IN OCCASIONE DELLA CHIUSURA DELLA FESTA DELL’ALBERO 2018 SVOLTA AL PARCO DEL MONTUNO, CON IC MONTESSORI – SCUOLA SOSTENIBILE LEGAMBIENTE TERRACINA E I GRUPPI SCOUT AGESCI E MASCI IN RICORDO DI NUNZIO CERVONI, IL CIRCOLO LEGAMBIENTE ANTICIPA I DATI ECOSISTEMA URBANO 2018 PER IL VERDE URBANO DI TERRACINA, RIBADISCE LA PROPRIA VOLONTA’ DI SUPPORTARE L’AMMINISTRAZIONE PER VELOCIZZARE LA RIAPERTURA AL PUBBLICO DEL PARCO DEL MONTUNO E LA PROPRIA PROPOSTA “MOSAICO VERDE”, INOLTRATA ALLA AMMINISTRAZIONE COMUNALE ORMAI PIU’ DI 15 GIORNI FA, PER IL RIMBOSCHIMENTO SISTEMATICO E LA PIANIFICAZIONE CLIMATICA DELLA CITTA’.

Terracina, 6 dicembre 2018                    Comunicato Stampa n. 120

Il Circolo Legambiente ha concluso domenica la Festa dell’Albero 2018 dedicata alla promozione dell’importanza del verde per contrastare le emissioni di CO2, l’inquinamento dell’aria, prevenire il rischio idrogeologico e la perdita di biodiversità, una festa purtroppo triste a causa del recente disastro climatico del 29 ottobre che è costato la vita, proprio a causa della caduta di un albero, al concittadino Nunzio Cervoni. La Festa si è svolta nelle giornate del 21 novembre e del 2 dicembre presso il Parco del Montuno, riaperto per l’occasione grazie all’intervento delle squadre comunali e la spinta del Circolo, insieme alla Scuola Sostenibile Legambiente IC M. Montessori, con animazioni didattiche e lezioni all’aperto sul ruolo degli alberi nel contrasto e nella mitigazione del rischio dei cambiamenti climatici, con la costruzione dell’”Albero dei Valori” e la partecipazione al concorso fotografico “L’Albero dei Valori” e con i Gruppi Scout Agesci e Masci, con costruzioni di aiuole e apposizioni di targhe sugli alberi dedicati al giudice Giovanni Falcone e al compianto Prof. Emilio Selvaggi.

Il Circolo coglie l’occasione per fare il punto della situazione sul verde urbano della Città e sugli strumenti di programmazione e di gestione disponibili e ribadisce, da una parte, la necessita’ di velocizzare il ripristino del Parco del Montuno per ottenere la sua riapertura al pubblico entro la fine dell’anno e per ribadire la recente proposta del Circolo, a cura di  Legambiente-AzzeroCO2, denominata “Mosaico Verde”, che farebbe entrare anche Terracina tra il novero dei comuni nazionali che oltre a rimboschire gratuitamente prendono a cuore i metodi e le tecniche di prevenzione del rischio climatico. Il Circolo ha infatti recentemente inviato alla Amministrazione Comunale di Terracina la proposta di adesione a Mosaico Verde, una importante iniziativa nata con il patrocinio di Legambiente, Kyoto Club, FSC Italia, Università della Tuscia, Università di Padova, Associazione Forestale di Pianura, Città Metropolitana di Torino, e CREA, che prevede la possibilità per i Comuni italiani di essere supportati per la mitigazione del rischio climatico e beneficiare di un intervento gratuito di riqualificazione urbana attraverso la messa a dimora di specie arboree autoctone in aree degradate, devastate da fenomeni climatici o idonee a contenere gli effetti locali dei cambiamenti climatici, attraverso un investimento sostenuto interamente da Aziende che decidono di destinare parte dei loro utili in azioni di responsabilità sociale e ambientale e prevede di piantare oltre 300.000 alberi e tutelare 30.000 ettari di boschi nei prossimi tre anni in tutta Italia. A soli sei mesi dal lancio della campagna, sono già oltre 63.000 gli alberi piantati grazie all’impegno di aziende lungimiranti come E.ON Italia, Ikea Italia, Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, Gruppo Barilla e Ascotrade.

