LEGAMBIENTE TERRACINA IN OCCASIONE DELLA PARTECIPAZIONE AL CONVEGNO DI CONFCOMMERCIO SIB A TERRACINA DEL 4 FEBBRAIO SCORSO, DICHIARA IL PROPRIO SOSTEGNO CONCRETO AI BALNEARI DI TERRACINA, IMPEGNATI DA DUE ANNI INSIEME A LEGAMBIENTE NELLA RETE PLASTIC FREE BEACHES TERRACINA PER LA PREVENZIONE DELLE PLASTICHE IN MARE E SULLE SPIAGGE E RAPPRESENTANTI DI UNA CULTURA DEL TURISMO BALNEARE CHE DEVE PERO’ CAMBIARE SEMPRE PIU’ IN DIREZIONE DI UNA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE DELLE PROPRIE STRUTTURE E DI POLITICHE AMBIENTALI CORRETTE DI CONTRASTO AI CAMBIAMENTI CLIMATICI E ALLA EROSIONE COSTIERA, DIVENTANDO INSIEME A LEGAMBIENTE “GUARDIANI DELLA COSTA”.  NASCE IL PROGETTO “ECOLABEL” DI LEGAMBIENTE TURISMO PER TUTTI GLI STABILIMENTI ADERENTI ALLA RETE PLASTIC FREE BEACHES TERRACINA PER UN MARCHIO DI QUALITA’ AMBIENTALE DELLE STRUTTURE.

Terracina,  6 febbraio 2019                          Comunicato Stampa n. 123

Legambiente nazionale ha sempre mostrato attenzione verso le coste e le spiagge italiane, elaborando dossier preziosi come il recente “Le Spiagge sono di Tutti”,  https://www.legambiente.it/sites/default/files/docs/comunicati/le_spiagge_sono_di_tutti_legambiente_2018.pdf, un documento analitico che mette in risalto che nel nostro Paese le concessioni demaniali marittime sono in totale 52619 e, di queste, 27335 sono per uso turistico ricreativo. Si può così stimare che oltre 60% dei lidi in Italia sono occupati da stabilimenti balneari, con un solo 40% destinato alla libera fruizione. La nostra associazione, pur consapevole che il settore della balneazione attrezzata è composto di 30.000 imprese e impiega circa 100 mila addetti si è fatta quindi carico di chiedere modifiche al quadro nazionale degli arenili italiani per la tutela chiedendo soprattutto, come è ovvio che sia, un aumento delle spiagge libere, ma soprattutto che vi siano premialita’ per la qualita’ ambientale degli stabilimenti, una rimodulazione dei canoni che tenga conto anche di sgravi per la riqualificazione ambientale, un maggiore controllo di legalita’ per evitare che le concessioni diventino appannaggio della criminalita’ organizzata. Inoltre Legambiente continua a ritenere alto il rischio che le spiagge e le coste vengano sdemanializzate, aprendo la strada a privatizzazioni senza regole.

È da molti anni poi che Legambiente monitora la salute del mare e delle coste: dall’abusivismo edilizio nel dossier “Mare monstrum” ai casi locali di erosione costiera in “Spiagge indifese”, fino al Rapporto Ambiente Italia 2016, tutto dedicato a questo tema. Secondo i dossier, è più di un terzo delle nostre spiagge ad essere soggetto al fenomeno di degrado delle coste; e più della metà dei litorali italiani sono stati trasformati irreversibilmente da costruzioni edilizie, per la maggior parte abitazioni private e questo nonostante la legge Galasso che tutela le aree a 300 m dalle coste, dagli anni Ottanta l’andamento è di 8 km ogni anno.

