L’ Istituto Comprensivo MARIA MONTESSORI, PLESSO SCOLASTICO DELLA DELIBERA e LEGAMBIENTE TERRACINA CON IL DIPARTIMENTO NAZIONALE SCUOLA E FORMAZIONE ADERISCONO ALLA CAMPAGNA NAZIONALE LEGAMBIENTE “NON TI SCORDAR DI ME – OPERAZIONE SCUOLE PULITE 2020’” PER IL 17 APRILE CON UNA INNOVATIVA AZIONE EDUCATIVA, COERENTE CON LA PIATTAFORMA DIGITALE NAZIONALE #IORESTOACASA DI LEGAMBIENTE, CON GLI ALUNNI COLLEGATI IN REMOTO MENTRE COMPIONO AZIONI DI ABBELLIMENTO E PIANTUMAZIONI DI SEMI E PIANTE PRESSO LE PROPRIE ABITAZIONI. IL VIDEO E’ DISPONIBILE AL LINK  https://iorestoacasa.legambiente.it/iniziative-in-circolo/non-ti-scordar-di-me-operazione-scuole-pulite-edizione-digitale-a-terracina/

Terracina, 17 aprile 2020                         Comunicato Stampa n.175

Legambiente Terracina collabora da anni con la Scuola Sostenibile Legambiente di Terracina IC M. Montessori per la promozione di stili di vita sostenibili all’interno della propria comunità e del proprio territorio, favorendo azioni di cittadinanza e partecipando attivamente alle iniziative di volontariato e di cura del proprio ambiente di vita, dentro e fuori l’edificio scolastico.

L’IC M.Montessori e Legambiente Terracina, nel pieno spirito della Scuola Sostenibile, aderiscono in alla Campagna nazionale “Non ti scordar di me- Operazione Scuole Pulite”, https://www.miur.gov.it/web/guest/-/iniziativa-legambiente-nontiscordardime-operazione-scuole-pulite-13-14-marzo-2020, la giornata nazionale di volontariato dedicata alla qualità e alla vivibilità degli edifici scolastici, rivolta a tutte le scuole di ogni ordine e grado, dedicata alla pulizia delle aule, piantumazioni di piante e fiori nei cortili, ritinteggiature degli spazi comuni, murales e tutto ciò che serve per rendere le aule un luogo accogliente, allegro, vivace.

La Campagna nazionale, purtroppo sospesa per via della chiusura delle scuole necessaria per contrastare la diffusione del #coronavirus , è stata comunque portata a termine con una iniziativa innovativa stimolata da tutto il corpo insegnante del plesso della Delibera in collaborazione con il Circolo locale, legata alla campagna nazionale #iorestoacasa proposta da Legambiente per fronteggiare l’emergenza coronavirus, con il supporto della piattaforma digitale gratuita iorestoacasa.legambiente.it, parte della iniziativa Solidarieta’ Digitale del Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, che raccoglie letture, approfondimenti, lezioni didattiche, buone pratiche, intrattenimento, rubriche e opinioni, dossier e dirette web di eventi nazionali, ma anche buone pratiche, giochi per bambini, curiosità che spaziano da frutta e ortaggi di stagione alle ricette di cucina.

Gli alunni Aurora, Christian, Alessandro, Giulia della Sez. A, Silvio della Sez. B, Andrea, Maria Sole, Viola, Stefano, Nicole della sezione E e Amelia della sez. F hanno svolto il 17 aprile presso le proprie case private con la partecipazione delle famiglie e con il supporto in remoto dei docenti e la disponibilita’ dei volontari del Circolo, una serie di attività di piantumazioni di piante e fiori nelle proprie case, anche con l’aiuto dei genitori, nel pieno spirito di Legambiente, centrato sulla creazione di una comunita’ educante e sulla educazione alla cittadinanza. Successivamente è stato effettuato il montaggio di un video disponibile sulla piattaforma nazionale di Legambiente https://iorestoacasa.legambiente.it/iniziative-in-circolo/non-ti-scordar-di-me-operazione-scuole-pulite-edizione-digitale-a-terracina/ e sul sito del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” https://www.facebook.com/circololegambienteterracinapiscomontano/videos/161723081806987/

“Con questa iniziativa innovativa, supportata dal nostro Istituto Comprensivo Maria Montessori e dal nostro Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”, dal Dipartimento Nazionale di Scuola e Formazione di Legambiente e dalla campagna nazionale di Legambiente #iorestoacasa, abbiamo voluto dare un segno, come Scuola Sostenibile fortemente impegnata nell’educazione ambientale, di voler continuare nelle nostre iniziative pur con tutte le necessarie restrizioni imposte dal contrasto alla diffusione del #coronavirus. Tutti i bambini hanno lavorato con impegno, si sono veramente rimboccati le maniche, in un clima sereno di collaborazione e di spensieratezza tipica della loro età e dopo aver piantumato non si sono sottratti alla pulizia ed hanno quindi raccolto la terra dal pavimento e infine sistemato tutti gli utensili. Durante l’organizzazione della iniziativa ci siamo resi conto di come è importante mantenere alta l’attenzione, anche durante l’esperienza della didattica a distanza, sulle questioni ambientali e sulla necessita’ di rimettere al centro della nuova ripartenza, uno stile di vita sostenibile e di quanto sia importante la collaborazione tra la Scuola, le Famiglie, il Volontariato e tutta la Comunita’ educante per far crescere il nostro territorio”- dichiarano Patrizia Scarsella, coordinatrice della iniziativa e referente del plesso Delibera e Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”.

http://www.anxurtime.it/stili-di-vita-sostenibili-continua-la-collaborazione-tra-legambiente-e-scuola/

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-scuola-sostenibile-con-legambiente-e-listituto-montessori/

https://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/3014/lic-m-montessori-plesso-della-delibera-e-legambiente-aderiscono-alla-campagna-nazionale-legambiente-non-ti-scordar-di-me—operazione-scuole-pulite-2020

 

PULIAMO IL MONDO 2019 PRESSO IL PARCO DEL MONTUNO PER MARTEDI’ 3 DICEMBRE ALLE ORE 9.30: L’ENTE PARCO REGIONALE DEI MONTI AUSONI E LAGO DI FONDI ADERISCE UFFICIALMENTE A PULIAMO IL MONDO 2019 con IL CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA “PISCO MONTANO”, FIRMATARIO DI UN IMPORTANTE PROTOCOLLO DI INTESA CON IL PARCO. LA GIORNATA ECOLOGICA DI PULIZIA, CON i VOLONTARI DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DEL COMUNE DI TERRACINA E DELL’ENTE PARCO REGIONALE, CON I BAMBINI DELL’I.C. MARIA MONTESSORI- SEZ. A. MORO E CON GLI ALUNNI DELL’IPS A. FILOSI E’ APERTA A TUTTA LA CITTADINANZA ED E’ PREVISTA PER MARTEDI’ 3 DICEMBRE ORE 9.30 PRESSO IL PARCO DEL MONTUNO.

 

Comunicato stampa n.162                                        1. 12.2019

La collaborazione del Circolo con il Parco Ausoni, fin dalla nascita del Circolo, è sempre stata molto attiva e su diversi fronti: il 18 marzo 2018, dopo intensa pulizia, il Circolo grazie al supporto del Parco ha ripristinato il “Sentiero del Tempio”, riaperto ufficialmente dall’Ente Parco degli Ausoni, consegnando al Parco via PEC, la Scheda di rilevamento Catasto sentieri CAI e la scheda di Valutazione del Sentiero, con una completa relazione analitica e fotografica, frutto di una azione comprensiva di riqualificazione ambientale del Sentiero del Tempio di Giove (Itinerario n.3 del Parco) (SIC/ZSC Monte Sant’Angelo), dopo i devastanti incendi del 2015 e del 2017, e a coronamento di questa importante iniziativa di recupero, il 29 marzo 2018 è stato firmato un importante protocollo di intesa tra l’Ente Parco degli Ausoni e il Circolo Legambiente di Terracina per la tutela e lo sviluppo della sentieristica, la promozione di iniziative di educazione ambientale e di monitoraggio per la prevenzione degli incendi e l’abbandono illecito di rifiuti. La collaborazione con il Parco, con la struttura di Promozione e con i Guardia Parco è poi proseguita durante l’intensa attività di avvistamento statico sul Sentiero, presso il Parco della Fossata, e presso il Parco del Montuno, a supporto della squadra Anti Incendio Boschivo – AIB 2018 e 2019 della Protezione Civile Comunale, a seguito del Protocollo congiunto firmato dal Circolo con l’Amministrazione Comunale e con il Parco Ausoni per la prevenzione degli incendi boschivi.

Attualmente è in corso di definizione una più ampia collaborazione sul fronte del costituendo Centro di Educazione Ambientale Legambiente presso il Parco del Montuno che operera’, con i propri educatori iscritti al Registro Nazionale degli Educatori Ambientali, in modo sintonico con il Centro di Educazione Ambientale del Parco Ausoni, con la partecipazione alla costituzione di un catalogo di progetti didattici per le Scuole nelle zone del Parco, come quello in fase di definizione su “Il Parco e l’Acqua”, e a partire da un importante progetto didattico in corso di attuazione con la Scuola dell’Infanzia – plesso A. Moro dell’IC Maria Montessori di Terracina, denominato “LA NATURA ENTRA IN CLASSE: IL NOSTRO ERBARIO” tutto dedicato al Parco del Montuno e che si avvarra’ della consulenza del Parco Ausoni, custode di uno dei più preziosi erbari regionali, quello del Lazio Meridionale.

Dopo aver aderito già a Puliamo il Mondo svoltosi il 27 ottobre 2018, presso il Sentiero del Tempio con la presenza degli alunni del IPS A. Filosi e delle famiglie, il Parco ha subito aderito ufficialmente anche a Puliamo il Mondo 2019, mostrando non solo una grande attenzione e cura per le aree verdi di Terracina, ma anche un grande apprezzamento per il Circolo e le sue attività e per la campagna Legambiente Puliamo il Mondo, il più grande evento mondiale di volontariato ambientale, sia per valenza educativa che per il coinvolgimento della popolazione, con iniziative in oltre centoventi Paesi. La giornata ecologica si terrà il prossimo martedì 3 dicembre, con appuntamento alle ore 9.30 all’ingresso del Parco del Montuno. La giornata è aperta a tutti, completamente assicurata e saranno forniti kit pettorine e guanti. In caso di maltempo l’iniziativa verrà spostata in una data successiva.

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2810/domani-puliamo-il-mondo-2019-presso-il-parco-del-montuno-alle-ore-930

https://latinatu.it/terracina-puliamo-il-parco-montuno-liniziativa-ecologica-per-bambini-e-ragazzi/

http://www.anxurtime.it/puliamo-il-mondo-iniziativa-al-parco-del-montuno-con-legambiente/

http://www.parchilazio.it/appuntamenti-4714-l_ente_parco_ausoni_e_puliamo_il_mondo_clean_up_the_world_martedi_3_dicembre_ore_9_30_appuntament

ITS A. BIANCHINI SCUOLA SOSTENIBILE LEGAMBIENTE PRIMA “CLIMATE CHANGE SCHOOL” IN PROVINCIA DI LATINA. VENERDI’ 29 PROSSIMO IN OCCASIONE DEL QUARTO SCIOPERO “GLOBAL STRIKE FOR FUTURE” ITS A.BIANCHINI APRE LE PORTE A TUTTI CON IL LANCIO UFFICIALE DELLA CAMPAGNA NAZIONALE DI LEGAMBIENTE “CHANGECLIMATECHANGE”. NASCE UN PROGRAMMA SOS CLIMA DENOMINATO “FRIDAYS FOR CLIMATE” CHE VEDRA’ CONFERENZE SUL CLIMA OGNI ULTIMO VENERDI’ DEL MESE PER TUTTO l’ANNO SCOLASTICO PER APPROFONDIRE TUTTI GLI ASPETTI DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI.