“I gruppi Scout AGESCI e MASCI di Terracina, con cui abbiamo sottoscritto un importante patto civico in occasione della campagna nazionale “Puliamo il Mondo 2018” presso il Parco, e le Scuole Sostenibili IC Milani e IC M. Montessori, con le quali abbiamo già concordato un calendario di iniziative di didattica ambientale al Parco, sono al nostro fianco per spingere alla riapertura prossima del Parco, in modo da non far rimpiombare il Parco del Montuno, appena riaperto il 25 aprile, nella dimenticanza e nella trascuratezza. Abbiamo fortemente voluto questa Festa dell’Albero al Parco e chiediamo, da Associazione in Convenzione, la massima attenzione e vigilanza dell’Amministrazione per non far ripiombare il Parco nella dimenticanza.  Per questa ragione i Volontari del Circolo saranno presenti al Parco, insieme agli Scout, per supportare quanto e come possibile, in sicurezza e completamente assicurati, il lavoro delle squadre comunali e della ditta di manutenzione VerdeIdea fino al completo smaltimento di tutti gli inerti di lamiera, peraltro tutti perimetrati e segnalati, e delle alberature cadute, a causa del recente disastro climatico”- dichiara Anna Giannetti, Presidente del Circolo.

In previsione della prossima presentazione dell’ECOSISTEMA URBANO TERRACINA 2018, si anticipano qui gli indicatori sull’Ambiente Urbano: il verde urbano disponibile, il verde urbano fruibile, la presenza di alberi in città, gli orti urbani e gli orti sociali, gli strumenti di pianificazione e di gestione del verde urbano. Tali indicatori, elaborati sulla base di dati ufficiali e pubblici, sono stati confrontati con il Valore di Riferimento, ottenuto facendo la media dei valori dei capoluoghi di provincia con meno di 80.000 abitanti  – le cosiddette Piccole Città- , valori pubblicati all’interno del Rapporto Ecosistema Urbano 2018 di Legambiente, che Legambiente, assieme al Il Sole 24 Ore e ad Ambiente Italia, ogni anno pubblica per i capoluoghi di provincia italiani, recentemente presentato con grande successo di pubblico e alla presenza di molte Amministrazioni della Penisola.

L’indicatore relativo al Verde Urbano Disponibile che misura la percentuale di verde pubblico sulla superficie comunale consente di stimare il patrimonio di aree verdi pubbliche presenti sul territorio comunale e destinate principalmente alla fruizione ludico-ricreativa dei cittadini. La percentuale di verde pubblico rispetto alla superficie comunale (0,16%) risulta molto inferiore alla media delle Piccole Città (4,38%) con le migliori (per lo più città del nord) che si collocano oltre il 10% (11,36%).

L’indicatore relativo al Verde Urbano Fruibile (4,7 metriquadri/abitante) risulta molto inferiore sia alla media delle Piccole Città (45 metriquadri/abitante) che anche a quanto stabilito dall’ Art. 17 della legge 765 che individua in almeno in 9 metri quadri/abitante gli spazi pubblici attrezzati a parco e per il gioco e lo sport e effettivamente utilizzabili per tali impianti. La situazione, anche se leggermente migliorata con l’apertura del Parco del Montuno, resta molto deficitaria anche alla luce dell’incremento di popolazione che la città subisce durante la stagione estiva, ma potrebbe essere sicuramente migliorata progettando nuovi spazi verdi attrezzati in città ma soprattutto nelle frazioni extra urbane come Borgo Hermada e la Fiora piu’ penalizzate da questo punto di vista alla luce dell’incremento di popolazione (soprattutto a Borgo Hermada) avvenuto negli ultimi anni.

Il Numero di Alberi presenti all’interno di aree di proprietà pubblica (11 alberi/100 abitanti) risulta ancora inferiore alla media delle Piccole Città (15 alberi/100 abitanti). La legge nazionale 10/2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani” riconosce l’importante ruolo che il verde, e gli alberi in particolar modo, rivestono nel controllo delle emissioni, nella protezione del suolo, nel miglioramento della qualità dell’aria, del microclima e della vivibilità delle città. La stessa legge stabilisce tra l’altro l’obbligo di piantare un albero per ogni nuovo nato e di istituire il Catasto comunale degli alberi.