Legambiente è poi ben consapevole che il problema dell’erosione costiera che sta affliggendo tutte le coste italiane, con mareggiate sempre più frequenti e violente che letteralmente minacciano la scomparsa degli stabilimenti balneari ancora più della famigerata direttiva Bolkestein, visto che nel marzo 2017 il Tavolo Nazionale Erosione Costiera ha già stimato una perdita di 35 km di spiagge dal 1960 al 2012, e negli ultimi quarant’anni sono più che raddoppiati i km di spiagge soggette a erosione. La situazione di erosione costiera sta ormai diventando un’emergenza nazionale e sul fenomeno incidono vari fattori: sia la scomparsa, causata dal consumo di suolo, di 4/5 delle dune costiere, sia la sempre maggior difficoltà per fiumi imbrigliati da dighe e altri sbarramenti di riportare i necessari sedimenti, a volte anche erroneamente prelevati. Alcuni tentativi di contrasto all’erosione, come le scogliere artificiali, hanno solo peggiorato il fenomeno visto che le barriere modificano il flusso delle correnti, moltiplicando così l’effetto dell’erosione nelle spiagge vicine, e visto che le barriere sono ormai considerate superate e dannose nella concezione dalla maggior parte della comunità scientifica Per Legambiente oggi servono invece risposte di ingegneria naturalistica: recuperare cioè gli apporti dei corsi d’acqua, e adoperarsi per il ripascimento morbido, ovvero la riaccumulazione di sabbia sulle spiagge, evitando di sprecare troppe risorse in ripascimenti sabbiosi di durata irrisoria e volumi irrilevanti o progetti di frangiflutti perpendicolari e paralleli alla costa, mettendo al centro la protezione degli ambienti dunali e le praterie di Posidonia, così come il contrasto alla impermeabilizzazione degli alvei fluviali che non permettono più nessun apporto detritico, senza progetti di strutture in mare, almeno se non si mette in cantiere l’abbattimento del cemento sulla costa e la rinaturalizzazione dei fiumi.

Spiagge già fragili dovranno infine affrontare i cambiamenti climatici: la prospettiva più plausibile, secondo il rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC), è che, a causa del riscaldamento globale, alla fine del secolo il mare si alzerà in media da 70 cm a 100 cm rispetto al 1700. Tra gli effetti più devastanti ci sarà la futura invivibilità delle coste causata dall’innalzamento dei mari, che sommergerebbe le coste.

Il nostro Circolo, fin dalla sua nascita, ha iniziato una proficua collaborazione con la fitta rete di Stabilimenti di Terracina, insieme al Sindacato Balneari di Confcommercio, lavorando fianco a fianco per la creazione di consapevolezza sulle problematiche ambientali delle coste e delle spiagge e la loro gravita’ e la diffusione di comportamenti virtuosi soprattutto per la prevenzione della plastica e della sostituzione con bio-plastiche, arrivando a creare una innovativa rete territoriale, una delle prime in Italia, denominata Plastic Free Beaches Terracina, impegnata a diffondere buone pratiche durante l’estate e che ha sviluppato importanti progetti con i pescatori come “Fishing for Litter Terracina” e che è stata riconosciuta anche come iniziativa “Plastic Free” dal Ministero dell’Ambiente. Sono state numerose le iniziative che la Rete ha condotto con le Scuole e l’Amministrazione locale e la Ditta Gestore dei Rifiuti Urbani, tutte orientate a prendersi cura delle coste e a ridurre l’apporto in plastica, avviando il residuo a riciclo.

“Come Circolo Legambiente attivo, ci occupiamo di tutelare e preservare la natura degli habitat costieri, liberare l’accesso alle spiagge e liberarle dal cemento, avviare una radicale riqualificazione dell’esistente e progettare e realizzare opere di adattamento dell’erosione costiera, a partire dalla salvaguardia dei sistemi dunali, lavorare per l’adozione di un approccio integrato e complessivo di riqualificazione della costa. Chiediamo con urgenza un tavolo tecnico cittadino permanente con associazioni, balneari, amministrazioni ed esperti, che sia in grado di interloquire con la Regione e il Ministero, e va fatto un ragionamento di sistema su tutto il litorale e non interventi spot come è accaduto finora che sono solo uno spreco di soldi e fanno danni all’ambiente e all’economia.

