GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA 2017 DEDICATA DALL’ONU ALLE ACQUE REFLUE E DI SCARICO, LEGAMBIENTE: IL COMPLETAMENTO DELL’INTERVENTO DI PROLUNGAMENTO DELLA RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE REFLUE DELLA COSTA DI LEVANTE DI TERRACINA DOPO IL PASSAGGIO DI GOLETTA VERDE RAPPRESENTA UN GRANDE RISULTATO CHE CONSENTIRA’ LA PROSSIMA RIAPERTURA ALLA BALNEAZIONE DELLA COSTA E LA RIQUALIFICAZIONE DELLA SORGENTE DELL’ACQUA MAGNESIA, RESTITUENDO COSI’ ALLA CITTA’ UNO DEI LUOGHI SIMBOLO DELLA MEMORIA DEI TERRACINESI.

Terracina, 27 marzo 2017                                                                           

Comunicato Stampa n.36

Nel corso della Conferenza Stampa regionale di Legambiente per Goletta Verde, storica campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane https://legambienteterracina.wordpress.com/2016/07/01/comunicaton-15-la-tappa-di-goletta-verde-di-legambiente-a-terracina-grandi-passi-avanti-per-lambiente-il-turismo-e-lenogastronomia-di-terracina/, tenutasi a Terracina il 28 giugno scorso, alla presenza di rappresentanti dell’Amministrazione Comunale, Acqualatina SpA, Capitaneria di Porto e Arpa Lazio durante la quale erano stati presentati dati dei prelievi fatti dai tecnici di Goletta Verde presso lo scarico dell’ex-Depuratore e la Sorgente Acqua Magnesia, Acqualatina SpA aveva assunto l’importante impegno di completare l’intervento relativo al prolungamento della rete di raccolta delle acque reflue della costa di Levante.

In pochi mesi, grazie alla sensibilità dei suoi vertici, all’azione propositiva e alla pressione costante di Legambiente, Acqualatina SpA, rispettando gli impegni assunti in conferenza stampa, ha completato i lavori di prolungamento del tratto fognario costiero lungo la via Appia tra la zona della Torre Gregoriana e Porta Napoletana che renderanno possibile già prima dell’estate l’avvio della richiesta di riammissione al programma di monitoraggio delle acque al fine di riaprire presto alla balneabilità il bellissimo tratto costiero di Levante e in un prossimo futuro ripristinare anche la potabilità della antica sorgente termale “Acqua Magnesia”.

“A seguito delle analisi dei campionamenti effettuati nello specchio acqueo sotto al Monumento naturale Tempio di Giove Anxur, presso la Torre Gregoriana (scarico ex-depuratore) e presso la Scogliera di Levante (sorgente Acqua Magnesia) dai tecnici di Goletta Verde a giugno scorso, il nostro Circolo – con il supporto attivo di Legambiente Lazio-  ha continuato a spingere per riconsegnare alla totale fruizione dei cittadini e dei turisti questo preziosissimo tratto di costa di Levante, con un’ azione sinergica che vede insieme l’Amministrazione Comunale, il gestore idrico integrato Acqualatina SpA, la Regione Lazio, Arpa Lazio, il Ministero della Salute e la Capitaneria di porto al fine di ripristinare quanto prima il monitoraggio delle acque costiere. Un intervento fondamentale per la rigenerazione della costa dal punto di vista ambientale e turistico e che rappresenta un importante passo in avanti verso una maggiore tutela e valorizzazione del prezioso ecosistema marino e costiero di Terracina e di tutta la Riviera di Levante. E’ poi davvero emozionante che in occasione della appena celebrata Giornata mondiale dell’acqua del 22 marzo scorso e il cui tema scelto dall’Onu per il 2017 sono proprio le acque reflue e di scarico, si possa celebrare così degnamente a Terracina la Giornata!” dichiara Anna Giannetti, presidente del Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano.