Inoltre, secondo un’analisi della Coldiretti, sulla base di dati Istat, nel 2017 nelle città italiane sono saliti ad oltre 4 milioni i metri quadrati utilizzati ad Orto Pubblico. A Terracina, su questo fronte, è stato positivamente approvato nel 2015 il Regolamento per l’assegnazione e la gestione degli orti urbani e periurbani e sono state individuate le aree da destinare a tale scopo (oltre 4000 mq di superficie di verde pubblico destinata ad orti urbani per 2553 mq e ad orti sociali per 1469 mq tutti nella zona del quartiere “Calcatore”), ed è  stato emanato un avviso pubblico per la partecipazione all’assegnazione delle aree ed è stata pubblicata la graduatoria, occorreva solo completare quanto previsto e disposto dal Regolamento al fine di consegnare le aree agli aventi diritto, ma questo ancora non è avvenuto. La media delle Piccole Città è pari allo 0,027%, il che significa che se stessimo nella media delle Piccole Città, a Terracina dovrebbero essere dedicati a orti urbani oltre 3,6 ettari (36.000 metriquadri).

La Percentuale di superficie (boscata e non boscata) bruciata 2012-2017 risulta pari allo 4,24% con un totale di 578 ettari bruciati. La media nazionale è dello 1,49%. Il Trentino è la regione migliore con lo 0,01%, la Sicilia la peggiore con il 5,71%. Il Lazio è al 1,91%, la provincia di Latina al 7,04% (tra le peggiori d’Italia). C’è da dire inoltre che il 2017 è stato un anno orribile per gli incendi in Italia (134.827 ettari dal 1 Gennaio al 11 settembre 2017). Nel 2017, solo a Terracina sono andati in fumo 236 ha cioè il 70% di quello che era stato bruciato complessivamente nei 6 anni precedenti.

Auspichiamo anche che siano presto adottati gli strumenti di Pianificazione e di Gestione del verde come il Piano del Verde, il Regolamento del Verde Urbano, il Censimento del verde urbano, la Carta del verde urbano, fondamentali per integrare i servizi ambientali delle aree verdi e degli spazi aperti urbani nella pianificazione urbanistica locale che deve orientarsi sempre di più ad un approccio ecosistemico, come è stato suggerito, già nel 2009, dall’ISPRA con il documento “ Gestione Ecosistemica delle Aree Verdi Urbane: Analisi e Proposte”.

“Purtroppo constatiamo che è passato già un anno dalla prima presentazione degli indicatori sul Verde Urbano di Terracina, che sono veramente molto critici per una città con ambizioni turistiche, e questo immobilismo non ci conforta. E’ pur vero però che quest’anno si è assistito alla riapertura del Parco del Montuno, dopo una lotta di anni del nostro Circolo ma sicuramente anche per volontà dell’Amministrazione e questa è sicuramente una “best practice” per quanto riguarda il verde urbano cittadino. La nostra proposta “Mosaico Verde” https://www.mosaicoverde.it/ per la rigenerazione del verde cittadino, con la richiesta inviata ufficialmente alla Amministrazione, rappresenta ancora un passo avanti nella soluzione del problema del verde urbano con una piantumazione intelligente e selettiva tutta a carico di importanti aziende finanziatrici che potranno, grazie a Legambiente, “adottare” Terracina e contribuire a farla rinascere sempre più bella. E sarebbe veramente un peccato non sfruttare questa opportunità. Restiamo quindi in attesa della convocazione dell’incontro da noi richiesto, anche alla presenza di referenti nazionali di Legambiente e AzzeroCO2.” dichiara Gabriele Subiaco Responsabile Scientifico e Vicepresidente del Circolo.