Comunicato stampa n.161                                             27.11.2018

Legambiente Terracina con l’ITS A. Bianchini, Scuola Sostenibile Legambiente che ha aderito alla campagna di Legambiente Scuola e Formazione SOS CLIMA, annunciano la nascita di una “Climate Change School”, la prima in Provincia di Latina, con una serie di appuntamenti che verranno condotti da esperti del Circolo Legambiente locale, da altri esperti dei Circoli Legambiente della Provincia e da illustri ospiti di Legambiente nazionale, della Coalizione per il Clima, del Coordinamento Pontino per il Clima, invitati di volta in volta, e che si terranno tutti gli ultimi venerdì del mese di mattina per una ora, fino alla chiusura dell’anno scolastico, denominati “Fridays for Climate”. La Climate Change School vuole essere un luogo dove informarsi, attivarsi e mobilitarsi da subito anche nel proprio quotidiano perché conoscere il cambiamento climatico e comprenderne cause ed effetti è il primo passo per agire e solo tutti insieme possiamo fermare la febbre del Pianeta che sta minacciando la vita sulla Terra. Il primo appuntamento in via sperimentale si è tenuto già venerdì 25 ottobre scorso, alla presenza di Gustavo Giorgi, Presidente del Circolo Arcobaleno Pontino di Latina e referente provinciale del Coordinamento Pontino per il Clima e con circa cento alunni, ed è stato dedicato, proprio in occasione del triste anniversario, all’approfondimento, con proiezioni video e analisi, di quanto avvenuto proprio a Terracina il 29 ottobre 2018, ovvero un disastro climatico senza precedenti che ha provocato la morte di due concittadini e che è entrato tristemente nella casistica nazionale dell’Osservatorio Citta’ Clima di Legambiente, di cui recentemente è stato presentato l’ultimo Rapporto, https://www.legambiente.it/emergenza-citta-ecco-i-dati-dellosservatorio-legambiente-sui-mutamenti-climatici/. L’Osservatorio ha l’obiettivo di raccogliere e mappare le informazioni sui danni provocati in Italia dai fenomeni climatici, di contribuire ad analisi e approfondimenti che riguardano le città e il territorio italiano, oltre a condividere analisi e studi internazionali e esperienze di piani e progetti di città, paesi, Regioni. Dal 2010 ad oggi, sono 563 gli eventi registrati sulla mappa del rischio climatico, con 350 Comuni in cui sono avvenuti impatti rilevanti e tra questi purtroppo a seguito del  disastro climatico del 29 ottobre 2018, anche il Comune di Terracina. Nel 2018, il nostro paese è stato colpito da 148 eventi estremi, che hanno causato 32 vittime e oltre 4.500 sfollati, un bilancio di molto superiore alla media calcolata negli ultimi cinque anni. Dal 2014 al 2018 le sole inondazioni hanno provocato in Italia la morte di 68 persone. In particolare sono stati 197 i casi di allagamenti provocati da piogge intense, le stesse che hanno causato 17 frane, 69 giorni di blackout elettrici, 74 esondazioni fluviali e 180 eventi che hanno interrotto le infrastrutture di trasporto, portando a 73 giorni di stop a metropolitane e treni urbani. Sono stati 14 i casi di danni al nostro patrimonio storico, 17 quelli provocati da prolungati periodi di siccità, 123 quelli prodotti da trombe d’aria. Ma ancora più rilevante è il tributo che continuiamo a pagare in termini vite umane e di feriti: sono oltre 203 le vittime del maltempo dal 2010 ad oggi. A questo si aggiunge l’evacuazione di oltre 45mila persone legata a eventi atmosferici estremi. Non va dimenticato, infatti, che in Italia, oltre 7,5 milioni di persone vivono o lavorano in aree a rischio idrogeologico elevato: un problema che interessa circa 7.275 comuni incluso il nostro nel quale, secondo il Rapporto Ecosistema Urbano di Terracina 2018, il dissesto idrogeologico del territorio (frane e inondazioni) interessa un terzo (32,29%) della superficie con migliaia di persone a rischio. Sul fronte dei costi l’Italia dal 1998 al 2018 ha speso, secondo dati Ispra, circa 5,6 miliardi di euro (300 milioni all’anno) in progettazione e realizzazione di opere di prevenzione del rischio idrogeologico, a fronte di circa 20 miliardi di euro spesi per “riparare” i danni del dissesto secondo dati del CNR e della Protezione civile (un miliardo all’anno in media, considerando che dal 1944 ad oggi sono stati spesi 75 miliardi di euro). Il rapporto tra prevenzione e riparazione è insomma di uno a quattro.

Per questa ragione Legambiente ha deciso di rafforzare il proprio impegno per combattere la crisi climatica lanciando la nuova campagna #ChangeClimateChange: una piattaforma online https://www.changeclimatechange.it/ tutta dedicata ai giovani che vuole proporre, in una chiave di cambiamento, la costruzione di proposte e mobilitazioni per ricordare con  Greta Thunberg “ai grandi della Terra che il nostro Pianeta è in pericolo e che bisogna fare presto”. La piattaforma web presenta per questo un’ampia sezione di approfondimento (anche con contributi multimediali) che analizza i settori maggiormente impattanti e climalteranti: l’energia, per un’uscita dalle fonti fossili e un futuro finalmente 100% rinnovabile; l’efficienza e la rigenerazione delle città; per promuovere una mobilità a zero emissioni; cibo sano, giusto, equo e sostenibile e infine il tema dell’emergenza e del rischio. Sulla piattaforma web Legambiente identifica anche i principali nemici del clima, ancora troppi e difficili da cacciare: le aziende, una su tutte l’ENI, le infrastrutture, centrali che contribuiscono in maniera drammatica al cambiamento climatico e all’inquinamento locale e che poco o nulla stanno facendo per invertire la rotta. Associazioni, comitati e cittadini potranno essere protagonisti della denuncia, segnalando a Legambiente i “nemici del clima” presenti nella propria città e nei propri territori per realizzare così una mappa interattiva che supporti l’azione di mobilitazione e di protesta.

Il prossimo venerdì 29 novembre, in occasione della quarta mobilitazione mondiale legata ai #FridaysForFuture, il quarto sciopero globale per il Clima, e anniversario della famosa Marcia Globale per il Clima del 29 novembre 2015, organizzata dalla Coalizione per il Clima, nella quale decine di migliaia di manifestanti scesero in piazza a Roma alla vigilia della COP21 per chiedere un accordo internazionale serio e vincolante per arrestare il cambiamento climatico e salvare il nostro Pianeta, ma anche nella triste ricorrenza dell’evento climatico estremo avvenuto il 25 novembre 2018 a seguito di piogge torrenziali, con l’ apertura di una impressionante voragine stradale che ha inghiottito per sempre un nostro concittadino Valter Dona’, Legambiente Terracina, in collaborazione con il Coordinamento Pontino per il Clima, presenta presso l’Aula Magna dell’ITS A. Bianchini, la nuova campagna Changeclimatechange mettendo in campo iniziative concrete, stili di vita sostenibili e offrendo strumenti di comprensione delle cause e degli effetti dei cambiamenti climatici e saranno presentate anche idee e proposte provenienti dai ragazzi.

“Sono felice di annunciare un calendario di incontri sul Clima, i Fridays for Climate che si svolgeranno la mattina di ogni ultimo venerdì del mese presso l’Aula Magna della Scuola Sostenibile Legambiente ITS A. Bianchini, con ospiti illustri, proiezioni di video e filmati e con testimonianze e approfondimenti e che saranno aperti a tutta la cittadinanza e a tutte le Scuole della Provincia e che vedranno anche la partecipazione attiva dei ragazzi. La Scuola ITS A. Bianchini si conferma ancora una volta all’avanguardia sui temi ambientali e dopo essere diventata la prima Plastic Free School della Provincia di Latina https://legambienteterracina.wordpress.com/2019/10/15/lits-a-bianchini-di-terracina-e-la-prima-plastic-free-school-della-provincia-di-latina-e-una-delle-prime-nella-regione-lazio-borracce-inox-plastic-free-e-dispenser-di-acqua-pubblica-filtrat/ si avvia a diventare come prima Climate Change School della Provincia, un punto di riferimento per gli approfondimenti sugli impatti devastanti dei cambiamenti climatici sul nostro territorio pontino, dalle alluvioni, alle frane, alle trombe d’aria, ai tornado, all’erosione costiera. Durante gli incontri, verranno fornite anche spiegazioni su come attrezzarci per i rischi climatici e come provare a cambiare i nostri stili di vita in modo da contribuire alla riduzione delle emissioni climalteranti.  Ricordo però purtroppo che nonostante le ripetute sollecitazioni la nostra Amministrazione Comunale non ha ancora calendarizzato la nostra mozione per la dichiarazione di emergenza climatica, presentata il 5 giugno di quest’anno, e questo nonostante Terracina abbia subito uno degli eventi climatici più devastanti nella Regione Lazio proprio il 29 ottobre 2018 con un tornado che ha provocato due morti e il 25 novembre 2018  con l’apertura di una voragine stradale che ha provocato purtroppo un disperso e non ha ancora messo in cantiere in modo deciso azioni concrete per evidenziare e mitigare il rischio climatico e creare e diffondere una cultura di prevenzione. Chiediamo pertanto come Legambiente Terracina di calendarizzare e discutere al più presto la nostra mozione. Purtroppo più in generale l’Italia è l’unico grande paese europeo, nonostante dal 2014 sia stata approvata la Strategia nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici, ancora senza un piano nazionale di adattamento al clima, piano che permetterebbe di individuare le priorità di intervento e ripensare il modo in cui si interviene e come Legambiente chiediamo al governo di approvare quanto prima il Piano di adattamento e di mettere le città al centro delle priorità di intervento” dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente Terracina Pisco Montano.

http://www.anxurtime.it/global-strike-for-future-la-campagna-nazionale-legambiente-parte-dal-bianchini/?fbclid=IwAR2ACe0Lt65DTADfx7-gV89Vdt0GbFP8rJqUXKHA8KzdHVAX8BUM-0aXwHA

https://www.h24notizie.com/2019/11/28/domani-al-bianchini-di-terracina-il-lancio-della-campagna-di-legambiente-changeclimatechange/?fbclid=IwAR2RkWUczi2-DDmq8UKdYtSQ-6oDEXdj9whHZlmKiJIOhcRHkpC9n3qG7Rc

https://www.agoraregionelazio.com/terracina-its-a-bianchini-scuola-sostenibile-legambiente-prima-climate-change-school/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2803/quarto-sciopero-global-strike-for-future–venerdi-29-allits-bianchini-lancio-ufficiale-della-campagna-nazionale-di-legambiente

IMG

 

L’ITS A. Bianchini di Terracina è la prima Plastic Free School della Provincia di Latina e una delle prime nella Regione Lazio. Borracce inox plastic free e dispenser di acqua pubblica filtrata con tessere prepagate personalizzate per una rete Plastic Free Beaches Terracina sempre più attiva sul territorio.

 

COMUNICATO LEGAMBIENTE TERRACINA N.155   

15 ottobre 2019

COMUNICATO CONGIUNTO

ACQUALATINA SPA – CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA “PISCO MONTANO”- ITS A. BIANCHINI TERRACINA

L’ITS A. Bianchini di Terracina diventa la prima Plastic Free School della Provincia di Latina e una delle prime nella Regione Lazio, grazie alla distribuzione di funzionali borracce in acciaio inox a doppio logo Legambiente Terracina-Acqualatina SpA, e alla consegna da parte dell’Istituto stesso di tessere nominative per l’attivazione di eleganti dispensatori di acqua pubblica filtrata predisposti dall’Istituto con il supporto di WaterStore Acqua alla Spina di Alessandro Sacchetti.

La cerimonia di consegna ha avuto luogo ieri 14 ottobre presso l’Aula Magna dell’ITS A. Bianchini di Terracina, alla presenza del Vicepresidente della Provincia di Latina Vincenzo Carnevale, del Sindaco di Terracina Roberta Tintari, del Dirigente Scolastico Maurizio Trani, dell’Amministratore Delegato di Acqualatina SpA Marco Lombardi, del Consigliere di Amministrazione di Acqualatina SpA Alessandro Cerilli e del Vicepresidente di Legambiente Terracina “Pisco Montano” Gabriele Subiaco.