goletta verde 

Acqualatina SpA è sempre stata al fianco della Amministrazione della Città di Terracina per migliorare il servizio e le reti idriche e fognarie della Città mostrando una grande attenzione agli aspetti ambientali e facendosi promotore di molte iniziative, sia per quanto riguarda le campagne di risparmio idrico che per quanto riguarda il supporto alle attività di analisi e monitoraggio delle acque come richiesto dal rapporto di Goletta Verde 2016 di Legambiente, ed è stato un attore fondamentale per la chiusura del Depuratore di Via delle Cave e il reindirizzamento di tutti gli scarichi delle acque reflue verso il nuovo depuratore di Borgo Hermada. Con il grande investimento effettuato per il completare il tratto fognario di Levante si mostra ancora una volta sensibile alle questioni ambientali. Con Legambiente Terracina poi il rapporto, già iniziato in occasione di Goletta Verde, si è ulteriormente consolidato con la partecipazione alla campagna mondiale Puliamo il Mondo- Clean Up the World come sponsor della storica iniziativa di riqualificazione del Parco del Montuno di cui è stata ipotizzata congiuntamente la possibilità di ripristino dell’impianto idrico e la creazione di un punto informativo e formativo sulla bonta’ e sull’utilizzo consapevole dell’Acqua, e si è ulteriormente rafforzato in occasione della campagna Legambiente Non ti Scordar di Me’- Operazione Scuole Pulite e per il progetto di rigenerazione “La Scuola che Vogliamo” con l’Istituto Don Milani con cui Legambiente Terracina sta firmando un protocollo di intesa che prevede anche percorsi didattici relativi al risparmio idrico”, dichiara il gestore idrico dell’ATO4 Acqualatina SpA, nella persona di Antonio Pisterzi, Responsabile Rapporti con la Pubblica Amministrazione.

 Anche Roberto Scacchi, Presidente di Legambiente Lazio, sottolinea l’importanza della azione di Acqualatina SpA e ringrazia i vertici del Gestore Idrico dell’ ATO4 per la serietà dimostrata nel portare avanti l’impegno assunto lo scorso giugno, “Non ci capita spesso come Legambiente di dover plaudire alle buone azioni delle Amministrazioni e dei Gestori dei servizi essenziali e siamo davvero soddisfatti di questa azione del gestore idrico integrato Acqualatina SpA che, dopo aver attuato la chiusura dell’ecomostro-depuratore costiero di Via delle Cave e la ricollettazione di tutta la rete fognaria verso il nuovo depuratore di Borgo Hermada, a valle delle nostre richieste, ha mantenuto fede al suo impegno (e in tempo per la nuova stagione turistica!) per permettere una completa rigenerazione della zona e una sempre maggiore fruibilità della costa di levante, zona che è già stata individuata da Legambiente come oggetto di una importante azione integrata di rigenerazione urbana https://legambienteterracina.wordpress.com/2016/09/19/comunicatostampan-19-nasce-a-terracina-il-primo-laboratorio-di-rigenerazione-urbana-sostenibile-di-legambiente-nel-lazio-obiettivo-iniziale-il-progetto-pilota-per-la-redazione-di-un-piano-integrato/ e che è già oggi sede di un importante lavoro di consolidamento per la mitigazione del rischio idrogeologico con fondi regionali. La nostra intenzione è quella di impegnarci, di concerto con l’Amministrazione, per la completa rigenerazione del tratto di mare e di costa antistante il vecchio depuratore e soprattutto ripristinare in tempi brevi l’antichissima “Sorgente Acqua Magnesia”, uno dei luoghi più preziosi e importanti per la memoria storica di Terracina, e parte integrante della variante traianea della Via Appia, che il 14 maggio sarà anche teatro di un importante evento nazionale di Legambiente  denominato Appia Day 2017”.