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

 

http://www.anxurtime.it/scuole-giovani-proposta-del-mosaico-verde/

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-festa-dellalbero-in-memoria-di-nunzio/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/2137/il-circolo-legambiente-anticipa-i-dati-ecosistema-urbano-2018-in-occasione-della-chiusura-della-festa-dellalbero-2018

http://www.latinatoday.it/green/mosaico-verde-proposta-legambiente-terracina.html?fbclid=IwAR1VljukNOFU-j8y0X_dnblVL2RPZ-pRBlsUqlb2Xo8WKNlg61n6qqwCBdo

Latina Oggi 7.12.2018

Latina Oggi del 9 dicembre proposta Mosaico Verde

Annunci

SUCCESSO DI PARTECIPAZIONE PER LA QUARTA EDIZIONE A TERRACINA DI “PULIAMO IL MONDO”, ORGANIZZATO DAL Circolo Legambiente di Terracina AL PARCO DEL MONTUNO NELLE GIORNATE DEL 28, 29, 30 SETTEMBRE. MOLTE LE ATTIVITA’ SVOLTE DALLA SCUOLA SOSTENIBILE LEGAMBIENTE IC MILANI, DAI GRUPPI SCOUT AGESCI E MASCI DI TERRACINA E DALLA COMUNITA’ INDIANA DEL LAZIO E DAI VOLONTARI E TECNICI DI ACQUALATINA. CONSEGNATE LE TARGHE DI RINGRAZIAMENTO DA PARTE DEL CIRCOLO A TUTTI I PARTECIPANTI A TESTIMONIANZA DEI PATTI CIVICI TRA LE ASSOCIAZIONI PER LA TUTELA, SVILUPPO E VALORIZZAZIONE DEL PARCO, PATTO CIVICO CHE IL CIRCOLO VUOLE ESTENDERE A TUTTI I FUTURI UTILIZZATORI DEL PARCO. ANNUNCIATA LA PROSSIMA USCITA NAZIONALE DEI DATI DI PIM LITTER 2018 SUL MONITORAGGIO E LA CATEGORIZZAZIONE DEI RIFIUTI AL PARCO CON LA CLASSIFICA NAZIONALE E L’’INIZIATIVA DI RACCOLTA FONDI ON-LINE PER LA COSTRUZIONE DEL CEA LEGAMBIENTE “LA COLLINETTA” SULLA PIATTAFORMA DI CROWDFUNDING NAZIONALE BUONACAUSA.ORG.

Comunicato stampa n.112                                                   2. 10.2018

La quarta edizione a Terracina della campagna internazionale Clean Up the World- Puliamo il Mondo – il più grande evento mondiale di volontariato ambientale-  si è svolto presso il Parco del Montuno, nei giorni 28,29,30 settembre scorso. Nel 2017, 4 mila aree del Paese sono state pulite da 600 mila volontari. Quest’anno “Puliamo il mondo dai pregiudizi” ha visto la partecipazione di 33 associazioni cattoliche e laiche, i gruppi scout, le associazioni che si occupano di migranti, comunità straniere, richiedenti asilo politico, ma anche di detenuti, disabilità, salute mentale, discriminazione basata sull’orientamento sessuale. Terracina, con il suo Puliamo il Mondo, ha centrato in modo davvero speciale il tema della campagna nazionale.

Il primo giorno, le classi della Scuola dell’Infanzia e Primaria e Secondaria dell’IC Milani di Terracina, Scuola Sostenibile di Terracina, accompagnate dalle Maestre Catia Mosa, Gilberta Coniguardi e dalla Prof.ssa Cristiana Colletti, hanno reso festoso il Parco e si è quindi lanciato, per l’anno scolastico 2018-2019, il programma didattico “La Scuola nel Parco il Parco nella Scuola” con ecoanimazioni e lezioni in natura per il riconoscimento delle specie arboree, con il rito dell’abbraccio all’albero, già sperimentato nella scorsa edizione della Festa dell’Albero e con piantumazioni e semine nella Aiuola all’ingresso. Sono state poi condotte, a cura degli educatori ambientali del Circolo, delle lezioni in natura sul ruolo degli alberi nella mitigazione del rischio climatico e sul sistema ad impatto zero delle piante e degli alberi. E’ stata poi consegnata una Targa di Ringraziamento per la partecipazione a Puliamo il Mondo, da parte del Circolo e di Legambiente tutta, un ringraziamento che nel caso della scuola deve essere esteso anche all’impegno profuso negli ultimi due anni per il sostegno al Circolo nella sua azione civica per la riapertura del Parco.