Le borracce distribuite dal gestore del servizio idrico sono parte della campagna #AcqualatinaNoPlastic: un ulteriore passo avanti verso la sostenibilità ambientale e una delle principali azioni previste dal protocollo d’intesa siglato tra Legambiente Terracina “Pisco Montano” e Acqualatina stessa in occasione della Tappa di Terra a Terracina di Goletta Verde 2019, lo scorso 6 agosto. Un documento di grande valore per il territorio, maturato all’interno della Rete “Plastic Free Beaches Terracina”, creata da Legambiente Terracina, che vede molti portatori di interesse locali e di cui Acqualatina è stata tra i primi sottoscrittori, insieme all’ITS A. Bianchini e a WaterStore-Acqua alla Spina.

“L’ITS A. Bianchini con la sua scelta radicale di rimuovere i distributori di acqua in bottiglia di plastica, per sensibilizzare studenti e docenti alla eliminazione totale dell’acqua in bottiglia di plastica, e con il proprio investimento nei dispenser attivabili tramite una card personalizzata, progetto tecnico portato avanti con innovazione e professionalità da Waterstore-Acqua alla Spina, e grazie alla generosità di Acqualatina SpA che ci ha fornito eleganti e funzionali borracce inox, è diventata una Plastic Free School, la prima in Provincia di Latina e una delle prime della Regione Lazio, in cui la plastica viene completamente bandita e tutto questo grazie al percorso di sensibilizzazione e approfondimento tecnico e scientifico che abbiamo svolto negli ultimi due anni con Legambiente Terracina e la Rete Plastic Free Beaches Terracina, di cui siamo stati tra i primi e entusiasti sottoscrittori. Stiamo già lavorando per emanare una modifica al Regolamento di Istituto nella quale si vieterà l’utilizzo e la distribuzione della plastica monouso nella mia scuola già a partire da questo anno scolastico.” afferma il Dirigente Scolastico dell’ITS A. Bianchini Prof. Maurizio Trani.

«Ringrazio tutti voi per averci coinvolto in questa importante iniziativa.» Ha affermato l’Amministratore Delegato di Acqualatina, Marco Lombardi. «Ringrazio in particolar modo il Circolo Legambiente Pisco Montano, per il supporto alle iniziative congiunte a favore dell’ambiente, e l’Amministrazione Comunale di Terracina, per l’attenzione rivolta a queste tematiche che ci porterà presto a realizzare nuovi progetti insieme.

Le plastiche monouso come le bottiglie d’acqua sono responsabili del 70% dell’inquinamento di spiagge e oceani e l’Italia è prima in Europa e seconda al mondo per consumo di acqua in bottiglia, con 13,5 miliardi di bottiglie consumate e gettate via ogni anno. Questi numeri fanno ben capire perché sia tanto importante dar vita a iniziative come quella odierna.

Come Acqualatina ci impegniamo da anni per tutelare l’ambiente e le risorse idriche. Quest’anno abbiamo avviato una nuova campagna che abbiamo chiamato #AcqualatinaNoPlastic e che prevede la distribuzione di migliaia di borracce plastic free tra le scuole che parteciperanno al nostro progetto “A lezione d’acqua”. Salvaguardare l’ambiente è un dovere di tutti noi.»

«Mi unisco ai ringraziamenti dell’Amministratore Delegato, a nome mio, del Presidente Lauriola e del Consiglio di Amministrazione di Acqualatina.» Ha aggiunto il Consigliere di Acqualatina, Alessandro Cerilli «Ringrazio tutti voi e questo Istituto Scolastico per aver dato il via a un progetto tanto importante e delicato. Un grazie particolare va al Sindaco di Terracina, Roberta Tintari, all’Assessore all’Ambiente Emanuela Zappone e a tutta l’Amministrazione Comunale così come alla Presidente Anna Giannetti, al Vicepresidente Gabriele Subiaco e a tutti i volontari del Circolo Legambiente di Terracina per la costante attenzione al tema della tutela ambientale e per le tante iniziative già messe in atto e alle future, che ci vedranno di nuovo coinvolti e per le quali sarà un piacere poter fornire il massimo supporto possibile.»

“Siamo orgogliosi di aver portato a termine un progetto completo di sostituzione della plastica in una delle scuole più moderne e innovatrici di Terracina e ancora di più perché questo progetto è nato proprio all’interno delle azioni e campagne di sensibilizzazione e di educazione che noi come Legambiente Terracina abbiamo fatto per anni senza mai risparmiarci con tutti i partner sottoscrittori della rete “Plastic Free Beaches Terracina”, nelle Scuole, negli Esercizi Commerciali, con i Balneari sulle spiagge e con Acqualatina SpA.

Un esempio di collaborazione che ha portato Enti, Scuole, Aziende e Associazioni a raggiungere l’obiettivo di avere a Terracina la prima Plastic Free School della Provincia di Latina e una delle prime della Regione Lazio, sperando che questo possa essere poi emulato da altre scuole del territorio. Come Punto Chimica Verde Bionet nazionale per la Plastic Strategy, abbiamo adottato nella scuola il nostro vademecum nazionale Legambiente-Chimica Verde Bionet per l’attuazione della Plastic Free Strategy e consegneremo a tutti coloro che hanno ricevuto le borracce le linee guida per la corretta pulizia e manutenzione e continueremo a fare lezioni e laboratori sull’acqua, la plastica, le plastiche sostitutive e le microplastiche.

Ricordiamo poi che grazie ad Acqualatina SpA saremo in grado di attivare a breve il Centro di Educazione Ambientale Legambiente “La Collinetta” a Terracina presso il Parco del Montuno, il primo nella Provincia di Latina, che sarà dedicato proprio al tema della preziosa risorsa idrica (consumo consapevole, riuso, riciclo, acqua pubblica, lotta alla dispersione, contrasto all’acqua in bottiglia) con educatori ambientali certificati e iscritti al registro nazionale degli Educatori Ambientali di Legambiente e riconosciuti anche dal MIUR” dichiara Anna Giannetti, Presidente Legambiente Terracina.

https://www.radioluna.it/news/2019/10/il-bianchini-di-terracina-e-la-prima-plastic-free-school-della-provincia/?fbclid=IwAR2Ftbo3pXfK_xT1C8_j-YYXb2Vx4FHhPOpesjDnIvywBXh7GBQJs6FgUuM

http://www.latinatoday.it/attualita/terracina-bianchini-scuola-plastic-free.html

https://www.latinaquotidiano.it/il-bianchini-di-terracina-e-la-prima-plastic-free-school-della-provincia-di-latina/

http://www.gazzettinodelgolfo.it/lits-a-bianchini-di-terracina-e-la-prima-plastic-free-school-della-provincia-di-latina/

https://www.agoraregionelazio.com/lits-a-bianchini-di-terracina-e-la-prima-plastic-free-school-della-provincia-di-latina-e-una-delle-prime-nella-regione-lazio-borracce-inox-plastic-free-e-dispenser-di-acqua-pubblica-filtrat/?fbclid=IwAR37e7NciPPd8eLhya-tCrgFKiu0I7XJ5xrR8K7EQ3JuT9nK3XvzURcD9Jc

http://www.latinatoday.it/attualita/terracina-scuola-plastic-free-bianchini-carbevale-medici.html

https://www.latinacorriere.it/plastic-free-school-bianchini-di-terracina-al-primo-posto-in-provincia/

http://www.anxurtime.it/la-scuola-bianchini-prima-plastic-free-school-il-plauso-di-legambiente/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2726/lits-a-bianchini-e-la-prima-plastic-free-school-della-provincia-di-latina-e-una-delle-prime-nella-regione-lazio

https://www.h24notizie.com/2019/10/17/lits-a-bianchini-diventa-la-prima-plastic-free-school-della-provincia/

https://www.ilfaroonline.it/2019/10/22/terracina-lits-bianchini-prima-plastic-school-della-provincia-di-latina/299818/

Latina Oggi 17.10.2019

 

Nasce all’interno del Dipartimento Scuola e Formazione del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” un pool di educatori ambientali certificati riconosciuti da Legambiente e dal MIUR, iscritti al Registro Nazionale di Educatori Ambientali di Legambiente, che si occupera’ della progettazione didattica inerente al Centro di Educazione Ambientale – CEA di prossima costituzione al Parco del Montuno e che si fara’ carico delle attività di educazione ambientale formale e non formale per le Amministrazioni, le Scuole, gli Enti Parco e le Aree Protette, le Associazioni di Categoria sulle materie ambientali.

Comunicato stampa n.146                                                  15 luglio 2019

 

Venerdì 12 luglio scorso nella sede della Direzione Nazionale di Legambiente a Roma si è tenuta una importante Assemblea precongressuale di Legambiente Scuola e Formazione, importante Associazione professionale degli insegnanti, educatori e formatori ambientali, nata nel 2000 e riconosciuta dal MIUR quale ente qualificato per la formazione del personale scolastico (DM 177/2000, decreto 6/10/2005), in preparazione del prossimo Congresso Nazionale del 4 e 5 ottobre prossimo, e il Circolo ha potuto presentare in un autorevole contesto nazionale e regionale, alla presenza delle massime rappresentanti di Legambiente Scuola e Formazione a livello nazionale e regionale Vanessa Pallucchi, Claudia Cappelletti, Monica Pergoloni, Maria Domenica Boiano, e dei Circoli di tutta Italia, tutti i risultati raggiunti dal Circolo in questi tre anni a Terracina con ben 4 Scuole Sostenibili Legambiente, 3 importanti progetti finanziati a valere sul PON MIUR 2014-2020 – Fondi strutturali europei, assegnati ed erogati (Avviso pubblico MIUR n.1953 del 21/2/2017, Competenze di base – Azioni specifiche per la scuola dell’infanzia “La Scuola Verde Fuori dalla Porta” con IC Milani, Avviso pubblico MIUR n. 3781 del 05/04/2017 Potenziamento Percorsi ASL “Da Goletta Verde alle Sentinelle del Mare” con ITS A. Bianchini, Avviso pubblico MIUR n. 3340 del 02/05/2017 Cittadinanza Globale “Per un mondo migliore- “In acque pulite” con IC Montessori) e molte campagne (Festa dell’Albero, Non ti Scordar di me – Scuole Pulite, Beach Litter, Spiagge e Fondali Puliti, Puliamo il Mondo, Goletta Verde) con il coinvolgimento di centinaia di alunni e bambini e iniziative didattiche congiunte su diversi temi che riguardano l’ambiente e il cambiamento degli stili di vita: dalle analisi degli edifici scolastici in ottica di rigenerazione e di impatto sui cambiamenti climatici, alla costruzione di orti didattici, compostiere e aiuole e percorsi sensoriali, alla predisposizione di un laboratorio innovativo in grado di monitorare le acque del territorio (foci, fiumi, canali, mare) e a breve anche la quantita’ e qualita’ di pesticidi presenti nei corpi idrici, fino alla costruzione di un percorso relativo all’ “Orto nel Piatto” con particolare attenzione all’alimentazione dei bambini, al cibo autoprodotto e al risparmio delle risorse, alla costruzione di un percorso didattico per educare al #plasticfree erogato anche sulle spiagge durante la stagione estiva,  o al percorso per educare al risparmio e al riuso dell’acqua con Acqualatina SpA #waterless e alla definizione di un percorso didattico per educare ai cambiamenti climatici in fase di predisposizione con la campagna Legambiente nazionale SOS Clima. Tutti i progetti, le campagne e le iniziative e i percorsi hanno rappresentato, spesso con il coinvolgimento di tutta la famiglia, un vero e proprio percorso di cittadinanza attiva risvegliando anche l’interesse dei genitori e dei nonni per l’ambiente e per stili di vita compatibili.

Inoltre proprio lo scorso 10 e 11 maggio si è tenuto a Terracina, presso l’IC Montessori, il primo Corso Regionale Legambiente per gli Educatori Ambientali, corso riconosciuto dal MIUR che lo ha reso disponibile anche sulla piattaforma online SOPHIA, tutto dedicato alla progettazione della didattica attiva in ambito ambientale. Il corso è stato organizzato da Legambiente Scuola e Formazione nazionale e regionale ed è stato dedicato al personale volontario del Circolo (insegnanti e educatori non formali) che già operano con il Circolo nella predisposizione dei contenuti che animeranno il Centro di Educazione Ambientale “La Collinetta”. Il Corso di due giorni ha fornito una parte dei crediti relativi alle ore di formazione necessarie per essere iscritti al Registro Nazionale degli Educatori Ambientali Legambiente.