IL CIRCOLO PARTECIPA ALL’INCONTRO DI KYOTO CLUB E CONFINDUSTRIA SULLA FINANZA #GREEN PER LA TRASFORMAZIONE DELLA ECONOMIA

Comunicato stampa- Roma, 22 marzo 2017 

Secondo il Climate Policy Initiative (CPI) per mantenere l’aumento della temperatura al di sotto della soglia dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali, servono ingenti investimenti globali nel settore energetico, pari a circa 1.200 miliardi di dollari all’anno. Nel settore privato sembra esserci un crescente entusiasmo per le attività ‘green’ che vanno dalla riconversione dei cicli produttivi, al trasporto pubblico, a nuovi modelli di organizzazione sociale.

 

«La finanza climatica mobiliterà a livello internazionale risorse che non hanno precedenti», ha aggiunto Gemme. «Si stima il valore delle operazioni di finanziamento per investimenti connessi alla sostenibilità siano stati di quasi 738 miliardi di Euro».

Tra queste ci sono i green bond, strumenti finanziari dedicati allo sviluppo sostenibile ancora poco conosciuti in Italia. ENEL ha appena collocato un green bond da 1,25 miliardi di euro per offrire agli investitori istituzionali e retail interessati agli investimenti sostenibili strumenti che prevedono la destinazione esclusiva dei proventi a progetti «verdi» e per molti anni i leader politici mondiali hanno snobbato la questione climatica, lo scorso anno sotto la presidenza cinese, il G20 ha finalmente riconosciuto che lo sviluppo economico non può prescindere dalla protezione dell’ambiente e che la transizione energetica per rendere così possibile la decarbonizzazione deve necessariamente passare per il sistema finanziario. Certo, la volontà di affrontare sfide come ad esempio la questione dei sussidi ai combustibili fossili, che vanno eliminati entro il 2020, è in gran parte nelle mani dei governi. Ma è anche bene ricordare che quanto promesso a Parigi non sarà comunque sufficiente a scongiurare aumenti importanti della temperatura media del pianeta.

Il Circolo ha partecipato il 22 marzo presso la sede di Confindustria Roma al convegno “La finanza per il clima opportunità per le imprese”, iniziativa rivolta alle aziende italiane attive nei settori Green Economy per promuovere la partecipazione dell’industria italiana ai fondi di cooperazione internazionali. L’iniziativa è stata promossa congiuntamente da Confindustria con il Kyoto Club, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Ministero dell’Ambiente. “Per contrastare i cambiamenti climatici dobbiamo cambiare il modello con cui si sviluppa la nostra economia: la green economy e l’economia circolare sono le sfide del nostro presente e possono rappresentare anche un modello vincente per la ripresa economica tanto attesa”, ha dichiarato Francesco Ferrante, Vicepresidente di Kyoto Club. “Molte imprese italiane – ha concluso Ferrante – sono già pronte e si stanno già impegnando, innovandosi e competendo con il resto del mondo. Ora questo cambio di approccio non dev’essere vanificato ed è per questo che è necessaria una strategia politica – innanzitutto su energia e clima, ma anche più in generale sulla bioeconomia – da parte delle istituzioni e della politica, insieme a un adeguato cambio di passo anche nel sistema creditizio.”

logoKyotoClub“Per un paese manifatturiero come il nostro, con una leadership tecnologica indiscussa in alcune aree tra le quali appunto l’efficienza energetica, è fondamentale favorire la partecipazione delle nostre imprese alle gare internazionali per l’assegnazione dei fondi – ha sottolineato il Presidente del Comitato Industria e Ambiente di Confindustria Claudio Gemme. – Per questo come Confindustria promuoveremo un portale per supportare e ridurre le barriere informative alla partecipazione delle imprese. Gli investimenti in Rinnovabili ed Efficienza energetica nel periodo 2007-2015 ammontano a circa 50 miliardi di Euro e si stima il valore delle operazioni di finanziamento per investimenti connessi alla sostenibilità siano stati di quasi 738 miliardi di Euro. La finanza climatica – ha concluso Gemme – mobiliterà a livello internazionale risorse che non hanno precedenti”.