Acqualatina SpA ha aderito in modo ufficiale alla campagna di Legambiente, sottoscrivendo il Kit del Volontario, e con suoi volontari e tecnici ha partecipato direttamente alle attività, con particolare riferimento alla verifica, analisi e ripristino del sistema idrico del Parco. E’ stata poi consegnata, nelle mani dell’Ing. Giorgio Stagnaro, Direttore Operativo di Acqualatina SpA, e alla presenza del funzionario tecnico di Acqualatina Antonio Raponi, la Targa di Ringraziamento da parte del Circolo e di Legambiente per l’adesione a Puliamo il Mondo annunciando anche la firma di un prossimo protocollo di intesa tra Acqualatina SpA e il Circolo per il supporto alla costituzione del Centro di Educazione Ambientale presso il Parco e alla definizione dei percorsi di uso consapevole, risparmio e riuso della preziosa risorsa idrica.

Il secondo giorno i Gruppi Scout AGESCI Terracina 1,3 e MASCI sono arrivati al Parco accompagnati anche dai genitori, oltre che dai capi Scout Lilly Capasso e Roberto Di Sauro, e hanno contribuito insieme ai volontari del Circolo alla ricostruzione di una intera piazzetta di mattoncini rossi, quasi completamente vandalizzata, con l’intento di recuperare un angolo molto bello e silenzioso del Parco, immerso in un bosco di robinie e di acacie, come atto di testimonianza per il contrasto del vandalismo che purtroppo affligge il Parco.  I lupetti hanno poi piantumato nuove piantine di margherite e ciclamini nelle aiuole all’ingresso. Si è poi presentata in conferenza stampa la campagna PIM Litter 2018, a cui il Circolo ha partecipato, per il monitoraggio dei rifiuti e che ha visto circa 100 parchi urbani di media grandezza in tutta italia. I dati finali e la classifica verrà presto pubblicata sulla stampa nazionale. E’ stata presentata poi l’azione del Circolo di raccolta fondi dal basso per la costruzione del Centro di Educazione Ambientale Legambiente “La Collinetta” sulla piattaforma di crowdfunding BUONA CAUSA.ORG https://buonacausa.org/cause/costruzione-del-cea-legambiente-la-collinetta   – sulla quale sarà facile donare anche piccoli importi in modo da poter acquistare i materiali di base per costruire finalmente una casetta ecologica, acquistare arredi e giochi eco-sostenibili e attivare da subito i percorsi ecologici nel Parco (acqua, suolo, aria, energia, rifiuti), già definiti nel progetto del CEA, a beneficio delle Istituzioni, dei cittadini e residenti del Quartiere, delle Comunità ed Etnie diverse, delle Scuole, degli Scout, e di tutte le Associazioni che vorranno poi fruirne. Il Circolo ha poi donato, a nome di Legambiente tutta, una Targa di ringraziamento ai Gruppi Scout per la loro adesione attiva a Puliamo il Mondo ribadendo un patto civico di cura, tutela, difesa del Parco, un vero gioiello cittadino, da tutti gli attacchi di vandalizzazione, di sfruttamento improprio o di cattivo uso. All’arrivo del Sindaco Nicola Procaccini per i saluti è stata poi scoperta la targa di dedicazione alla Piazzetta a R. Baden Powell, riprendendo una tradizione che voleva il Parco dedicato allo Scoutismo già nel 2007, poco prima della sua chiusura e abbandono.

Durante l’ultima giornata, una rappresentanza della Comunità Indiana del Lazio, guidata dal Presidente Gurmukh Singh, con la sua abilita’ e forza di volonta’ ha contribuito a far riemergere un reperto archeologico, ovvero un muro ad angolo in opus reticulata, presumibilmente la parte posteriore di uno dei circa 70 magazzini esistenti all’epoca traianea, quando il Porto, ampliato, era un porto strategico per i commerci. Il Circolo completerà, in collaborazione con la ditta di manutenzione del verde Verdeidea srl, la pulizia dei rampicanti in modo da far riemergere completamente il reperto e poterlo tutelare e valorizzare al meglio. Si è poi svolta una visita guidata a cura del Circolo e tradotta dall’italiano in lingua punjabi, per far conoscere le preziosità storiche, archeologiche, naturalistiche del Parco alla Comunità. I Bhangra Loverz, si sono presentati coloratissimi al Parco per omaggiare il Circolo e il Parco con la musica e danza Bhangra e successivamente è stata consegnata una Targa di Ringraziamento al Presidente della Comunità Indiana del Lazio Gurmukh Singh che ha concluso la sessione di lavoro condivisa portando i saluti della Comunità e annunciando i progetti di integrazione tra il Circolo e la Comunità orientati soprattutto alla cura congiunta degli spazi comuni. Il Circolo infatti si impegna per il supporto alle pulizie e alla raccolta e differenziazione dei rifiuti durante le domeniche e le feste più importanti al Gurdwara Singh Sabha di Borgo Hermada (come già fatto per il recente Nagar Kirtan del 16 settembre scorso) e la Comunita’ si impegna per il supporto del Circolo presso il Parco appena riaperto.

