriale la tutela, la salvaguardia, la valorizzazione, l’innovatività dei modelli di gestione e di fruizione del nostro preziosissimo ecosistema marino, costiero e agricolo. Le questioni ambientali – comunque all’ordine del giorno in tutti i programmi elettorali – e che rappresentano anche nostre assolute priorità’ sono quelle relative :

  • all’utilizzo del nuovo strumento del contratto di fiume già utilizzato da Legambiente Lazio in altri territori, anche per il Portatore per il monitoraggio e controllo delle fonti di inquinamento come allacci fognari, smaltimento dei rifiuti e dei reflui zootecnici, discariche abusive, misurazione dei pesticidi ed erbicidi. Inoltre ci occuperemo della implementazione di soluzioni integrate per la prevenzione dello spiaggiamento dei rifiuti, dell’accumulo dei rifiuti nei fondali e dei rifiuti galleggianti marini in coerenza con le priorità dell’attuazione della importante Direttiva Marine Strategy 2008/56/ec. A tale proposito abbiamo inserito la spiaggia di Terracina tra i 5 siti monitorati del Lazio con la campagna nazionale di Legambiente #Beachlitter2016;
  • al ripascimento del litorale di ponente con sedimento autoctono visto che quello effettuato dalla Regione Lazio nel 2006 può essere considerato un vero e proprio disastro ambientale i cui impatti sul turismo e sull’ambiente sono stati ingenti, avvenuto senza tener conto delle caratteristiche geologiche della famosa e conosciuta “sabbia dorata di Terracina”, e Legambiente lavorerà anche con progetti legati al superamento dell’erosione costiera anche in attuazione della Gestione Integrata delle Zone Costiere (GIZC) in Europa (2002/413/CE, GU L 148 del 6.6.2002);
  • al tema energetico e delle azioni di contrasto alla emergenza climatica, come già affermato in occasione del nostro “Convegno sulla Transizione Energetica” del 1 aprile scorso, perché è assolutamente prioritario che la città si doti del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima (PAESC) aderendo al Nuovo Patto dei Sindaci, e del Piano Urbano delle Mobilità Sostenibile (PUMS) e per avviare al più presto un piano di riqualificazione energetica di interi quartieri della città. Il Circolo si impegnerà anche a coinvolgere da subito Terracina nella Campagna Nazionale di Legambiente “Comuni Rinnovabili”, che vede già migliaia di comuni attivi e che servirà a stimolare anche l’adozione di buone pratiche di efficientamento e risparmio energetico
  • Alla sistemazione e messa in sicurezza delle Aree a Rischio Alluvioni (zona del Calcatore) e Dissesto idrogeologico (zona La Fiora e zona Pisco Montano)
  • allo sviluppo di una mobilità sostenibile che potenzi le politiche di moderazione del traffico, il Trasporto pubblico locale, i nodi di interscambio (Area stazione, Area Mercato e Porto) e i parcheggi. Sul tema stazione, la nostra priorità è per la Stazione Monte San Biagio-Terracina (ma ovviamente saremmo ben contenti di riavere anche la nostra stazione) e superare l’attuale situazione, gravissima dal punto di vista degli indicatori turistici e ci occuperemo anche della qualità di vita dei molti concittadini pendolari, attraverso le proprie campagne nazionali come “Pendolaria” per sensibilizzare i gestori dei trasporti al miglioramento continuo dei servizi;
  • alla tutela, valorizzazione e manutenzione appropriata delle piste ciclabili, dei marciapiedi e delle strade esistenti e creazione di un TACU – Terracina Anello Ciclabile Unico– tenendo conto delle indicazioni del Piano della Mobilità del Lazio, della proposta del Forum di Agenda21 locale e ispirandoci al grande successo della proposta di Legambiente in materia di GRAB – Grande Raccordo Anulare in Bici per Roma- , creando un circuito circolare che abbracci storia, archeologia, natura, fiumi, mare e parchi e che possa costituire un punto di riferimento per l’offerta turistica internazionale (bike-tourism);
  • alla riapertura, pulizia periodica, rimboschimento, tutela della biodiversità e gestione collettiva dei parchi urbani (Giardini di Levante, Parco del Montuno, Parco Citta’ Gemellate, etc.) ma anche delle Spiagge anche in collaborazione con i Comitati Cittadini, e a tale proposito ricordiamo le campagne di Legambiente già effettuate in città come “Puliamo il mondo 2015” presso la Scogliera di Levante e “Festa dell’albero 2015” presso i Giardini di Levante, “Beach Litter 2016” e “Spiagge e Fondali Puliti 2016” presso la Spiaggetta di Levante, con il Comitato Cittadino Pisco Montano. Anche gli orti urbani rappresentano per noi una priorità e ci occuperemo degli Orti Urbani di Terracina anche con la nostra prossima campagna “OrtiINFesta2016”. Inoltre anche la possibilità di dedicare porzioni di parchi (o di spiagge) ai nostri amici pelosetti (cani e gatti) ci vedrà molto impegnati!
  • alla integrazione del territorio di Terracina sempre più e meglio nel contesto del Parco Regionale degli Ausoni e Lago di Fondi e nell’ area Riserva della Biosfera UNESCO “Man e Biosphere” del Parco Nazionale del Circeo e contribuire a far conoscere alla cittadinanza e ai turisti di Terracina tutte le preziose ZPS (zone protette speciali), i SIC (siti di importanza comunitaria) e tutte le aree protette del Parco e i propri Monumenti Naturali di Camposoriano e Monte Sant’Angelo-Tempio di Giove attraverso percorsi escursionistici e didattici, innovando i modelli di fruizione e potenziando i modelli di gestione operativa, avvalendosi della grande esperienza di Legambiente nella gestione di zone di interesse ambientale in tutta Italia.