COnvegno Kyoto Club

Perché se è vero che la finanza green è l’occasione per riportare la finanza al servizio dell’economia reale, soltanto un modello di partenariato pubblico privato sembra essere in grado di attrarre investitori privati e ridurre il rischio che nel caso degli investimenti verdi è piuttosto alto.

Una piazza borsistica dedicata solo alla finanza green

La nuova “casa” della finanza green si chiama Luxembourg Green Exchange. Si tratta del primo caso al mondo in cui una piattaforma di contrattazione è dedicata unicamente a strumenti finanziari “verdi”. I suoi listini già ospitano la maggior parte dei 114 green bond già quotati alla borsa lussemburghese, per un valore complessivo che supera i 45 miliardi di dollari.

Lo scopo dichiarato è quello di fornire chiarezza e garanzie agli investitori, che di recente si stanno mostrando piuttosto scettici e spesso faticano a capire cosa si possa definire realmente come finanza green. Chi vuole quotare un green bond dovrà quindi assicurare alla nuova borsa che ogni euro raccolto sia destinato a progetti incentrati sull’ambiente e sulla lotta al cambiamento climatico. E per ogni progetto dovrà fornire report dettagliati, ex ante ed ex post.  Porte sbarrate, infine, a tutti i prodotti finanziari legati a combustibili fossili, energia nucleare, commercio di specie protette e test sugli animali.

 

Cosa sono e quanto valgono i green bond

I green bond, che sono sul mercato da circa un decennio, funzionano esattamente come tutte le altre obbligazioni. La loro particolarità è che sono emesse per finanziare progetti che hanno un impatto positivo per l’ambiente: energie rinnovabili, efficienza energetica, riciclaggio dei rifiuti e così via. Nel 2016, i titoli etichettati ufficialmente come green bond hanno toccato il valore di 118 miliardi di dollari nel mondo. Ma, ampliando il raggio fino a comprendere tutte le obbligazioni legate in qualche modo al clima, si arriva alla cifra di 694 miliardi di dollari. Lo rivela uno studio pubblicato quest’estate dalla Ong Climate Bonds Initiative su incarico della banca londinese HSBC.

http://www.giornalistinellerba.it/2017/02/28/kyoto-club-in-lotta-per-uneconomia-fossil-free/

IL CIRCOLO LEGAMBIENTE DI TERRACINA E L’ISTITUTO DON MILANI PARTECIPANO ALLA CAMPAGNA NAZIONALE DI LEGAMBIENTE “NON TI SCORDAR DI ME’” CHE SI SVOLGE VENERDI’ 17 MARZO ED E’ DEDICATA QUEST’ANNO ALLA RIGENERAZIONE DEGLI SPAZI SCOLASTICI PER UNA MIGLIORE VIVIBILITA’.

Terracina, 15 marzo  2017                                                                                  

Comunicato Stampa n.35

Il Circolo Legambiente di Terracina continua nel suo impegno nella rigenerazione urbana e dopo la importante iniziativa al Parco del Montuno con i volontari “rigeneratori” che hanno riportato in vita, con giornate di pulizia e ripristino e con un ampio progetto di rigenerazione, il Parco chiuso da un decennio, organizza una giornata di mobilitazione collettiva presso la Scuola G. Manzi per l’attuazione di un programma partecipato di rigenerazione degli spazi scolastici con dirigenti, insegnanti, personale amministrativo, famiglie, bambini e ragazzi, cittadini denominato “La Scuola che Vogliamo”.  