“Come affermato recentemente dal nostro Presidente nazionale Stefano Ciafani, per Legambiente è cittadino di un luogo chi lo ama e se ne prende cura, a prescindere dal paese di provenienza e dalla nazionalità– afferma Anna Giannetti, Presidente del Circolo locale- “Questo vuole dire che per noi del Circolo, azioni di cittadinanza attiva, per promuovere la vivibilità e la bellezza dei luoghi ma anche piccoli gesti per la tutela e la valorizzazione dei beni comuni, sono sempre un’occasione di integrazione e di vicinanza, sia con la comunità scolastica, con la comunità degli Scout che con la comunità indiana, sia con le ditte gestori, sempre paritetiche e basate su un patto civico di collaborazione. Le Comunità e le ditte infatti, con la partecipazione a Puliamo il Mondo, hanno suggellato un patto con Legambiente, testimoniato dalla consegna della Targa di Ringraziamento, per la tutela, sviluppo e valorizzazione del Parco in una ottica di scambio e azioni congiunte. Vogliamo proporre questo patto civico a tutte le associazioni, gli enti e le aziende che vorranno in futuro utilizzare il Parco, partendo dalla riconoscenza del contributo fornito da Legambiente non solo per la riapertura ma anche per lavoro costante per il buon mantenimento, vigilanza, sviluppo turistico del Parco. Abbiamo poi lanciato una iniziativa di raccolta fondi dal basso proprio per evidenziare tutte le necessità correnti e dare ad ognuno la possibilità di contribuire secondo le proprie possibilità“.

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

http://www.perteonline.it/attualita/terracina-puliamo-il-mondo-al-parco-del-montuno-2/

https://www.latinaoggi.eu/news/attualita/66733/terracina-successo-per-la-campagna-puliamo-il-mondo-di-legambiente

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-quarta-edizione-di-puliamo-il-mondoun-successo/

https://www.news-24.it/puliamo-il-mondo-successo-a-terracina-per-liniziativa-di-legambiente-con-ladesione-di-acqualatina-a-breve-la-firma-di-un-protocollo-per-leducazione-ambientale/

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1971/successo-di-partecipazione-per-la-iv-edizione-di-puliamo-il-mondo-organizzato-da-legambiente-al-parco-del-montuno

http://www.anxurtime.it/puliamo-il-mondo-la-sfida/

http://www.latinatoday.it/green/puliamo-il-mondo-2018-terracina-legambiente.html

https://www.ilfaroonline.it/2018/10/05/terracina-grande-successo-la-4a-edizione-puliamo-mondo/240828/

https://www.facebook.com/laziotv.tv/videos/297588067739028/

https://www.facebook.com/laziotv.tv/videos/530621927399767/

Latina Oggi 7 ottobre 2018

43672084_2013046655400857_6266369903477915648_n

#PIMLITTER2018: LEGAMBIENTE TERRACINA PARTECIPA ALLA PRIMA EDIZIONE DI “PULIAMO IL MONDO (PIM) LITTER 2018” PER LA RACCOLTA, CLASSIFICAZIONE E CAMPIONAMENTO DEI RIFIUTI PRESSO IL PARCO DEL MONTUNO APPENA RIAPERTO AL PUBBLICO, DOPO UNA ESTATE TRASCORSA NELLA VIGILANZA SUI RIFIUTI E IL LORO ABBANDONO PRESSO IL PARCO. L’INDAGINE, APERTA AI CITTADINI E AI TURISTI INTERESSATI, VERRA’ EFFETTUATA IL PROSSIMO MERCOLEDI’ 22 AGOSTO DALLE ORE 18 ALLE ORE 20. I DATI VERRANNO RESI PUBBLICI IN OCCASIONE DELLA PROSSIMA EDIZIONE DI PULIAMO IL MONDO CHE SI SVOLGERA’ PRESSO IL PARCO DEL MONTUNO IL 28,29,30 SETTEMBRE PROSSIMO.

