APPROVATA LA LEGGE PER LA RIGENERAZIONE URBANA E IL RECUPERO EDILIZIO NEL LAZIO. IL CIRCOLO LEGAMBIENTE DI TERRACINA, CHE AVEVA GIA’ ISTITUITO UN ANNO FA A TERRACINA IL PRIMO LABORATORIO DI RIGENERAZIONE URBANA DEL LAZIO, E’ IN PRIMA LINEA PER L’ATTUAZIONE VIRTUOSA DELLA LEGGE NEI COMUNI DELLA RIVIERA DI ULISSE. IL LABORATORIO, ISPIRANDOSI ALLA NUOVA LEGGE, DEFINISCE I CRITERI DI INTERVENTO ORGANICI PER LA ZONA PORTUALE E L’AREA DEL MOLO DI TERRACINA.

Comunicato Stampa n.50                                                                     15.7.2017

Lo scorso 11 Luglio è stata finalmente approvata dal Consiglio Regionale del Lazio la legge n.365 per la rigenerazione urbana e il recupero edilizio. La legge, dopo la scadenza del piano casa il primo giugno scorso, è partita da un’iniziativa presentata dall’Assessore Michele Civita con l’obiettivo di superare le norme transitorie e derogatorie contenute nel piano casa con nuove disposizioni legislative ordinarie. Tra le misure previste, premialità con incremento di volumi o superfici (si arriva, in alcuni casi, fino al 40 per cento), ma anche delocalizzazioni e cambi di destinazione d’uso. La legge disciplina i programmi di rigenerazione urbana, gli “ambiti territoriali di riqualificazione e recupero edilizio”, gli interventi per il miglioramento sismico e l’efficienza energetica, nonché i cosiddetti interventi “diretti”, ma anche norme per il “riordino funzionale” degli stabilimenti balneari, tanto marittimi che lacuali, nel rispetto della disciplina paesistica e ambientale. Ai Comuni è affidato poi un ruolo centrale nella scelta e nella valutazione degli interventi.

“Un provvedimento che finalmente restituisce protagonismo ai Comuni e alle realtà territoriali con l’intento di rilanciare il settore edilizio, senza ulteriore consumo di suolo e crescita incontrollata della città, tenendo conto dell’interesse pubblico e del rischio sismico, idrogeologico, dei cambiamenti climatici, per rendere le città resilienti e vivibili” commenta Cristiana Avenali, Consigliere regionale promotrice di molti degli emendamenti alla legge proposti ed approvati, recependo le proposte delle associazioni ambientaliste (Legambiente in primis), degli ordini professionali e del mondo universitario, con l’obiettivo di migliorare la legge.

img116

Il Circolo Legambiente Terracina, già a settembre 2016, istituiva il primo Laboratorio di Rigenerazione Urbana Sostenibile, in collaborazione con Legambiente Lazio e il circolo tematico nazionale Legambiente “Città invisibili” dedicato alla rigenerazione urbana. Il Laboratorio si era subito fatto promotore di una proposta all’Amministrazione Comunale di Terracina per uno studio di un progetto pilota finalizzato alla redazione di un Piano Integrato di rigenerazione urbana del Territorio Costiero del Levante di Terracina, comprendente il sito dell’”Ex-depuratore di Via delle Cave” e l’”Area archeologico-naturalistica di Pisco Montano connessa alla valorizzazione del Parco Archeologico Nazionale dell’Appia Antica nella sua variante costiera (detta Traianea)” ma anche il “Parco del Montuno”, “il Mercato della Marina”, l’”Anello Ciclopedonale di Levante”, la “Valorizzazione della Sorgente Acqua Magnesia” e tutta l’”Area Portuale” e la redazione di linee guida per la rigenerazione urbana, identificando interventi-tipo e individuando criteri standard di sviluppo e gestione sostenibile da replicare anche in altre aree. Il Laboratorio aveva poi portato a termine il progetto di rigenerazione urbana del Parco del Montuno, presentato in Conferenza Stampa già a fine settembre, e una idea progettuale di rigenerazione dell’antico Mercato della Marina anch’esso presentato nel corso di una Assemblea Pubblica a gennaio scorso, e dall’inizio dell’anno, insieme a Legambiente Lazio e al Circolo tematico “Città Invisibili”, ha seguito in modo costante tutto l’iter della legge, comprensivo di tutti gli emendamenti, soprattutto quelli in linea con le esperienze territoriali del Circolo, colloquiando con le strutture regionali.