Il Corso, a cura di docenti esperti e certificati di Legambiente, è stato focalizzato sia sugli aspetti teorici che pratici dell’educazione ambientale, con lavori di gruppo, simulazioni e giochi di ruolo e predisposizione di materiale anche all’interno del progetto europeo LIFE-ASAP – LIFE15 GIE/IT/001039, https://lifeasap.eu/index.php/it/ progetto europeo a cui partecipa Legambiente insieme, tra gli altri, a ISPRA, Federparchi e Regionale Lazio, dedicato alla tutela della biodiversita’ e alla individuazione e classificazione delle specie aliene, di cui si sono approfonditi tutti i materiali prodotti.

I partecipanti del Corso che hanno ricevuto l’attestato o che hanno avuto accesso al Registro Nazionale degli Educatori Ambientali di Legambiente, sono: Laura Bellotto, insegnante dell’IC M. Montessori, educatrice ambientale e Coordinatrice del Pool di Educatori Ambientali, Francesca Arecchi e Simonetta Coccoluto insegnanti ed educatrici ambientali del Dipartimento Chimico dell’ITS A. Bianchini, Antonietta Mauriello e Elvira Lauretani, insegnanti ed educatori ambientali dell’ IPS A. FILOSI, Annalaura Rossi, Gabriele Subiaco, Roberto Perticaroli e Ida di Girolamo, soci volontari impegnati come Tutor e Esperti presso le Scuole, e Agostina Pagliaroli, insegnante, autrice di importanti moduli didattici di educazione ambientale per il Circolo.

“Dopo anni di proficua collaborazione con la Scuola Sostenibile IC Milani grazie alla lungimiranza della DS Giuseppina di Cretico, con la quale abbiamo firmato – dopo solo un anno di vita del Circolo-  la prima e più importante Convenzione e con la quale abbiamo progettato il CEA – Centro di Educazione Ambientale “La Collinetta” al Parco del Montuno, ora anche l’IC Montessori di Terracina si candida a diventare un polo di riferimento per l’innovazione nella didattica ambientale a livello non solo cittadino ma regionale e di questo ringraziamo la DS Barbara Marini dell’IC M. Montessori che si è sempre mostrata attenta alle nostre campagne e iniziative congiunte fino a decidere di aderire da quest’anno anche come Scuola Sostenibile e siamo particolarmente contenti che la Maestra Laura Bellotto, nostra socia volontaria e impegnata in diverse progettazioni didattiche innovative per l’IC M. Montessori, si occuperà di coordinare il gruppo degli educatori formali e non formali certificati del Circolo. Vogliamo qui ringraziare anche la DS Anna Maria Masci della Scuola Sostenibile IPS A. Filosi che ha voluto sottoscrivere con noi una Convenzione e iscrivere l’IPS A. Filosi come Scuola Sostenibile e che oggi esprime una forte valenza sia in ambito ambientale che in ambito dei progetti per la legalita’ e il contrasto agli ecoreati, e il DS Maurizio Trani dell’ITS A. Bianchini che, con la firma della Convenzione ASL con il nostro Circolo, ha favorito la nascita di un polo di analisi importante a livello regionale con il Laboratorio “Goletta Verde a Terracina” per il monitoraggio delle acque presso il proprio Dipartimento Chimico.  E’ stato un anno molto intenso per il nostro Circolo che ha visto i propri soci volontari impegnati in intense attività scolastiche come Esperti e come Tutor, grazie al successo dei PON MIUR progettati più di un anno fa, con un impegno che a volte è stato molto gravoso visto che tutti i PON sono partiti di fatto più o meno contemporaneamente all’inizio dell’anno. Siamo molto stanchi ma soddisfatti di aver creato nelle Scuole di Terracina, che si dimostrano sempre più una eccellenza cittadina, una nuova consapevolezza per l’ambiente con azioni concrete e durature, con uscite didattiche e campagne e iniziative all’aperto con i balneari e i pescatori della rete Plastic Free Beaches Terracina e del progetto Fishing for Litter Terracina, con la costruzione e cura di orti didattici e percorsi di alimentazione corretta e con l’attivazione di un laboratorio all’avanguardia dedicato al monitoraggio delle acque e aver contribuito in modo determinante con le nostre azioni-  tutte ampiamente documentate-  anche all’assegnazione dei riconoscimenti come quello delle ECOSCHOOLS, programma internazionale di certificazione per le scuole che intendono promuovere la sostenibilità attraverso l’educazione ambientale. Nuove campagne e iniziative saranno annunciate a breve per il prossimo anno ma quest’anno saremo anche impegnati a comunicare in modo opportuno sui siti delle scuole tutti i risultati ottenuti che sono davvero molti!” dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente Terracina.

L’esperienza con Legambiente è stata davvero molto stimolante e ho potuto da subito comprendere il grande livello professionale del Circolo e di Legambiente tutta, nella fase di proposta come Scuola Sostenibile, visto che sono stata attiva con le mie classi da circa un anno e mezzo nelle campagne più importanti come Beach Litter, Spiagge e Fondali Puliti, Festa dell’Albero, Non ti Scordar di Me, Puliamo il Mondo e ho avuto l’opportunita’ di collaborare con Legambiente per il PON MIUR “Per un mondo Migliore” – In Acque Pulite. Sono quindi onorata della proposta di coordinare il pool di educatori ambientali, e di ricevere il supporto di Nando Pirro, insegnante e socio del Circolo ma anche autorevole membro del Direttivo di Legambiente Scuola e Formazione nazionale, e di partecipare dall’inizio alla creazione di un Centro di Educazione Ambientale come quello che stiamo progettando al Parco del Montuno, progetto che è partito con IC Milani e che per questa ragione sarà condiviso, al di la’ dei soci che saranno nel pool come iscritti al Registro Nazionale di Legambiente, con tutte le Scuole e le insegnanti che vorranno partecipare. Il nostro obiettivo come Circolo è quello di certificare le competenze ed accrescerle continuamente con corsi mirati, in modo da garantire il massimo livello nel settore ma continueremo ad operare a tutti i livelli anche con campagne e progetti, portando a Terracina non solo le campagne tradizionali di Legambiente ma anche progetti nazionali importanti che potranno essere anche riadattati alle esigenze del nostro territorio come: “Un mondo di gocce”- sul risparmio e riuso idrico e altre campagne sulla risorsa Acqua, Volontari per Natura per la diffusione presso i giovani dell’ambientalismo scientifico, Se Butti male finisce in Mare con COREPLA per la riduzione dell’impatto dei rifiuti plastici, Riciclo dei pneumatici con ECOPNEUS, Energicamente, il progetto della multiutility Estra – tra i primi 10 gruppi energetici nel Paese, con il 100% di energia elettrica prodotta da rinnovabili – e Legambiente sull’energia rinnovabile, o i prossimi programmi MATTM sui parchi nazionali, che saranno coordinati tutti da Legambiente”, dichiara Laura Bellotto, maestra e coordinatrice degli Educatori Ambientali di Legambiente Terracina.

https://www.agoraregionelazio.com/terracina-legambiente-pisco-montano-nel-pool-di-educatori-ambientali-certificati/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2569/legambiente-nasce-un-gruppo-di-educatori-ambientali-certificati-

http://www.anxurtime.it/legambiente-fa-scuola-nuova-iniziativa-col-miur/

educatori ambientali

SUCCESSO DI PARTECIPAZIONE PER LA QUARTA EDIZIONE A TERRACINA DI “PULIAMO IL MONDO”, ORGANIZZATO DAL Circolo Legambiente di Terracina AL PARCO DEL MONTUNO NELLE GIORNATE DEL 28, 29, 30 SETTEMBRE. MOLTE LE ATTIVITA’ SVOLTE DALLA SCUOLA SOSTENIBILE LEGAMBIENTE IC MILANI, DAI GRUPPI SCOUT AGESCI E MASCI DI TERRACINA E DALLA COMUNITA’ INDIANA DEL LAZIO E DAI VOLONTARI E TECNICI DI ACQUALATINA. CONSEGNATE LE TARGHE DI RINGRAZIAMENTO DA PARTE DEL CIRCOLO A TUTTI I PARTECIPANTI A TESTIMONIANZA DEI PATTI CIVICI TRA LE ASSOCIAZIONI PER LA TUTELA, SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DEL PARCO, PATTO CIVICO CHE IL CIRCOLO VUOLE ESTENDERE A TUTTI I FUTURI UTILIZZATORI DEL PARCO. ANNUNCIATA LA PROSSIMA USCITA NAZIONALE DEI DATI DI PIM LITTER 2018 SUL MONITORAGGIO E LA CATEGORIZZAZIONE DEI RIFIUTI AL PARCO CON LA CLASSIFICA NAZIONALE E L’’INIZIATIVA DI RACCOLTA FONDI ON-LINE PER LA COSTRUZIONE DEL CEA LEGAMBIENTE “LA COLLINETTA” SULLA PIATTAFORMA DI CROWDFUNDING NAZIONALE BUONACAUSA.ORG.

Comunicato stampa n.112                                                   2. 10.2018

La quarta edizione a Terracina della campagna internazionale Clean Up the World- Puliamo il Mondo – il più grande evento mondiale di volontariato ambientale-  si è svolto presso il Parco del Montuno, nei giorni 28,29,30 settembre scorso. Nel 2017, 4 mila aree del Paese sono state pulite da 600 mila volontari. Quest’anno “Puliamo il mondo dai pregiudizi” ha visto la partecipazione di 33 associazioni cattoliche e laiche, i gruppi scout, le associazioni che si occupano di migranti, comunità straniere, richiedenti asilo politico, ma anche di detenuti, disabilità, salute mentale, discriminazione basata sull’orientamento sessuale. Terracina, con il suo Puliamo il Mondo, ha centrato in modo davvero speciale il tema della campagna nazionale.

Il primo giorno, le classi della Scuola dell’Infanzia e Primaria e Secondaria dell’IC Milani di Terracina, Scuola Sostenibile di Terracina, accompagnate dalle Maestre Catia Mosa, Gilberta Coniguardi e dalla Prof.ssa Cristiana Colletti, hanno reso festoso il Parco e si è quindi lanciato, per l’anno scolastico 2018-2019, il programma didattico “La Scuola nel Parco il Parco nella Scuola” con ecoanimazioni e lezioni in natura per il riconoscimento delle specie arboree, con il rito dell’abbraccio all’albero, già sperimentato nella scorsa edizione della Festa dell’Albero e con piantumazioni e semine nella Aiuola all’ingresso. Sono state poi condotte, a cura degli educatori ambientali del Circolo, delle lezioni in natura sul ruolo degli alberi nella mitigazione del rischio climatico e sul sistema ad impatto zero delle piante e degli alberi. E’ stata poi consegnata una Targa di Ringraziamento per la partecipazione a Puliamo il Mondo, da parte del Circolo e di Legambiente tutta, un ringraziamento che nel caso della scuola deve essere esteso anche all’impegno profuso negli ultimi due anni per il sostegno al Circolo nella sua azione civica per la riapertura del Parco.

Acqualatina SpA ha aderito in modo ufficiale alla campagna di Legambiente, sottoscrivendo il Kit del Volontario, e con suoi volontari e tecnici ha partecipato direttamente alle attività, con particolare riferimento alla verifica, analisi e ripristino del sistema idrico del Parco. E’ stata poi consegnata, nelle mani dell’Ing. Giorgio Stagnaro, Direttore Operativo di Acqualatina SpA, e alla presenza del funzionario tecnico di Acqualatina Antonio Raponi, la Targa di Ringraziamento da parte del Circolo e di Legambiente per l’adesione a Puliamo il Mondo annunciando anche la firma di un prossimo protocollo di intesa tra Acqualatina SpA e il Circolo per il supporto alla costituzione del Centro di Educazione Ambientale presso il Parco e alla definizione dei percorsi di uso consapevole, risparmio e riuso della preziosa risorsa idrica.