Inoltre, grazie alla stabilizzazione dei titoli concessori, lanceremo finalmente a breve il progetto di conversione ecologica degli stabilimenti, partendo inizialmente con gli Stabilimenti Balneari soci di Legambiente e iscritti a Confcommercio SIB, e costruiremo una iniziativa congiunta sia sul fronte dell’Osservatorio dei Rifiuti cittadino, per contrastare aumenti indiscriminati della Tariffa Rifiuti che non tengono conto dei comportamenti virtuosi messi in atto in particolar modo nei confronti della plastica, e chiederemo insieme la costituzione di un Tavolo sulla Salvaguardia della Costa dai fenomeni erosivi, per portare all’attenzione delle Amministrazioni locali, la conoscenza e il sapere della Categoria dei Balneari e di Legambiente.  Con un prossimo convegno, aperto a tutti, lanceremo insieme al dipartimento nazionale Legambiente Turismo, il progetto locale per l’ottenimento dell’etichetta ecologica (ecolabel) “Consigliato per l’impegno in difesa dell’ambiente”, un progetto strategico che mira ad incrementare la qualità ambientale delle località turistiche e delle strutture ricettive, partendo da un marchio di qualità ambientale che contraddistinguera’ gli stabilimenti balneari aderenti alla Rete e che vede in primo piano proprio le politiche di riduzione dei rifiuti plastici per ridurre l’impatto delle proprie attività ma anche le politiche di promozione del territorio. Una struttura ricettiva e/o turistica “Consigliata da Legambiente per l’impegno in difesa dell’ambiente”, si impegna a migliorare la propria gestione ambientale, con particolare riferimento alla riduzione dei rifiuti con acquisti più mirati, la raccolta differenziata finalizzata al riciclaggio, il risparmio idrico ed energetico con un uso razionale delle risorse naturali; la sicurezza degli alimenti; la promozione della cucina del territorio e dei prodotti tipici locali; l’incentivazione del trasporto collettivo e della mobilità leggera; la riduzione dell’inquinamento acustico negli esercizi; la promozione dei beni naturali e culturali; il coinvolgimento degli ospiti nella realizzazione dei comportamenti eco-sostenibili e la distribuzione di materiali che aiutano l’informazione e il controllo sulle misure concordate e la partecipazione dei turisti al monitoraggio e al controllo dell’effettiva realizzazione degli obiettivi di gestione ambientale assunti dall’esercizio e dalla località turistica ospitante”, dichiarano Anna Giannetti, Presidente del Circolo locale di Legambiente e  Felice Di Spigno ,Coordinatore della rete Plastic Free Beaches Terracina e Presidente della sezione Terracina del Sindacato Balneari SIB.

 

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

https://www.latinaoggi.eu/news/attualita/69796/legambiente-e-sindacato-balneari-puntano-al-marchio-di-qualita-ecolabel?fbclid=IwAR1-k7tfro-X6LNHKuu2bLJRBVvDldBeLoEXMdGW33V3Ha2O41EFoa_Z_co

https://www.ilfaroonline.it/2019/02/07/terracina-legambiente-sib-confcommercio-insieme-diventare-guardiani-della-costa-nasce-ecolabel/260281/?fbclid=IwAR1fT72caUWmFf_c9GQyQ2BfSrGMiFrruUJzyNbKvuHrWeTlQsE7vzX0Ytc

http://www.ilbianchini.it/it/rubriche/cibo-salute-e-sostenibilita/item/176-legambiente-e-l-associazione-balneari-di-terracina-insieme-per-un-turismo-sostenibile-nasce-il-progetto-ecolabel.html?fbclid=IwAR1GTMCRjvZ7-t814Jj9RXan2RBGAki8Vg-JcLeRhnrAgPZ23BNT_WqJsEc

www.h24notizie.com/2019/02/09/terracina-legambiente-assicura-sostegno-ai-balneari/?fbclid=IwAR1EoQE0IfsS65tsYj6-ccOLfxVx4HV710AbVXwIS-PN05vkBjPMmRKdw0M

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2236/legambiente-nel-convegno-sib-del-4-febbraio-dichiara-il-proprio-sostegno-ai-balneari-di-terracina?fbclid=IwAR0BzLk3hWOyFxhPXJMRDqpJaN3qJZsFu8rae93hJ2RtwCcx9MM8yVOJOD4

ttp://www.anxurtime.it/legambiente-sta-con-i-balneari-per-un-turismo-sostenibile/?fbclid=IwAR3Cd0OwTnPH7W6MsJUKjGk3QR0CUP_C2o9c_TIUCwTl5CuLCHF50-JlwoY

http://www.latinatoday.it/green/terracina-legambiente-balneari-confcommercio-progetto.html