“Abbiamo creduto fin dall’inizio in questo approccio, creando già un anno fa, a Terracina, da veri innovatori e anticipando di quasi un anno la legge, il primo Laboratorio di rigenerazione urbana sostenibile del Lazio e applicandolo a progetti importanti (i cosiddetti interventi-tipo) quali quello del Parco del Montuno e del  Mercato della Marina, ma anche quello di valorizzazione della Sorgente dell’Acqua Magnesia, connesso al nostro progetto di Balneabilità della Costa di levante e di Potabilità delle acque sorgive costiere, recentemente menzionato anche nel corso della nostra Tappa di Terra di Goletta Verde 2017. Il Circolo, con il suo Laboratorio, da mesi sta lavorando per elaborare una visione organica di sviluppo territoriale ispirata alla novità della rigenerazione urbana e oggi, con la legge ormai approvata, saremo in prima linea nella applicazione di metodi e criteri connessi, con tutte le Amministrazioni e gli Enti locali più sensibili e i Parchi nazionali e Regionali della provincia, non sottovalutando mai che le aree e gli interventi di rigenerazione urbana costituiscono priorità per l’attribuzione dei fondi strutturali europei e dei fondi nazionali a sostegno delle attività di riqualificazione e rigenerazione urbana, economica e sociale, come dimostrato dalla recente approvazione del progetto “Latina anche città di mare – Volano di riqualificazione urbana” fortemente voluto dagli assessori al Governo del Territorio e alla Programmazione Europea, Gianfranco Buttarelli e Cristina Leggio della Giunta Coletta, per cui è stato chiesto ed ottenuto il massimo del finanziamento previsto per i comuni capoluogo di provincia, ovvero ben 18 milioni di euro” dichiara Anna Giannetti Presidente del Circolo Legambiente di Terracina.

porto

Foto by Andrea Longo

“Pur non essendo la legge approvata, la legge “perfetta” sulla rigenerazione urbana, oggi abbiamo finalmente uno strumento legislativo regionale che consente di attuare progetti integrati e una progettazione partecipata del territorio pensata specificamente per la rigenerazione di aree abbandonate o degradate come, ad esempio, la “Zona portuale e l’area del molo di Terracina” contemperando gli interessi di tutti, pubblici privati e forze sociali, avendo la possibilità concreta anche di accedere a fonti di finanziamento strutturali europei. Certo che, al di là di quelle che sono le destinazioni d’uso attuali o future ipotizzate per l’area e le loro motivazioni, dobbiamo avere prima ben chiari quelli che sono i criteri ispiratori della progettazione e cioè quello di accrescere la sostenibilità ambientale delle opere e degli interventi, incrementando il verde ma anche utilizzando materiali biocompatibili e processi costruttivi ispirati a strumenti di certificazione accreditati (es. il protocollo Itaca); diminuire o azzerare il consumo di suolo, con strutture più dense che limitino le superfici non permeabili, evitando l’uso di distese di asfalto o cemento per realizzare strutture (es. parcheggi) utilizzati magari solo due o tre mesi l’anno; predisporre il potenziamento dei servizi perchè spesso la progettazione si concentra solo sul tema infrastrutturale trascurando il tema fondamentale dei servizi, che invece andrebbero pensati e progettati al pari delle infrastrutture (e parliamo non solo di quelli specifici legati alla funzione dell’area portuale ma anche dei servizi di base come quelli igienici, l’illuminazione e i servizi informativi assolutamente inesistenti o carenti nell’area). Inoltre, aspetto critico fondamentale, dobbiamo garantire una mobilità intermodale sostenibile (una zona portuale è per sua natura uno snodo (hub) intermodale), considerando i vincoli posti dalla viabilità attuale nella realizzazione delle opere e nella predisposizione dei servizi e sicuramente da questo punto di vista la sponda destra del Canale di Navigazione è l’area più penalizzata, ma soprattutto la zona andrebbe gestita come nodo centrale all’interno della rete dei trasporti locale (per facilitare la connessione con le altre zone della città ma anche con i paesi vicini) e con collegamenti veloci (navette elettriche) con l’unico reale snodo (hub) alla rete ferroviaria nazionale (la stazione di Monte S. Biagio, peraltro a breve opportunamente ridenominata Terracina-Mare), su cui è allo studio, da parte dei Circoli Legambiente attivi del Sud Pontino e di Legambiente Lazio, una proposta complessiva di riorganizzazione del trasporto pubblico-privato locale (bici, auto, treno, traghetti per le isole) che possa favorire nuove politiche di espansione turistica e che possa garantire la vivibilità della tratta per il pendolarismo e che possa essere più vicino alle moderne istanze di multimodalità ed ecocompatibilità. La zona portuale deve inoltre diventare anche il punto di partenza e terminale di quella che è la rete di piste ciclopedonali per la mobilità dolce e dei servizi di car e bike sharing associati” dichiara l’ing. Gabriele Subiaco Vicepresidente e responsabile del Laboratorio di Rigenerazione urbana sostenibile di Legambiente, annunciando a breve una conferenza di presentazione della Legge regionale anche a Terracina.