Il secondo giorno i Gruppi Scout AGESCI Terracina 1,3 e MASCI sono arrivati al Parco accompagnati anche dai genitori, oltre che dai capi Scout Lilly Capasso e Roberto Di Sauro, e hanno contribuito insieme ai volontari del Circolo alla ricostruzione di una intera piazzetta di mattoncini rossi, quasi completamente vandalizzata, con l’intento di recuperare un angolo molto bello e silenzioso del Parco, immerso in un bosco di robinie e di acacie, come atto di testimonianza per il contrasto del vandalismo che purtroppo affligge il Parco.  I lupetti hanno poi piantumato nuove piantine di margherite e ciclamini nelle aiuole all’ingresso. Si è poi presentata in conferenza stampa la campagna PIM Litter 2018, a cui il Circolo ha partecipato, per il monitoraggio dei rifiuti e che ha visto circa 100 parchi urbani di media grandezza in tutta italia. I dati finali e la classifica verrà presto pubblicata sulla stampa nazionale. E’ stata presentata poi l’azione del Circolo di raccolta fondi dal basso per la costruzione del Centro di Educazione Ambientale Legambiente “La Collinetta” sulla piattaforma di crowdfunding BUONA CAUSA.ORG https://buonacausa.org/cause/costruzione-del-cea-legambiente-la-collinetta   – sulla quale sarà facile donare anche piccoli importi in modo da poter acquistare i materiali di base per costruire finalmente una casetta ecologica, acquistare arredi e giochi eco-sostenibili e attivare da subito i percorsi ecologici nel Parco (acqua, suolo, aria, energia, rifiuti), già definiti nel progetto del CEA, a beneficio delle Istituzioni, dei cittadini e residenti del Quartiere, delle Comunità ed Etnie diverse, delle Scuole, degli Scout, e di tutte le Associazioni che vorranno poi fruirne. Il Circolo ha poi donato, a nome di Legambiente tutta, una Targa di ringraziamento ai Gruppi Scout per la loro adesione attiva a Puliamo il Mondo ribadendo un patto civico di cura, tutela, difesa del Parco, un vero gioiello cittadino, da tutti gli attacchi di vandalizzazione, di sfruttamento improprio o di cattivo uso. All’arrivo del Sindaco Nicola Procaccini per i saluti è stata poi scoperta la targa di dedicazione alla Piazzetta a R. Baden Powell, riprendendo una tradizione che voleva il Parco dedicato allo Scoutismo già nel 2007, poco prima della sua chiusura e abbandono.

Durante l’ultima giornata, una rappresentanza della Comunità Indiana del Lazio, guidata dal Presidente Gurmukh Singh, con la sua abilita’ e forza di volonta’ ha contribuito a far riemergere un reperto archeologico, ovvero un muro ad angolo in opus reticulata, presumibilmente la parte posteriore di uno dei circa 70 magazzini esistenti all’epoca traianea, quando il Porto, ampliato, era un porto strategico per i commerci. Il Circolo completerà, in collaborazione con la ditta di manutenzione del verde Verdeidea srl, la pulizia dei rampicanti in modo da far riemergere completamente il reperto e poterlo tutelare e valorizzare al meglio. Si è poi svolta una visita guidata a cura del Circolo e tradotta dall’italiano in lingua punjabi, per far conoscere le preziosità storiche, archeologiche, naturalistiche del Parco alla Comunità. I Bhangra Loverz, si sono presentati coloratissimi al Parco per omaggiare il Circolo e il Parco con la musica e danza Bhangra e successivamente è stata consegnata una Targa di Ringraziamento al Presidente della Comunità Indiana del Lazio Gurmukh Singh che ha concluso la sessione di lavoro condivisa portando i saluti della Comunità e annunciando i progetti di integrazione tra il Circolo e la Comunità orientati soprattutto alla cura congiunta degli spazi comuni. Il Circolo infatti si impegna per il supporto alle pulizie e alla raccolta e differenziazione dei rifiuti durante le domeniche e le feste più importanti al Gurdwara Singh Sabha di Borgo Hermada (come già fatto per il recente Nagar Kirtan del 16 settembre scorso) e la Comunita’ si impegna per il supporto del Circolo presso il Parco appena riaperto.

“Come affermato recentemente dal nostro Presidente nazionale Stefano Ciafani, per Legambiente è cittadino di un luogo chi lo ama e se ne prende cura, a prescindere dal paese di provenienza e dalla nazionalità– afferma Anna Giannetti, Presidente del Circolo locale- “Questo vuole dire che per noi del Circolo, azioni di cittadinanza attiva, per promuovere la vivibilità e la bellezza dei luoghi ma anche piccoli gesti per la tutela e la valorizzazione dei beni comuni, sono sempre un’occasione di integrazione e di vicinanza, sia con la comunità scolastica, con la comunità degli Scout che con la comunità indiana, sia con le ditte gestori, sempre paritetiche e basate su un patto civico di collaborazione. Le Comunità e le ditte infatti, con la partecipazione a Puliamo il Mondo, hanno suggellato un patto con Legambiente, testimoniato dalla consegna della Targa di Ringraziamento, per la tutela, sviluppo e valorizzazione del Parco in una ottica di scambio e azioni congiunte. Vogliamo proporre questo patto civico a tutte le associazioni, gli enti e le aziende che vorranno in futuro utilizzare il Parco, partendo dalla riconoscenza del contributo fornito da Legambiente non solo per la riapertura ma anche per lavoro costante per il buon mantenimento, vigilanza, sviluppo turistico del Parco. Abbiamo poi lanciato una iniziativa di raccolta fondi dal basso proprio per evidenziare tutte le necessità correnti e dare ad ognuno la possibilità di contribuire secondo le proprie possibilità“.

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

http://www.perteonline.it/attualita/terracina-puliamo-il-mondo-al-parco-del-montuno-2/

https://www.latinaoggi.eu/news/attualita/66733/terracina-successo-per-la-campagna-puliamo-il-mondo-di-legambiente

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-quarta-edizione-di-puliamo-il-mondoun-successo/

https://www.news-24.it/puliamo-il-mondo-successo-a-terracina-per-liniziativa-di-legambiente-con-ladesione-di-acqualatina-a-breve-la-firma-di-un-protocollo-per-leducazione-ambientale/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1971/successo-di-partecipazione-per-la-iv-edizione-di-puliamo-il-mondo-organizzato-da-legambiente-al-parco-del-montuno

http://www.anxurtime.it/puliamo-il-mondo-la-sfida/

http://www.latinatoday.it/green/puliamo-il-mondo-2018-terracina-legambiente.html

https://www.ilfaroonline.it/2018/10/05/terracina-grande-successo-la-4a-edizione-puliamo-mondo/240828/

https://www.facebook.com/laziotv.tv/videos/297588067739028/

https://www.facebook.com/laziotv.tv/videos/530621927399767/

Latina Oggi 7 ottobre 2018

43672084_2013046655400857_6266369903477915648_n

il Circolo Legambiente di Terracina ADERISCE ALLA XXVI EDIZIONE DI PULIAMO IL MONDO CON UN EVENTO Di tre giorni DAL 28 al 30 SETTEMBRE, PATROCINATO DAL COMUNE DI TERRACINA, PRESSO IL PARCO DEL MONTUNO, CHE VEDE COME PROTAGONISTI LA SCUOLA SOSTENIBILE LEGAMBIENTE IC MILANI, I GRUPPI AGESCI SCOUT DI TERRACINA E LA COMUNITA’ INDIANA DEL LAZIO, IN ONORE DELLA RECENTE RIAPERTURA DEL PARCO DOPO UN DECENNIO DI CHIUSURA E ABBANDONO E DUE ANNI DI IMPEGNO DEL CIRCOLO. SABATO MATTINA CI SARA’ UNA CONFERENZA STAMPA PER LA PRESENTAZIONE DELLA CAMPAGNA PIM LITTER 2018 SULLA CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI DEL PARCO E DELl’INIZIATIVA DI RACCOLTA FONDI ON-LINE PER LA COSTRUZIONE DEL CEA LEGAMBIENTE “LA COLLINETTA” SULLA PIATTAFORMA DI CROWDFUNDING NAZIONALE BUONACAUSA.ORG.

Comunicato stampa n.111                                             24. 9.2018

La quarta edizione a Terracina della campagna internazionale Clean Up the World- Puliamo il Mondo – il più grande evento mondiale di volontariato ambientale-  si svolgerà presso il Parco del Montuno, parco riaperto il 25 aprile scorso, dopo due anni di impegno del Circolo per la sua riapertura, e già sede di una serie di attività ed eventi del Circolo e prossima sede del Centro di Educazione Ambientale Legambiente “La Collinetta”. L’edizione di Puliamo il Mondo 2016 aveva infatti già visto il Circolo, con la sua grande azione di pulizia e ripristino presso il Parco del Montuno, diventare testimonial nazionale.

L’evento, patrocinato dal Ministero dell’Ambiente, dal Ministero dell’Istruzione, dalla Unione Europea, dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), dall’Unione Province Italiane (UPI), da Federparchi, da UNEP- Programma Ambiente delle Nazioni Unite, che quest’anno è arrivata alla 26esima edizione, è dedicato al tema dell’abbattimento delle barriere e dei pregiudizi e si svolgerà a Terracina dal 28 al 30 settembre presso il Parco del Montuno, mirato alla creazione di uno spirito integrato e coeso di comunita’ solidali per la cura, la corretta fruizione e la valorizzazione del Parco, con il supporto della Amministrazione Comunale e le Ditte Gestori per il Verde Verdeidea srl e i Rifiuti De Vizia Transfer SpA Urbaser SA, la Scuola Sostenibile Legambiente IC Milani, già protagonista di importanti iniziative di supporto al Circolo per la riapertura del Parco e coautrice con il Circolo di una innovativa offerta didattica “La Scuola nel Parco, Il Parco nella Scuola”, finanziata in parte anche dal MIUR, i Gruppi Scout AGESCI E MASCI che si dedicheranno al recupero delle passate tradizioni del Parco, come quello della intitolazione del Parco allo Scoutismo e si impegneranno per la cura e la tutela e la valorizzazione del Parco e alla prevenzione del vandalismo, la Comunità Indiana del Lazio, che si occuperà della pulizia di alcune preziose aree archeologiche e supporterà il Circolo nella corretta tutela, fruizione e valorizzazione del Parco. L’evento vede la preziosa collaborazione del Gestore ATO4 Acqualatina SpA,  con il quale è in corso di definizione un protocollo di intesa, e che sarà presente con i propri volontari al Parco, di Confcommercio Lazio Sud e Confcommercio ASCOM Terracina, già da mesi impegnati ed attivi nella riapertura del Parco alla pubblica fruizione in supporto del Circolo, riconoscendo il valore fondamentale del Parco per il tessuto economico e sociale della città e la sua centralità per le politiche di sviluppo turistico, del Sindacato Italiano Balneari con la rete Plastic Free Beaches Terracina e il progetto Fishing for Litter Terracina, soprattutto per quanto riguarda le buone pratiche ecologiche di raccolta, recupero, riuso e rigenerazione delle plastiche e per la sostituzione con bioplastiche, del Comitato nazionale APPIA DAY per la valorizzazione ecoarcheologica del Parco, inserito nel disegno del Porto romano antico e del Taglio Traianeo di Pisco Montano, e la sua piena integrazione nel Cammino della Via Appia, del Parco Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, con il quale il Circolo ha sottoscritto un protocollo di intesa, come Ente aderente autonomo a Puliamo il Mondo anche con un importante evento di pulizia e sistemazione in programma con il Circolo il prossimo sabato 27 ottobre presso il SIC Monte S. Angelo e il Sentiero del Tempio appena riaperto.