Comunicato stampa n.105                                                19.8.2018

In previsione della prossima campagna nazionale di Legambiente Puliamo il Mondo 2018, patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, ANCI (Associazione Unione Comuni Italiani), UPI (Unione Provincie Italiane), Federparchi, Unep (Programma per l’Ambiente delle Nazioni Unite), che si svolgerà a Terracina il 28, 29, 30 settembre prossimi presso il Parco pubblico del Montuno, il Circolo ha deciso di aderire alla proposta di Legambiente nazionale per effettuare un PIM Litter, il primo monitoraggio sperimentale di Legambiente che si svolge in parchi urbani medio-piccoli dove esistono potenziali problemi di trascuratezza e presenza di rifiuti.

Adotteremo un protocollo condiviso basato sulla perimetrazione di una area specifica includendo le aree più frequentate e più soggette ad abbandono di rifiuti e raccoglieremo i rifiuti, compilando una scheda con le caratteristiche del Parco e dell’area presa in esame. I rifiuti trovati nell’area considerata, andranno individuati, raccolti, conteggiati e classificati secondo le categorie specificate nella apposita scheda relativa al Littering. L’indagine si svolgera’ il prossimo mercoledì 22 agosto dalle ore 18 alle ore 20 presso il Parco del Montuno, ed è aperta a tutti, cittadini e turisti interessati al Parco.

L’indagine PIM LITTER 2018 ha l’obiettivo di estendere il monitoraggio dei rifiuti nei parchi cittadini, in vista del prossimo Puliamo il Mondo, allargando così la nostra già intensa attività di Citizen Science, dal marine litter all’ambito urbano, in modo da collezionare dati, capire le fonti e poter essere più incisivi nell’indirizzare le nostre richieste per le politiche di riduzione anche della plastica e degli altri agenti inquinanti e formulare una proposta alla Amministrazione per la riduzione dei rifiuti plastici e per il contrasto all’abbandono illecito dei rifiuti nei Parchi e Giardini Pubblici, da presentare alla prossima riunione dell’Osservatorio Comunale sui Rifiuti, a cui abbiamo chiesto da più di un anno di partecipare, senza ricevere purtroppo ancora alcuna risposta.

PIM Litter presenta un protocollo di raccolta, campionamento e categorizzazione simile a quello di Beach Litter, campagna storica attuata dal Circolo dal 2016 sulle spiagge di Terracina, e vuole essere il segnale di una sempre maggiore attenzione del Circolo al Parco, anche visto il proprio ruolo di fruitore in Convenzione, anche dal punto di vista della qualità della vita presso il Parco con un monitoraggio periodico dei rifiuti abbandonati, al fine di creare un ambiente sempre più idoneo ad una valorizzazione in senso storico-naturalistico-archeologico, come nel caso dei nostri eventi estivi presso il Parco del Montuno, con visite guidate dedicate al progetto del Porto e dell’Appia Traianea, nell’ambito della Rassegna Appia Day “Su e Giu’ per le Vie Appie”, organizzata dal Circolo e patrocinata dal Comune di Terracina, dal Parco Regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi con la collaborazione di CoopCulture e Kariboo- Bike Rental Terracina.

Il Circolo, dopo la firma della Convenzione con il Comune di Terracina del 15 giugno scorso, sta infatti trascorrendo l’estate con i suoi volontari al Parco, oltre che nella progettazione del Centro di Educazione Ambientale, nella programmazione delle attività educative del CEA che inizierà le proprie attività alla riapertura delle Scuole e per preparare le visite guidate della Rassegna Appia Day, e curare l’Aiuola fiorita all’ingresso, anche nella vigilanza dei rifiuti abbandonati e del corretto smaltimento dei rifiuti presso il Parco in collaborazione con la Ditta Gestore RSU, De Vizia Transfer Spa e Urbaser SA, e dopo una serie di analisi effettuate sui rifiuti e sulle deiezioni canine (che purtroppo funestano il nostro Parco, nonostante la nostra vigilanza e sessioni educative!) e sui piccoli atti vandalici che purtroppo ancora vengono compiuti contro il Parco, il Circolo ha deciso quindi non solo di organizzare la prossima campagna Puliamo il Mondo 2018 presso il Parco, ma anche di intraprendere questa importante azione di “citizen science” aperta a tutti i volontari, ai cittadini e ai turisti (se non assicurati, con liberatoria verso il Circolo per ragioni di sicurezza) per evidenziare tutti i problemi di inciviltà e trascuratezza ancora persistenti nel Parco, ma anche al contempo studiare ed attuare delle misure ad hoc per limitarne l’impatto ed educare ad uso più rispettoso del bene pubblico, visto che il Parco è stato riaperto alla cittadinanza da pochi mesi anche grazie all’impegno del Circolo, dopo anni di chiusura e abbandono.