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

 

 

IL CIRCOLO PROPONE TERRACINA NEI COMUNI RINNOVABILI 2017

Terracina, 31/10/2016
IL CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA “PISCO MONTANO” PROMUOVE LA PARTECIPAZIONE DEL COMUNE DI TERRACINA A COMUNI RINNOVABILI 2017, IL RAPPORTO DI LEGAMBIENTE SULLE ENERGIE RINNOVABILI ARRIVATO ALLA DODICESIMA EDIZIONE. UN PASSO IMPORTANTE PER AVVIARE UNA NUOVA POLITICA ENERGETICA DELLA CITTA’.
Nei giorni scorsi, come già preannunciato in occasione dell’incontro cittadino del 1 Aprile sulla transizione verso un nuovo modello energetico, il Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” ha inviato formalmente al Sindaco di Terracina, all’Assessore all’Ambiente e agli Uffici Tecnici competenti una lettera di invito a partecipare alla campagna di Legambiente Comuni Rinnovabili, il rapporto che fornisce la mappatura delle fonti rinnovabili e dell’innovazione energetica nei Comuni italiani arrivato alla sua dodicesima edizione.

copertina-comuni-rinnovabili

Con la lettera, a firma della Presidente nazionale di Legambiente Rossella Muroni, si invita il Comune di Terracina a partecipare alla nuova edizione di Comuni Rinnovabili e ad aderire al Manifesto per l’autoproduzione da fonti rinnovabili, compilando entro il 31 dicembre 2016 il questionario allegato alla lettera stessa e raccontando quanto di buono accade nel nostro territorio relativamente alle Fonti Energetiche Rinnovabili (FER). Le migliori realtà nazionali, oltre ad essere premiate, verranno raccontate sulla Mappa delle Buone Pratiche attraverso un viaggio virtuale fatto di storie e reportage fotografici e/o video, il tutto geo-localizzato in mappe online costruite in collaborazione con ESRI Italia e Teamdev.

LEGAMBIENTE, negli ultimi undici anni, ha studiato e monitorato meticolosamente la diffusione delle fonti energetiche rinnovabili nei territori comunali, raccontando le migliori esperienze in fatto di politiche e sviluppo delle tecnologie pulite, sia nel settore pubblico che in quello privato, premiando le realtà più avanzate.
In questi anni il Rapporto Comuni Rinnovabili ha raccontato puntualmente l’evolversi della situazione delle energie rinnovabili in Italia, fino ad arrivare ad una diffusione di oltre 850mila impianti da fonti rinnovabili in tutto il Paese, con 39 Comuni “100% rinnovabili” ovvero dove le energie pulite soddisfano tutti i consumi e riducono le bollette di cittadini e imprese e oltre il 38% di copertura del fabbisogno energetico elettrico nazionale. Questo racconto è stato reso possibile anche grazie alla partecipazione attiva delle Amministrazioni Comunali che in questi anni hanno condiviso dati e progetti, permettendo ogni anno a Legambiente, attraverso il Rapporto, di raccontare l’innovazione dal basso che ha cambiato la storia dell’energia in Italia.