L’evento si svolgerà come segue:

  • Venerdì 28 mattina alle 10 i volontari del Circolo accoglieranno gli alunni di alcune classi della Scuola dell’Infanzia e Primaria e Secondaria di I grado della Scuola Sostenibile Legambiente IC Milani di Terracina, partner dell’iniziativa, i quali saranno impegnati in piccole pulizie e sistemazioni e in alcune sessioni educative e nella esecuzione del progetto di Censimento degli Alberi del Parco, nel quadro di riferimento di un progetto del Ministero dell’Ambiente, i cui risultati verranno presentati durante la prossima campagna Festa dell’Albero a Novembre. Sara’ attuato il programma “La Scuola nel Parco, il Parco nella Scuola” che si svolgerà lungo tutto l’anno scolastico e che rappresenta una innovativa offerta formativa di “outdoor education”. L’offerta formativa riguarda sia il Parco cittadino del Montuno che il Parco regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, con il quale il Circolo ha recentemente firmato un importante protocollo di intesa, come luoghi primari di educazione e apprendimento. Saranno presenti anche volontari di Acqualatina SpA, che ha aderito all’evento Puliamo il Mondo, con attività di educazione al rispetto e al risparmio e riuso della preziosa risorsa idrica.
  • Sabato 29 mattina alle 10 verranno invece accolti i gruppi Scout di Terracina AGESCI Terracina 1,3 e MASCI, partner dell’iniziativa, i quali saranno impegnati nelle pulizie del Parco, la predisposizione di aiuole e nel ripristino di una area del Parco oggetto spesso di atti vandalici, a testimonianza della volontà di presidiare e difendere il Parco. Successivamente si terrà, a cura del Vice Presidente e Responsabile Scientifico del Circolo, Ing. Gabriele Subiaco, una Conferenza Stampa per la presentazione della campagna PIM Litter 2018, relativa alla raccolta e categorizzazione dei rifiuti nel Parco del Montuno e sarà presentata una proposta per contrastare l’abbandono illecito dei rifiuti nel Parco e successivamente verrà presentata una azione del Circolo di raccolta fondi dal basso – crowdfunding – per la costruzione del CEA Legambiente “La Collinetta”, https://buonacausa.org/cause/costruzione-del-cea-legambiente-la-collinetta , un centro di pratiche e azioni di educazione ambientale, utilizzando modalità didattiche innovative, includendo tutte le disabilita’ e le diversita’, dotato anche di volontari e insegnanti iscritti al Registro Nazionale degli Educatori Ambientali, e di azioni di promozione, culturale e sociale, per lo sviluppo locale, con visite guidate ed escursioni, nell’ottica del turismo sostenibile. A fine mattinata verrà apposta una targa in ricordo del Padre Fondatore dello Scoutismo “R. Baden Powell”, a cui il Parco del Montuno è stato dedicato anni fa, con i Saluti e le conclusioni del Sindaco Nicola Procaccini.
  • Domenica 30 mattina alle 10 verrà accolta dai volontari del Circolo una rappresentanza della Comunità Indiana del Lazio, che si occuperà della pulizia di alcune preziose aree archeologiche. Il Circolo poi organizzerà una breve visita guidata, tradotta dall’italiano in lingua punjabi, per far conoscere le preziosità storiche, archeologiche, naturalistiche del Parco alla Comunità. I Bhangra Loverz si presenteranno coloratissimi al Parco per omaggiare il Circolo e il Parco con la musica e danza Bhangra e il Presidente della Comunità Indiana del Lazio Gurmukh Singh concluderà la sessione di lavoro condivisa portando i saluti della Comunità e annunciando i progetti di integrazione tra il Circolo e la Comunità orientati soprattutto alla cura congiunta degli spazi comuni. Il Circolo infatti si impegnerà per il supporto alle pulizie e alla raccolta e differenziazione dei rifiuti durante le domeniche e le feste più importanti al Gurdwara Singh Sabha di Borgo Hermada (come già fatto per il recente Nagar Kirtan del 16 settembre scorso) e la Comunita’ si impegna per il supporto del Circolo presso il Parco appena riaperto.

LOCANDINA FINALE PULIAMO IL MONDO 2018 ULTIMA CORRETTA (FILEminimizer)

“Sono migliaia i Comuni, le Aziende, Le Associazioni e gli Enti Parco aderenti individualmente all’evento nazionale che stanno mobilitando anche i loro dipendenti come volontari per le giornatedichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo- e ringraziamo in modo particolare il Gestore Idrico ATO4 Acqualatina SpA, con cui stiamo sottoscrivendo un protocollo di intesa, l’Ente Parco Regionale dei Monti Ausoni e del Lago di Fondi, con cui abbiamo già sottoscritto un protocollo di intesa, che hanno aderito autonomamente all’evento nazionale sottoscrivendo l’acquisto del Kit del Volontario Legambiente, e parteciperanno attivamente con i propri volontari e con il Circolo, riconoscendo l’alto merito dell’iniziativa, sia alla pulizia del Parco del Montuno che alla pulizia del Sentiero del Tempio, riaperto dal Circolo in collaborazione con il Parco, in una prossima giornata ecologica “Puliamo il Mondo 2018 “ dedicata, sabato 27 ottobre prossimo. Siamo poi molto contenti di poter festeggiare il primo Puliamo il Mondo dopo la riapertura del Parco e dopo la firma della Convenzione del Circolo con il Comune di Terracina per la valorizzazione del Parco, e vogliamo costruire da subito una squadra stabile e coesa, con i nostri volontari, insieme alla Amministrazione comunale, alle Ditte Gestori Verde Idea SRL e DE VIZIA TRANSFER SPA URBASER SA, all’Ente Parco Regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi, alla Scuola Sostenibile Legambiente IC Milani, ai gruppi AGESCI SCOUT di Terracina, alla Comunità Indiana del Lazio, alla Confcommercio e tutte le sue articolazioni territoriali, alla Rete Plastic Free Beaches Terracina con il Sindacato Balneari e al Progetto Fishing for Litter Terracina con le Cooperative dei Pescatori, ad ACQUALATINA SpA e ci auguriamo insieme ai tanti altri volontari, attivisti, cittadini, turisti che hanno a cuore il Parco e ne apprezzano il fatto di vederlo riaperto e fruibile dopo anni di abbandono e vogliono cooperare con noi per renderlo sempre più vitale e pulsante. A tale proposito abbiamo avviato una raccolta fondi on-line per la costruzione del Centro di Educazione Ambientale Legambiente “La Collinetta” sulla piattaforma di crowdfunding BUONA CAUSA.ORG https://buonacausa.org/cause/costruzione-del-cea-legambiente-la-collinetta  – sulla quale sarà facile donare anche piccoli importi in modo da poter acquistare i materiali di base per costruirci finalmente una casetta ecologica, acquistare arredi e giochi eco-sostenibili e attivare da subito i percorsi ecologici nel Parco (acqua, suolo, aria, energia, rifiuti), già definiti nel progetto del CEA, a beneficio delle Istituzioni, dei cittadini e residenti del Quartiere, delle Comunità ed Etnie diverse, delle Scuole, degli Scout, e di tutte le Associazioni che vorranno poi fruirne. Voglio ringraziare qui l’Amministrazione che ha finalmente riaperto il Parco e si occupa della gestione ma anche uno per uno, a nome del Circolo ma anche a nome di Legambiente regionale e nazionale, i 18 soci volontari, che, insieme a me, dopo aver ripulito il parco nel 2016 e predisposto progetti di recupero, sviluppo e valorizzazione, non hanno mai mollato durante le fasi alterne, che non sono state facili, mostrando una grande resistenza fisica e psicologica, e i quali hanno reso questo miracolo cittadino possibile: Giulio Basile, Gilberta Coniguardi, Annarita De Gregori, Rita di Rita, Felice Enrico Di Spigno, Marco Finucci, Michele Forte, Virginia Gasbarrone, Andrea Longo, Catia M. Mosa, Luigi Nardoni, Riccardo Riccardi, Daniela Sanguigni, Regina Scattola, Andrea Sicignano, Gabriele Subiaco, Piergiorgio Trillo’, a loro va espressa tutta la gratitudine della Città e a loro è dedicato il libro-pamphlet civico che sto scrivendo su “Il Parco pubblico del Montuno a Terracina: Storia e Cronaca di un povero parco pubblico urbano italiano” che racconterà la storia degli ultimi anni del Parco fino alla sua agognata riapertura”.

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

 

http://www.h24notizie.com/2018/09/legambiente-terracina-aderisce-alla-xxvi-edizione-di-puliamo-il-mondo/

http://www.gazzettinodelgolfo.it/puliamo-il-mondo-appuntamento-al-parco-del-montuno/

https://www.lanuovaecologia.it/puliamo-il-mondo-a-terracina/

http://www.anxurtime.it/torna-puliamo-il-mondo/

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-legambiente-pisco-montano-aderisce-alla-xxvi-edizione-di-puliamo-il-mo

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1956/il-circolo-legambiente-aderisce-alla-xxvi-edizione-di-puliamo-il-mondo-con-un-evento-di-tre-giorni-dal-28-al-30-settembre

http://www.latinatoday.it/green/puliamo-mondo-legambiente-terracina-28-30-settembre-2018.html

http://www.ilfaroonline.it/2018/09/26/terracina-pisco-montano-aderisce-alla-26esima-edizione-puliamo-mondo/239553/

http://www.perteonline.it/attualita/terracina-puliamo-il-mondo-al-parco-del-montuno/

LATINA OGGI del 29.9.2018

IMG puliamo il mondo

LatinaOggi del 2.10.2018

43003401_569841193434529_8682297571642703872_n

LEGAMBIENTE AL PARCO DEL MONTUNO, RESTITUITO ALLA CITTA’ DOPO UN DECENNIO DI CHIUSURA E ABBANDONO. DOPO UNA VICENDA DURATA QUASI DUE ANNI, LEGAMBIENTE TERRACINA FIRMA NEI GIORNI SCORSI UNA IMPORTANTE CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TERRACINA, PIU’ SFIDANTE DI QUELLE IN ESSERE PER GLI ALTRI PARCHI CITTADINI E A TITOLO COMPLETAMENTE GRATUITO, PER LA VALORIZZAZIONE ECOARCHEOLOGICA DEL PARCO, L’EDUCAZIONE AMBIENTALE, L’AGGIORNAMENTO DEL CATALOGO DELLE SPECIE ARBOREE, LO SVILUPPO DEL TURISMO ACCESSIBILE E SOSTENIBILE DEL PARCO, LA PROGETTAZIONE TECNICA E FINANZIATA A FAVORE DEL PARCO. LEGAMBIENTE AVRA’ PRESSO IL PARCO LA SEDE DEL CIRCOLO, DEL RAGGRUPPAMENTO GUARDIE AMBIENTALI E ZOOFILE VOLONTARIE LEGAMBIENTE E DEL CENTRO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE (CEA) “LA COLLINETTA”.

Comunicato stampa n.97                                         20 giugno 2018

La vicenda riguarda un bellissimo Parco cittadino – il Parco del Montuno-  di tre ettari, panoramico e al centro della citta’, un vero e proprio scrigno verde di bellezza e biodiversita’, inserito perfettamente nella costruzione dell’Antico Porto Traianeo, facilmente accessibile, con una grande valenza naturalistica ed archeologica, ma anche oggetto nel passato di aggressioni all’ambiente, di incendi e vandalizzazioni e di tentativi di privatizzazione e purtroppo oggetto anche di vicende giudiziarie non particolarmente lusinghiere per la passata amministrazione, chiuso e di fatto abbandonato per dieci lunghi anni. La vicenda è durata quasi due anni, lunghi e complessi, fatti di campagne, azioni civiche, istanze, atti ufficiali, delibere, richieste, osservazioni, controversie, progetti, eventi, tutto a partire dalla fatidica data del 25 settembre 2016, in occasione della campagna nazionale “Puliamo il Mondo 2016” durante la quale il Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” diventa, proprio per il grande significato della azione civica, un testimonial d’eccezione a livello nazionale e viene portato ad esempio per tutti gli altri circoli, mentre sviluppa con il proprio Laboratorio di Rigenerazione Urbana Sostenibile un progetto di rigenerazione urbana tra i più avanzati, anticipando la legge regionale che verrà poi approvata, e un progetto di valorizzazione eco-archeologica, che suscita anche l’interesse della RAI TV che invia una troupe a Terracina, progetto che verrà poi candidato anche ad un premio nazionale di Legambiente.