 

Annunci

TERRACINA BELLA E IRRAGGIUNGIBILE: IL CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA “PISCO MONTANO” ADERISCE ALLA INIZIATIVA DI PRESIDIO DEL 2 FEBBRAIO PROSSIMO DEL “COMITATO NO CORRIDOIO-ROMA-LATINA PER LA METROPOLITANA LEGGERA” DALLE ORE 10 AL KM. 97,7 DELLA PONTINA PRESSO LA VORAGINE PER RICORDARE IL CONCITTADINO VALTER DONA’ PURTROPPO ENNESIMA VITTIMA DI UNA TRAGEDIA ANNUNCIATA E TESTIMONIARE ANCORA UNA VOLTA LA NECESSITA’ DI UN IMMEDIATO RIPRISTINO E MESSA IN SICUREZZA E RIAPERTURA DELLA PONTINA DA ROMA A TERRACINA

Terracina, 29 gennaio 2019                      Comunicato Stampa n. 122

 

Volantino iniziativa 2 febbraio 2018Il nostro Circolo e’ sempre stato attivo, fin dalla sua nascita nel 2016, con il Comitato No Corridoio Roma-Latina per la Metropolitana Leggera e ha partecipato ai vari sit – in e presidi dei mesi scorsi con il Nodo di Latina. Le gravi condizioni in cui versa la Via Pontina da Roma a Terracina con buche ovunque e ruote squarciate sono state sempre denunciate dal nostro Circolo, proprio sostenendo il Comitato No Corridoio Roma-Latina per la Metropolitana Leggera, movimento autonomo e indipendente dei cittadini, che, insieme al suo portavoce storico Gualtiero Alunni, lottano in prima persona per difendere la propria terra dalla devastazione dell’inutile autostrada a pedaggio A12-Roma-Latina, per l’adeguamento in sicurezza di tutta la Via Pontina, da Roma a Terracina, per l’intermodalità con la costruzione del treno-tram e il rilancio del trasporto merci su ferro, purtroppo rimanendo spesso inascoltato non solo dalla politica governativa sia a livello centrale che regionale, ma spesso anche dalla stampa locale, regionale e nazionale che invece da’ ampio spazio a coloro che sostengono la costruzione della devastante autostrada a pedaggio. Il Comitato lotta da anni per una Strada Statale pubblica senza pedaggio, sottoposta ad un costante adeguamento e mantenimento in sicurezza secondo la norma vigente e secondo le moderne logiche di intermodalità, ispirate all’economia circolare, che disincentivi l’utilizzo dell’auto di proprietà e il corrispondente flusso veicolare, tramite un miglior sistema di trasporto pubblico locale con corsie dedicate, su ferro.

Sono caduti purtroppo nel nulla anche i numerosi appelli della Polizia Stradale e di alcuni Sindaci della Provincia di Latina che hanno a cuore l’incolumita’ dei propri cittadini, visto che negli anni, pur di sostenere il progetto della nuova autostrada a pedaggio (si parla di una gabella di 12 euro per A/R Latina-Roma!), una delle tante altre grandi opere inutili, costose e ad alto impatto ambientale, è stata completamente abbandonata la messa in sicurezza della strada che è diventata la Pontina killer (una delle arterie di comunicazione più funestate d’Italia) con oltre 600 morti negli ultimi anni, senza contare i feriti e gli invalidi. Una media di un incidente al giorno, con punte di tre, a cui si aggiunge tristemente l’ultimo disastro con l’apertura della voragine che ha inghiottito tristemente purtroppo un nostro caro concittadino Valter Dona’, all’alba del 25 novembre, mentre, insieme ad un amico la stava percorrendo con la propria automobile.

Il nostro Circolo ha partecipato l’11 gennaio scorso – dopo i sit in dei mesi scorsi a Latina – all’incontro di Terracina con il Comitato No Corridoio Roma-Latina per la Metropolitana Leggera, incontro preliminare per provare a lanciare il Nodo Terracina del Comitato.