“Ci auguriamo che il Comune di Terracina aderisca convintamente a questo invito che costituisce uno stimolo importante di innovazione ed il primo passo di un percorso oramai ineludibile, che attraverso la definizione di un Piano Energetico della Città, l’adesione al nuovo Patto dei Sindaci, la redazione di un Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile ed il Clima (PAESC), porti rapidamente all’attuazione concreta nella nostra Città di una moderna politica energetica e di contenimento delle emissioni climalteranti, i cui risvolti sociali ed economici sono sempre più evidenti, basata sulle fonti rinnovabili, l’efficienza ed il risparmio, magari iniziando, come buon esempio, proprio dalla riqualificazione energetica degli edifici e del parco auto di proprietà dell’Amministrazione Comunale” dichiara l’ing. Gabriele Subiaco Vicepresidente e Responsabile Scientifico del Circolo Legambiente di Terracina- “e il Circolo è pronto a supportare, con le proprie competenze, l’Amministrazione Comunale per l’adesione all’iniziativa”.

file-incontro-transizione-energetica

Già in occasione dell’Incontro Cittadino sulla Transizione Energetica del 1 aprile scorso presso Villa Tomassini con la partecipazione del Responsabile Nazionale Clima ed Energia di Legambiente Katiuscia Eroe, alla presenza di una folta rappresentanza di cittadini, di associazioni e di forze politiche, il Circolo Legambiente aveva delineato chiaramente le linee strategiche prioritarie che la Città deve perseguire per raggiungere l’obiettivo della sostenibilità energetica e la mitigazione dei rischi derivanti dai cambiamenti climatici, promuovendo in tutti i settori la produzione da fonti rinnovabili (fotovoltaico, termico, biomasse, biometano), l’efficienza energetica e l’autoproduzione, l’autoconsumo e la liberalizzazione dello scambio dell’energia prodotta sul posto; incentivando la riqualificazione energetica degli edifici di intere zone e quartieri della città; mettendo in sicurezza le aree a rischio di alluvione e di dissesto idrogeologico; pianificando uno sviluppo urbanistico della città energeticamente sostenibile; promuovendo l’economia circolare e la green economy per aiutare le imprese giovani e per creare nuovi posti di lavoro; modernizzando la governance della città (un’amministrazione comunale energeticamente sostenibile e digitalizzata); aumentando la consapevolezza della cittadinanza (e in particolare delle scuole e dei giovani) sul tema della sostenibilità energetica, dei cambiamenti climatici e sulle buone pratiche di risparmio energetico; riducendo le emissioni di CO2 (in particolare in agricoltura) e compensando la CO2 con nuova vegetazione urbana come faremo, ad esempio, nella prossima giornata del 20 Novembre per la campagna nazionale di Legambiente “Festa dell’Albero”.

Arrivato alla sua dodicesima edizione, il Rapporto Comuni Rinnovabili 2017 si pone nuovi e importanti obiettivi, da una parte continuando a raccontare attraverso il sito http://www.comunirinnovabili.it le migliori esperienze italiane ed europee in fatto di innovazione e sviluppo delle fonti rinnovabili che hanno portato già molti comuni alla produzione del 100% del loro fabbisogno e dall’altra continuando a monitorare lo sviluppo e la crescita delle fonti rinnovabili e raccontando il loro ruolo nel bilancio energetico nazionale, ma anche di aziende e famiglie.

La presentazione del Rapporto Comuni Rinnovabili 2017 avverrà in un convegno che si terrà a Roma a maggio 2017.