Foto testimonial Puliamo il Mondo 2016

Il Circolo Legambiente Terracina Pisco Montano testimonial nazionale di Puliamo il Mondo 2016

Con la firma della Convenzione, a seguito della recente riapertura del 25 aprile 2018, altra data fatidica, l’Amministrazione Comunale ha di fatto voluto riconoscere a Legambiente tutta (locale, regionale, nazionale) di essersi impegnata a fondo nella riapertura, pulizia, ripristino e valorizzazione del Parco, con progetti di rigenerazione urbana e di valorizzazione ambientali e culturali. Il Circolo ha infatti, nonostante la sua chiusura al pubblico, riaperto molte volte il Parco dal 2016, ripulendolo e abbellendolo anche con nuove piantumazioni, in occasione delle campagne nazionali di Legambiente “Puliamo il Mondo 2016 e 2017”, “Festa dell’Albero 2016 e 2017”, e con eventi di grande rilievo artistico e culturale come in occasione degli itinerari dedicati a J.W. Goethe o alla Via Appia traianea, tutti progettati dal Circolo e presentati in Convegni nazionali e internazionali. Viene poi riconosciuta a Legambiente, anche proprio grazie alla sua partecipazione attiva alla definizione, progettazione, divulgazione e alla diffusione turistica dei cammini culturali e storici come il #cammino della Via Appia a Terracina e il #cammino di Goethe a Terracina, e con la riapertura anche di Ville private storiche come Villa Salvini, la capacità e la professionalità per effettuare una valorizzazione storico-archeologica del Parco, anche in collegamento con altre aree archeologiche limitrofe, (Area Archeologica Stella Polare – Porto Traianeo, Area del Molo Gregoriano – Porto Traianeo, Taglio Traianeo del Pisco Montano, Appia Antica a Villa Salvini), utilizzando a tal fine il Parco come centro di diffusione e divulgazione cittadina della cultura archeologica.

Con la Convenzione si da’ poi facoltà a Legambiente di costruire, a proprie spese e compatibilmente con tutti i vincoli previsti, la sede del Circolo e quella del proprio Raggruppamento di Guardie Ambientali e Zoofile volontarie e di fondare il Centro di Educazione Ambientale (CEA) Legambiente denominato “La Collinetta”, in onore del nome con cui il Parco è conosciuto dai Terracinesi. Il CEA Legambiente “La Collinetta” funzionerà anche come infopoint per la città per tutte le iniziative più importanti nell’ambito della sostenibilità, e si impegnerà su azioni di educazione ambientale, utilizzando modalità didattiche innovative, includendo tutte le disabilita’ e le diversita’, dotandosi anche di volontari e insegnanti iscritti al Registro Nazionale degli Educatori Ambientali, e su azioni di promozione, culturale e sociale, per lo sviluppo locale, per l’integrazione multiculturale, con visite guidate ed escursioni, nell’ottica di un vero turismo sostenibile, e su azioni di formazione per adulti, giovani, ragazzi e bambini sulle tematiche dell’ambiente e della cultura del territorio, prossimamente ospitando anche i giovani del Servizio Civile Nazionale grazie ad un progetto presentato dal Comune di Terracina e recentemente finanziato,  e garantirà la partecipazione ai tavoli di co‐progettazione con gli Enti Locali (Regione, Comune, Parchi regionali, Aree Protette), le Scuole, i Centri per il Volontariato, le Associazioni di Categoria come Confcommercio e gli altri attori del territorio, come la neo costituita Rete Territoriale Plastic Free Beaches Terracina anche per avviare un circolo virtuoso di sviluppo autofinanziato del Parco.

Inoltre Legambiente si impegna a portare presso il Parco campi di volontariato nazionale e internazionale, al fine di far conoscere l’area anche all’estero e favorire forme di scambio culturale fra i giovani, e a inserire Terracina nella rete nazionale di Festambiente, la rete nazionale degli eco-festival di Legambiente, progettando ed eseguendo anche eventi autofinanziati nel Parco, tutti ispirati alla armonia tra città, mare, natura e cultura.

Il Circolo, grazie anche alla Convenzione firmata con l’IC Milani a marzo 2017, divenuta la prima Scuola Sostenibile Legambiente della città, e ai rapporti ormai consolidati con tutte le Scuole della città, effettuerà azioni di divulgazione ambientale rivolte alle scuole di ogni ordine e grado nonché a tutti i cittadini e ai turisti con particolare focus sull’importanza delle aree verdi e dei boschi in città. Con la Scuola Sostenibile Legambiente IC Milani, il Circolo è anche impegnato nella esecuzione del programma didattico, “La Scuola nel Parco, il Parco nella Scuola”, finanziato in parte dal MIUR, per una innovativa offerta formativa di “outdoor education”, che stimola l’attività di osservazione e partecipazione “in natura”. L’offerta formativa riguarda sia il Parco cittadino del Montuno che il Parco regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi, con il quale il Circolo ha recentemente firmato un importante protocollo di intesa, come luoghi primari di educazione e apprendimento.

FOTO DELEGAZIONE FIRMA (FILEminimizer)

La Delegazione del Circolo Legambiente Terracina Pisco Montano alla firma della Convenzione in Comune.

“Ringraziamo soprattutto tutti i nostri Soci Volontari, i Residenti e i Commercianti di zona che ci hanno sempre sostenuto e confortato nei momenti difficili e hanno creduto con noi nel sogno della riapertura, il Presidente Legambiente Lazio Roberto Scacchi, il Responsabile del Centro di Azione Giuridica (CEAG) Legambiente Lazio Diego Aravini, l’ex-Consigliere della Regione Lazio Cristiana Avenali, autrice di una importante legge regionale sul Verde Urbano, il Comune di Terracina e tutti gli Uffici preposti, per aver contemperato le esigenze e messo a fuoco tutti i problemi giungendo ad uno schema di convenzione quadriennale soddisfacente, e che valorizza in premessa quanto da noi fatto in questi due anni” – afferma Anna Giannetti, Presidente del Circolo– e ringraziamo anche la Dirigente Scolastica Giuseppina De Cretico della Scuola Sostenibile Legambiente IC Milani e il Coordinatore della Rete Plastic Free beaches Terracina e Presidente SIB Balneari Confcommercio Felice Enrico Di Spigno per il supporto convinto dato al Circolo durante tutte le fasi, credendo sempre fin dall’inizio nella azione meritoria di Legambiente finalizzata alla immediata riapertura del Parco ai bambini, alle scuole, ai cittadini e ai turisti e nella validita’ del progetto di valorizzazione eco-archeologica. Non possiamo però dimenticare purtroppo, con qualche amarezza, che sono stati due anni di isolamento, ritardi, mancanza di dialogo, divergenze e incomprensioni su molti punti essenziali, a partire dal diverso (e sicuramente più vincolante) trattamento riservato a Legambiente rispetto a gestioni analoghe di parchi presenti in città, alla esagerata quantificazione, da noi subito contestata, dei lavori da effettuare al Parco per la messa in sicurezza (su cui poi l’Amministrazione ci ha dovuto dare ragione!), per non parlare di una diversa visione dei beni comuni e della loro cura attraverso patti di collaborazione con la cittadinanza attiva, senza nessuna tentazione privatistica, oppure della divergenza sulla visione “mercantilistica” degli spazi verdi, con il corredo di bar, ristori e animazioni di vario tipo, che, seppur comprensibili per il desiderio di non gravare solo sulle magre casse comunali, non possono essere al centro delle politiche cittadine del verde urbano. Verde urbano che, giova sempre ricordare a chi ha responsabilità di governo della città, dovrebbe essere assolutamente al centro delle politiche ambientali e di sviluppo della città perché rappresenta una vera maglia nera per Terracina che abbassa – e di molto – la qualità della vita nella nostra città e la rende meno appetibile ai cittadini che voglio trasferirsi e ai turisti, ma anche e soprattutto alle donne, agli anziani e ai bambini che sono privati quotidianamente di spazi di benessere, divertimento, relax e gioco, visto che i nostri dati relativi all’Ecosistema urbano cittadino Legambiente 2017 ci presentano un indicatore relativo al Verde Urbano Fruibile pari a soli 3,4 metro quadro/abitante, di molto inferiore sia alla media delle Piccole Città (14,9 metro quadro/abitante) che a quanto stabilito dall’ Art. 17 della legge 765 che individua in almeno in 9 metri quadri/abitante gli spazi pubblici attrezzati a parco e per il gioco e lo sport. Indicatore sul quale l’apertura del Montuno-  anche se sicuramente lodevole – incide purtroppo solo marginalmente.

Foto CIRCOLO (FILEminimizer)

Anna Giannetti, Presidente e Gabriele Subiaco, Vice Presidente  del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”

“E’ vero, ci vorranno dei soldi per manutenere e gestire il Parco, ma occorre ricordare a questo proposito che l’Amministrazione già sosteneva in gran parte i costi della manutenzione del verde, della gestione dei rifiuti e delle utenze di luce ed acqua, pur continuando ad essere il Parco chiuso. E questa era sicuramente una anomalia. E comunque saranno soldi ben spesi a vantaggio dell’intera comunità”, – afferma Gabriele Subiaco, Vice Presidente del Circolo, Coordinatore del Progetto di Rigenerazione Urbana e di Valorizzazione e motore infaticabile dei lavori al Parco dal 2016- “Noi faremo la nostra parte come abbiamo dimostrato di saper fare per tutelarlo, promuoverlo e valorizzarlo, ma vigileremo con altrettanta attenzione sulla sua gestione e sulla regolamentazione della sua fruizione, e lo faremo mettendo in campo tutte le conoscenze, tutti gli strumenti, e la forza e la determinazione che abbiamo dimostrato di poter esprimere in questi due anni, perché questo Parco non venga snaturato e conservi la sua vocazione, le sue caratteristiche e le sue peculiarità e siano tutelati gli interessi di tutti i cittadini nel rispetto della normativa e dei vincoli esistenti sull’area.”

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1749/legambiente-al-parco-del-montuno-restituito-alla-citta-dopo-un-decennio-di-chiusura-e-abbandono

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-il-parco-del-montuno-gestione-gratuita-a-legambiente/

http://terracinablog.altervista.org/legambiente-terracina-un-grande-risultato-finalmente-il-parco-della-collinetta-torna-alla-citta/

http://www.canaleenergia.com/comunicati-stampa/il-parco-del-montuno-restituito-alla-collettivita-dopo-un-decennio-di-chiusura-e-abbandono/

http://www.parcoausoni.it/legambiente-al-parco-del-montuno-terracina/

https://www.ilmessaggero.it/latina/valorizzazione_ed_educazione_ambientale_parco_montuno_terracina_firmata_la_convenzione_comune_legambiente-3809963.html

http://www.latinatoday.it/cronaca/legambiente-terracina-parco-del-montuno-convenzione-comune-terracina.html

http://www.anxurtime.it/parco-del-montuno-casa/

https://www.latinaoggi.eu/news/politica/64560/montuno-arriva-lintesa-con-legambiente

Latina Oggi del 24.6.2018

36087349_10216857742385886_2315818989881655296_n

PARCO DEL MONTUNO GIOVEDI’ 14 GIUGNO 2018 ORE 11 – IL CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA CON IL DIPARTIMENTO NAZIONALE LEGAMBIENTE SCUOLA E FORMAZIONE E CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI TERRACINA ANNUNCIA LA CERIMONIA UFFICIALE DI PREMIAZIONE DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA E PRIMARIA DELL’IC MILANI DI TERRACINA, SCUOLA SOSTENIBILE LEGAMBIENTE, VINCITRICE DEL CONCORSO FOTOGRAFICO NAZIONALE #ILFUTURONONSIBRUCIA INDETTO DA LEGAMBIENTE, MINISTERO DELL’ISTRUZIONE E MINISTERO DELL’AMBIENTE IN OCCASIONE DELLA FESTA DELL’ALBERO 2017 DEDICATA ALLA TUTELA DEL PATRIMONIO BOSCHIVO CHE SI TERRA’ PRESSO IL PARCO DEL MONTUNO GIOVEDI’ 14 GIUGNO 2018 ORE 11

Comunicato stampa n.96                                                12 giugno 2018

La Scuola dell’Infanzia e Primaria dell’IC Milani di Terracina, Scuola Sostenibile Legambiente, con le infaticabili Maestre Catia M. Mosa e Gilberta Coniguardi, dopo aver organizzato, in collaborazione con il Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano”, una bellissima Festa dell’Albero di tre giorni l’anno scorso a Novembre presso tutte le Aule Verdi e l’Aula Verde estesa del Parco del Montuno e dopo l’assegnazione dell’importante progetto PON MIUR “La Scuola Verde fuori dalla Porta” sviluppato grazie alla Convenzione tra il Circolo Legambiente di Terracina “Pisco Montano” e dopo l’ultima bellissima campagna nazionale “Nontiscordardime’ – Operazione Scuole Pulite’” di aprile con l’evento “Il Parco nella Scuola, La Scuola nel Parco” presso il Parco del Montuno in occasione della sua inaugurazione, arriva al meritatissimo risultato di vincere il concorso fotografico nazionale #ilfuturononsibrucia, lanciato da Legambiente, Ministero dell’Istruzione e Ricerca e Ministero dell’Ambiente, proprio in occasione della Festa dell’Albero di Novembre 2017. La referente del Concorso è stata la Prof.ssa Annalinda Di Mauro. https://www.legambientescuolaformazione.it/articoli/il-futuro-non-si-brucia-i-vincitori-del-concorso-fotografico .