“Alla luce delle condizioni odierne dello sbriciolamento dell’asfalto e delle enormi buche che si aprono come voragini, dimostrazione palese dell’assenza di qualsiasi seria manutenzione e dei gravi rischi scaricati sugli automobilisti e sui motociclisti, riteniamo semplicemente obsoleta e disastrosa l’ipotesi di una autostrada a pedaggio, con la “magica formula” del project financing, dell’importo complessivo di 2,72 miliardi di euro, non solo per il grave impatto che essa avrebbe sull’ambiente, devastando la Riserva Decima di Malafede, Riserva Litorale Romano, La Via Francigena del Sud, il lago di Giulianello e facendo chiudere qualche decina di aziende agricole che costituiscono l’eccellenza del settore agroalimentare regionale, non solo per il grave incremento dell’inquinamento atmosferico e acustico, ma anche alla luce del fatto che il Consiglio di Stato, il 13 settembre 2018, ha deciso di accogliere il ricorso della Salini Impregilo, precedentemente rigettato dal TAR, perché è stato riscontrato un errore di fondo nella predisposizione della normativa di gara, tale da rendere la stessa illegittima e visto che Bankitalia ha evidenziato, letteralmente, “una precarietà nella capacità di rimborso” che avrebbe esposto lo Stato al rischio di non vedersi restituire la quota con cui ha finanziato il progetto e che questo implica che Autostrade per il Lazio, società partecipata da Anas e Regione Lazio – che del progetto è il soggetto attuatore- deve riavviare l’intero iter, ripartendo dalle lettere di invito. E’ questo quindi il momento giusto per provare a chiedere uniti e compatti al Governo e alla Regione il ritiro completo del progetto anche alla luce del fatto che il progetto è ormai vecchio e superato, si fonda su un paradigma obsoleto di economia lineare, mentre l’economia circolare spingerà sempre più per una riduzione dell’uso privato dell’auto, in totale contrasto con un’autostrada pensata per far circolare il maggior numero di auto possibili che possano quindi pagare il pedaggio e creare quindi il beneficio economico per il concessionario, per il paradigma di smartworking e telelavoro che diminuira’ inevitabilmente la necessita’ del pendolarismo, per la molteplicita’dei mezzi e delle modalita’ di trasporto (come la bicicletta, il trasporto pubblico, il treno, ride-sharing e il car-sharing) e per la multimodalita’ integrata, per un ambiente più salubre e più ricco di verde urbano e di verde agricolo, e allo stesso momento chiedere lo storno immediato di 468 milioni di euro dal budget milionario della Autostrada, destinandoli alla messa in sicurezza della Pontina, come richiesto anche dalle Associazioni dei Piccoli e Medi Costruttori, lavori che potrebbero essere conclusi in 2 anni senza eccessivi impatti sulla viabilita’ ordinaria, ovvero con una semplice riduzione alternata della carreggiata. Ricordiamo inoltre che i costi per i progetti associati all’Autostrada Roma-Latina sono stati già molto onerosi, infatti per la sola progettazione si parla di un investimento di oltre 50 milioni di euro. La Corte dei Conti calcolò uno spreco di denaro pubblico che si aggirava intorno ai 20 milioni di euro e nel 2015 ha già rinviato a giudizio 11 persone tra politici, funzionari e manager”, dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo Legambiente di Terracina.