Sul fronte poi della agricoltura e pesca sostenibile riteniamo che sia necessaria una profonda riflessione sull’utilizzo di semi OGM, e sull’abuso dei pesticidi ed erbicidi (si veda il recente rapporto dell’Ispra – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale- che vede l’Agro Pontino (in particolare Pontinia e Sabaudia) tra le zone più contaminate del Paese) e sull’utilizzo di manodopera a basso costo e senza controlli (si vedano i recenti gravi fatti di cronaca relativi allo sfruttamento indiscriminato delle minoranze sikh e alle grandi difficoltà di integrazione). Sul fronte della pesca sarà necessario mettere in campo piani di recupero, creare aree di ripopolamento ittico e favorire la lotta alla pesca illegale al fine di effettuare il recupero degli stock ittici del Mediterraneo, pericolosamente diminuiti.

Inoltre, Il Circolo, in qualità di referente locale della Campagna Nazionale #stopttip (accordo USA-UE TTIP -Transatlantic Trade Investment Program), ha già pronta una bozza di delibera da sottoporre al nuovo Consiglio Comunale per fare di Terracina un comune #STOPTTIP come altre migliaia in Europa, per difendere la qualità e l’unicità dei propri prodotti e il benessere e la salute dei propri cittadini.

Vogliamo lavorare con serenità e in un clima di collaborazione con la nuova Amministrazione e gli Enti Locali operanti sul territorio, ma ci opporremo con tutti i mezzi sia ai progetti di intervento ad alto impatto ambientale in aree marine protette e siti di importanza comunitaria (un esempio per tutti l’autorizzazione rilasciata per l’impianto di mitilicoltura davanti la costa di Terracina), sia allo smantellamento di quanto gia’ fatto (un esempio per tutti la pista ciclabile sul litorale) sia ai progetti faraonici e dannosi (un esempio per tutti l’ampliamento del porto a fini industriali o di turismo da crociera o qualsiasi espansione edilizia sulla costa) che vadano ad impattare sulla bellezza e unicità del nostro ecosistema” afferma Anna Giannetti, Fondatrice e Presidente del Circolo Legambiente di Terracina, “e ci impegneremo per ripristinare a Terracina un clima di legalità, forti della nuova legge sugli ecoreati (fortemente voluta da Legambiente), vigilando sulle zone protette e vincolate anche in ottemperanza al nuovo Piano Territoriale Paesistico Regionale e a fare di Terracina, anche attraverso finanziamenti europei, un centro di monitoraggio e sorveglianza riconosciuto a livello nazionale per la prevenzione dei rifiuti da spiaggia, sui fondali e marini in completa attuazione della Direttiva Europea sulla Strategia Marina e un centro di ecoturismo conosciuto a livello nazionale, stimolando la creazione di Parchi Naturalistici e Aree Marine Protette e di nuove aziende turistiche ecosostenibili, impegnandoci con nuovi progetti di alternanza scuola-lavoro e campi di volontariato, e tanta formazione e start up nel settore ambientale!”.

 

Anna

Foto di Anna Giannetti – Presidente del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano

Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” – C.F. 91143310596

 Cellulare 3491412199; E-mail legambiente.terracina@gmail.com ; Sitoweb legambienteterracina.wordpress.com