Il prossimo giovedì 14 giugno 2018 alle ore 11, il Circolo Legambiente Terracina e la Scuola Sostenibile Legambiente di Terracina IC Milani, con il patrocinio del Comune di Terracina e Legambiente Scuola e Formazione, organizzeranno un evento pubblico presso il Parco del Montuno, che vedrà la partecipazione delle classi della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria della IC Milani. Si procederà, alla presenza dell’ Amministrazione Comunale e di Legambiente nazionale Scuola e Formazione, alla premiazione, con una targa, della Scuola IC Milani, risultata vincitrice del concorso fotografico nazionale e alla presentazione del progetto di educazione ambientale in corso di realizzazione, partito nell’ambito della “Giornata nazionale degli alberi del 21 novembre 2017”, progetto che prevede la compilazione da parte delle Classi coinvolte, di un Diario di Classe per il censimento delle Specie arboree presso il Parco del Montuno, che si concluderà a fine novembre con un grande evento, in occasione della prossima Festa dell’Albero 2018. La premiazione sarà anche l’occasione per annunciare i progetti della Scuola Sostenibile Legambiente presso il Parco del Montuno, in vista della prossima firma della Convenzione tra il Comune di Terracina e il Circolo locale per la valorizzazione del Parco del Montuno finalmente restituito alla collettività, dopo un decennio di chiusura e abbandono, grazie all’impegno della Amministrazione e al grande lavoro manuale, tecnico e progettuale di Legambiente, con la prossima costituzione del Centro di Educazione Ambientale Legambiente “La Collinetta”.

Siamo felici di questo importante risultato che premia la nostra Scuola dell’Infanzia e primaria a livello nazionale” – dichiara la Dirigente Scolastica IC Milani di Terracina Prof. Giuseppina Di Cretico- “e che testimonia il grande lavoro che, come Scuola Sostenibile di Legambiente, stiamo facendo con il Circolo locale a partire dalla firma della Convenzione di marzo 2017. Con la recente riapertura del Parco del Montuno, dopo un decennio di chiusura e abbandono, e la prossima firma della Convenzione tra il Comune e il Circolo Legambiente Terracina, riavremo finalmente un vero e proprio scrigno verde nel cuore della città e i nostri tanti progetti ambientali del programma congiunto con Legambiente “La Scuola nel Parco, Il Parco nella Scuola” potranno finalmente attuarsi, anche grazie al finanziamento del PON-MIUR, per una “Scuola Verde Fuori dalla Porta”. Ringrazio Legambiente tutta per l’attenzione e l’impegno che sta mettendo nella nostra Scuola e le Maestre Catia M. Mosa e Gilberta Coniguardi per la loro determinazione e la loro infaticabile passione nel portare avanti la Convenzione con il Circolo locale e la Prof.ssa Annalinda Di Mauro per essersi impegnata nella predisposizione di tutta la documentazione richiesta per la partecipazione al Concorso nazionale”. 

Foto vincitrice del Concorso

Foto vincitrice del concorso nazionale #ilfuturononsibrucia

 La Festa dell’Albero di Legambiente mira in generale a promuovere l’importanza del verde per contrastare le emissioni di CO2, l’inquinamento dell’aria, prevenire il rischio idrogeologico e la perdita di biodiversità e nel 2017 è stata dedicata all’ importante tema del contrasto agli incendi boschivi, fenomeno che purtroppo ogni estate si ripresenta portando alla perdita di centinaia di migliaia di ettari di boschi e foreste. Il bosco fornisce ossigeno, cibo, principi attivi farmaceutici e acqua dolce, contrasta la desertificazione, aiuta a prevenire l’erosione del suolo, funge da deposito naturale di carbonio e svolge un’importante funzione per la stabilizzazione del clima e il surriscaldamento globale e il nostro Paese ha un patrimonio boschivo unico, che copre circa il 36% della superficie territoriale nazionale. Un patrimonio non solo ambientale ma anche per l’economia, l’equilibrio del territorio, la conservazione della biodiversità e del paesaggio.

La partecipazione al concorso fotografico nazionale “il futuro non si brucia” anche a Terracina è stata un’occasione per immortalare la messa a dimora da parte dei bimbi di nuovi alberi presso la Scuola e presso il Parco del Montuno e per educare i cittadini a riflettere sulla prevenzione degli incendi boschivi che hanno deturpato anche la bella città di Terracina nella triste estate dell’anno scorso, mandando in fumo centinaia di ettari di preziosa foresta e macchia mediterranea e soprattutto sulla non casualità del fenomeno degli incendi, oggi spesso frutto dell’azione di piromani ed ecomafie e sulle sue conseguenze a livello ecologico e sociale. Il Circolo, autore con Legambiente Lazio l’anno scorso, di un importante e articolato esposto alla Procura di Latina per l’ipotesi di disastro ambientale e la distruzione di habitat protetto a danno di rilevanti aree protette boschive del territorio di Terracina, esposto che si è poi trasformato in una indagine della Procura tuttora in corso, ribadisce il suo impegno nelle attività di prevenzione e vigilanza sulle nostre aree boschive urbane, collinari, montane e a tale proposito il Circolo è stato autore per il 2018 di una proposta concreta di azione, anche grazie al proprio raggruppamento di Guardie Ambientali, presentata al tavolo di coordinamento della Amministrazione Comunale per la costituzione di una rete territoriale di contrasto e prevenzione degli incendi boschivi.

“Il premio è frutto di una continuativa e fruttuosa collaborazione fra il Circolo locale e la Scuola, che da sempre Legambiente considera un’alleata fondamentale per radicare nella società una cultura attenta all’ambiente e vuole essere un buon auspicio per continuare ed accrescere gli sforzi di collaborazione tra il Circolo locale e tutte le Scuole della Città – dichiara Vanessa Pallucchi, Vice Presidente Nazionale di Legambiente e Responsabile nazionale di Legambiente Scuola e Formazione.

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

http://www.h24notizie.com/2018/06/ilfuturononsibrucia-vince-il-premio-nazionale-la-scuola-dellinfanzia-e-primaria-dellic-milani-di-terracina/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1722/parco-del-montuno-giovedi-14-giugno-legambiente-terracina-annuncia-la-cerimonia-ufficiale-di-premiazione-della-scuola-dinfanzia-e-primaria-ic-milani-vincitrice-del-concorso-fotografico-ilfuturononsibrucia

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-giovedi-al-montuno-premia-i-vincitori-del-concorso-fotografico/

http://www.anxurtime.it/scuola-sostenibile/

https://www.legambientescuolaformazione.it/articoli/il-futuro-non-si-brucia-i-vincitori-del-concorso-fotografico

https://www.ilfaroonline.it/2018/06/13/futuro-non-si-brucia-legambiente-terracina-premia-listituto-milani/226044/

https://www.latinaoggi.eu/news/attualita/64294/terracina-listituto-milani-vince-il-concorso-il-futuro-non-si-brucia-

http://www.perteonline.it/attualita/terracina-lic-milani-vince-il-concorso-il-futuro-non-si-brucia/

LATINA OGGI del 14.6.2018

35299863_10216778251198656_1868056331307450368_n

La Cerimonia di Premiazione della Scuola IC Milani vincitrice del Concorso Nazionale “Il Futuro non si Brucia” di Legambiente, Ministero dell’Ambiente, Ministero dell’Istruzione

Oggi Giovedì 14 giugno alle ore 11 presso la Scuola Giovanni Paolo II (e non più al Parco del Montuno causa maltempo), è stata consegnata la targa di premiazione alla Scuola dell’Infanzia e Primaria dell’IC Milani di Terracina, Scuola Sostenibile Legambiente, risultata vincitrice del concorso fotografico nazionale #ilfuturononsibrucia, lanciato da Legambiente, Ministero dell’Istruzione e Ricerca e Ministero dell’Ambiente, proprio in occasione della Festa dell’Albero di Novembre 2017. La foto vincitrice del Concorso, selezionata da un’apposita commissione composta da Legambiente, Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca tra migliaia di foto pervenute da tutta l’Italia, rappresenta la cura, l’attenzione e il rispetto dei bambini per gli alberi messi a dimora e per tutti i propri simili.

La partecipazione al concorso fotografico nazionale “il futuro non si brucia” per Terracina è stata un’occasione per immortalare la messa a dimora da parte dei bimbi di nuovi alberi presso la Scuola e presso il Parco del Montuno e per educare i cittadini a riflettere sulla prevenzione degli incendi boschivi che hanno deturpato anche la bella città di Terracina nella triste estate dell’anno scorso, mandando in fumo centinaia di ettari di preziosa foresta e macchia mediterranea.
Premiazione Bella
Molte classi delle Scuole F. Lama, G. Paolo II e G. Manzi sono state presenti e tanti bambini hanno animato con canti e danze l’evento di premiazione. La Cerimonia, patrocinata dal Comune di Terracina e da Legambiente Scuola e Formazione nazionale, si è svolta alla presenza dell’Assessore all’Ambiente Emanuela Zappone che ha portato i saluti della Amministrazione e del Sindaco Nicola Procaccini e alla presenza del Consigliere Provinciale Patrizio Avelli che ha portato i saluti del Presidente della Provincia Carlo Medici e della Dirigente Scolastica Prof. Giuseppina Di Cretico che ha ringraziato Legambiente e tutte le docenti con particolare riferimento alle Maestre Catia M. Mosa e Gilberta Coniguardi, referenti della Scuola Sostenibile Legambiente, e alla Prof.ssa Annalinda Di Mauro, referente del Concorso nazionale e della Presidente del Circolo Legambiente Anna Giannetti che ha portato i saluti della Vice Presidente Nazionale e Responsabile del Dipartimento Scuola e Formazione di Legambiente Vanessa Pallucchi ed ha voluto consegnare, insieme all’Assessore all’Ambiente Emanuela Zappone, l’importante riconoscimento alla Scuola dell’infanzia e primaria IC Milani. L’IC Milani, in qualità di Scuola Sostenibile Legambiente, rappresenta ormai un fulcro riconosciuto di competenza cittadina per l’educazione ambientale, con le sue Aule Verdi, gli orti e i frutteti didattici, le sue compostiere, i suoi progetti per la riduzione dei rifiuti, il corretto smaltimento, riuso e riciclo e i suoi progetti di valorizzazione della fragole “favette” di Terracina, di raccolta e spremitura delle olive con un importante produzione dell’Olio della Scuola, tutto attuato secondo i principi dell’economia circolare, una scuola d’eccellenza vincitrice anche di importanti progetti PON-MIUR proprio per la qualità e l’innovazione della didattica ambientale e assegnataria dal 2018, anche grazie all’impegno di Legambiente, della Bandiera Verde ECO-SCHOOLS della FEE.

Foto bella bambini
La premiazione, che oltre alla targa ricordo consiste anche di una fornitura di materiali didattici del valore di 500 euro che sarà tutta impiegata per i progetti di didattica ambientale, è stata anche l’occasione per Legambiente per annunciare i progetti della Scuola Sostenibile Legambiente presso il Parco del Montuno, in vista della prossima firma della Convenzione tra il Comune di Terracina e il Circolo locale per la valorizzazione del Parco finalmente restituito alla collettività, e della prossima costituzione del Centro di Educazione Ambientale Legambiente “La Collinetta” e per ribadire l’impegno del Circolo, già attivo l’anno scorso con un esposto in procura per i devastanti incendi a Terracina, per la costituzione di una rete territoriale di contrasto e prevenzione degli incendi boschivi.