“Terracina in questo momento storico sembra essere davvero una città “bella ma irraggiungibile”: una carenza grave di infrastrutture viarie primarie di accesso alla città che ne impediscono un adeguato sviluppo turistico e fanno precipitare la Città in una sorta di limbo, non solo con la interruzione della Pontina dovuta alla triste vicenda della voragine che ha purtroppo inghiottito Valter Dona’, il cui corpo non è stato ritrovato nonostante i grandi sforzi profusi dai volontari della Protezione Civile, ma anche con il Ponte sul Sisto demolito e dopo due anni ancora lontano da una seppur provvisoria ricostruzione, anche se recentemente, e solo grazie ad una recente manifestazione di cittadini, sembra di nuovo aver ricevuto impulso, la situazione precaria della Superstrada Terracina-Frosinone ancora chiusa, la Stazione ferroviaria ed il Treno finiti nell’oblio oramai dal 2012, una linea ferroviaria in una zona con gravi e ben conosciuti rischi da dissesto idrogeologico, preda solo di comode strumentalizzazioni elettorali che ripetono stancamente un retorico cliche’ per noi francamente indigesto; il sottoutilizzo e la necessità di migliorare i servizi della ormai riqualificata e modernissima Stazione di Monte San Biagio-Terracina mare, strategico snodo di connessione sulla linea ferroviaria nazionale fl7, il cui collegamento con la Città andrebbe incentivato e valorizzato, allungandolo anche agli orari notturni, anche con servizi di taxi e navette veloci, e su cui il nostro Circolo è impegnato, dall’anno scorso, con una importante azione permanente sulla mobilità sostenibile a livello europeo http://mobilityweek.eu/registered-actions/?country=IT&action_uid=gS4gZaUR. Il nostro Circolo autore del secondo rapporto ECOSISTEMA URBANO 2018 renderà ufficiali a breve i dati relativi alla mobilita’ a Terracina, dati parzialmente già anticipati in occasione della Settimana Europea della Mobilita’ Sostenibile in cui avevamo chiesto l’istituzione immediata di un Osservatorio sulla Mobilita’ Sostenibile proprio per affrontare i gravi temi https://legambienteterracina.wordpress.com/2018/09/25/settimana-europea-della-mobilita-sostenibile-ed-ecosistema-urbano-il-circolo-legambiente-fa-il-punto-della-situazione-sulla-mobilita-a-terracina-evidenziando-tutte-le-critici/, dati che, confrontati con città simili a livello nazionale, si annunciano purtroppo molto carenti e meritevoli di un intervento immediato, sia a livello di infrastrutture di accesso e viabilita’ primaria e sia a livello di viabilita’ e ciclabilita’ cittadina, frutto di anni di immobilismo”- dichiara Gabriele Subiaco, Vicepresidente e Responsabile Scientifico del Circolo Legambiente Terracina.

 

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

 

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-legambiente-al-presidio-del-comitato-no-corridoio-roma-latina/?fbclid=IwAR2S2lj1QxRtnANAPkJsdcpKJ1hftJLiGX6UpQAuz8zgO9luVsFRea9gKPo

https://www.latinaoggi.eu/news/attualita/69449/voragine-sulla-pontina-indagini-geologiche-diranno-se-possono-partire-i-lavori?fbclid=IwAR1eZxGKwly4Mbqu7HMfuxVoRogdM5HJ7ofJ_V-DgvWaKYn5e4Ct3ibgY9g

https://www.latinatoday.it/cronaca/voragine-pontina-terracina-presidio-legambiente.html?fbclid=IwAR1021Vgv9ClMxM3RRN7jivFOfxDMVDHtL8jpBgHJEQNMxVdtOoHdnG9ak8

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2223/il-circolo-legambiente-aderisce-alla-iniziativa-di-presidio-del-prossimo-2-febbraio

http://www.perteonline.it/notizie-generali/terracina-legambiente-aderisce-al-presidio-sulla-pontina-contro-lautostrada-a-pedaggio-a12-roma-latina/?fbclid=IwAR34jd3-L39sMMkdYElY7ujfkzzTmuV3Fa8pwZp-7tMpQA4YCZLHozXmc8g

http://www.anxurtime.it/voragine-sulla-pontina-legambiente-in-prima-linea/

https://www.youreporter.it/sabato-2-febbraio-ore-1000-presidio-associazioni-presso-strada-pontina-km-97-700-voragine/?refresh_ce-cp

https://www.studio93.it/terracina-citta-bella-e-irraggiungibile-questo-sabato-presidio-sulla-pontina-al-km-97700/

http://www.anxurtime.it/legambiente-sta-con-i-balneari-per-un-turismo-sostenibile/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2236/legambiente-nel-convegno-sib-del-4-febbraio-dichiara-il-proprio-sostegno-ai-balneari-di-terracina