Una giornata nazionale di mobilitazione collettiva per rendere più belle ed accoglienti le scuole con iniziative pratiche, ma anche un’occasione per far presente in modo argomentato e costruttivo alle istituzioni le carenze e i problemi degli edifici scolastici. Sono questi gli “ingredienti” vincenti di Nontiscordardimé, Operazione Scuole pulite, la giornata nazionale di volontariato ambientale, organizzata da Legambiente e rivolta a tutte le scuole di ogni ordine e grado, per promuovere la qualità e la vivibilità degli edifici scolastici. Una iniziativa che da diciannove anni ormai coinvolge migliaia di classi, decine di migliaia di studenti e insegnanti, migliaia di Circoli Legambiente territoriali e tanti volontari tra genitori, insegnanti, cittadini. Tema di questa edizione 2017 è quello della rigenerazione degli spazi scolastici interni ed esterni con l’adozione di una innovativa metodologia di rigenerazione che porterà alla definizione di un progetto partecipato denominato “La Scuola che Vogliamo” e sarà importante pubblicare foto sui social network con i dati della classe, il nome della scuola, la località utilizzando gli hashtag #nontiscordadimé17 e #scuolesicuresicurofuturo, dedicati alla campagna. Le foto più belle saranno condivise sul profilo facebook di Legambiente Scuola Formazione.

L’importante appuntamento sarà anche a Terracina Venerdì 17 marzo presso il plesso scolastico G. Manzi (dell’Istituto Don Milani) in Via Zicchieri dalle ore 9.30 alle ore 12.30 con l’intervento di volontari “rigeneratori” del Circolo Legambiente di Terracina che guideranno nella applicazione della metodologia di rigenerazione e aiuteranno a migliorare l’ambiente interno ed esterno del Plesso. Legambiente da più di dieci anni con l’indagine sulla qualità dell’edilizia scolastica, il dossier Ecosistema Scuola, e con la campagna Nontiscordardimè-Operazione scuole pulite, si rivolge agli enti locali e al mondo della scuola per sollecitare una maggiore cura degli edifici scolastici, per gli importanti valori impliciti ed espliciti che esprimono per le nostre comunità. La Giornata sarà anche l’occasione per presentare i Percorsi Didattici ed Educativi di Legambiente Scuola e Formazione “Scuole Amiche del Clima-Buone Pratiche per una scuola più smart” e “Ricominciamo dalla A Agricoltura, Ambiente, Alimentazione” con esempi e racconti a cura dei Volontari, percorsi creati con l’obiettivo importante di contribuire a formare cittadini capaci di costruire nuova bellezza. I Volontari di Legambiente piantumeranno insieme ai bambini e ai ragazzi nuovi alberi da frutta in giardino e piantine nell’Orto Didattico. Verrà anche predisposto un banchetto per la raccolta firme per la Campagna Europea #salvailsuolo e saranno effettuate attività ludiche per sensibilizzare i bambini e le famiglie sul tema importante della difesa del suolo che è un bene essenziale alla vita come l’acqua e come l’aria, ma che oggi è violentato, contaminato, avvelenato e in Europa non esiste ancora una legge comune che lo difenda.

LOCANDINA NON TI SCORDAR DI ME'

La Campagna di Legambiente coordinata, per L’Istituto Comprensivo Don Milani dalla Prof. Catia Mosa e per il Plesso G. Manzi dalla Prof. Gilberta Coniguardi rappresenta l’inizio di un importante e innovativo percorso di collaborazione che Legambiente Scuola e Formazione e il Circolo locale hanno deciso di intraprendere con l’Istituto Don Milani e che verrà annunciato a breve.

UN ALBUM FOTOGRATICO DELLA GIORNATA ALLA SCUOLA G. MANZI

Non ti scordar di me – operazione scuole pulite

Posted by Circolo Legambiente Terracina – Pisco Montano on Friday, March 17, 2017

Campagna Nontiscordardime

Nontiscordardimé – Operazione scuole pulite- 17 e 18 marzo 2017 Giornata nazionale di volontariato dedicata alla qualità e alla vivibilità degli edifici scolastici

 

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.