I dati dell’indagine verranno poi resi pubblici durante la Conferenza Stampa del 28 settembre che dara’ l’avvio alle iniziative di Puliamo il Mondo a Terracina per il 28,29 e 30 settembre 2018 presso il Parco Pubblico del Montuno a Terracina.

Evento facebook: https://www.facebook.com/events/255494868412690/

Legambiente è la più grande organizzazione ambientalista italiana con oltre 115.000 tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30.000 classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, più di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realtà locali. Grazie ai suoi 1.000 circoli è l’associazione ambientalista più diffusa in Italia col privilegio di essere presenti capillarmente su tutto il territorio nazionale, lì dove i fatti avvengono e le persone operano, mettendo in pratica valori e ideali. Tratto distintivo dell’associazione è l’ambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dell’ambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui è possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili.

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1891/pimlitter2018-legambiente-terracina-partecipa-alla-prima-edizione-di-puliamo-il-mondo-pim-litter-2018

https://www.lanuovaecologia.it/a-terracina-legambiente-sperimenta-lanalisi-dei-rifiuti-di-plastica-nei-parchi/

http://www.latinatoday.it/green/Puliamo-mondo-legambiente-terracina-parco-montuno.html

http://www.anxurtime.it/puliamo-il-mondo-legambiente-avvia-il-monitoraggio-sperimentale/

https://www.ilfaroonline.it/2018/08/20/terracina-circolo-pisco-montano-partecipa-alla-edizione-puliamo-mondo/234707/

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-legambiente-partecipa-alla-prima-edizione-di-puliamo-il-mondo-litter-2018/

IL CIRCOLO LEGAMBIENTE TERRACINA IN COLLABORAZIONE CON L’OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E LEGALITA’ DI LEGAMBIENTE ADERISCE E SUPPORTA L’INIZIATIVA DI COMMEMORAZIONE DELLA STRAGE DI CAPACI DEL 23 MAGGIO DELL’ ISTITUTO FILOSI, PATROCINATA DAL COMUNE DI TERRACINA. IL PARCO DEL MONTUNO, RECENTEMENTE RIAPERTO, CON “L’ALBERO DI FALCONE” DIVENTA UN SIMBOLO DI RINASCITA CITTADINA E UN BALUARDO DELLA LEGALITA’.

COMUNICATO STAMPA N. 93                                           22 maggio 2018

Il 23 maggio 2018, in occasione del XXVI anniversario della strage di Capaci, l’Istituto A. Filosi, in collaborazione con il Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” e il patrocinio del Comune di Terracina ricorda tutte le vittime di mafia dedicando un albero in memoria di Giovanni Falcone, di sua moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti di scorta (Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani), tutti uccisi il 23 maggio 1992 a Capaci.

L’iniziativa parte dalla Fondazione Giovanni e Francesca Falcone e prende spunto dall’albero cresciuto di fronte alla casa del giudice al quale, dopo l’attentato, iniziarono ad essere affissi spontaneamente foglietti con messaggi, lettere e disegni. L’albero, un ficus magnolia, è diventato un simbolo non solo per i palermitani che si impegnano per la lotta alla mafia, ma per tutti coloro che a questa lotta si uniscono quotidianamente con il proprio lavoro e il proprio impegno.

Il giorno 23 maggio 2018, alle ore 11:00, gli alunni delle classi 2 A SS, 2 B SS, 2 B Alb si recheranno a piedi presso il Parco del Montuno per la cerimonia, accompagnati dai docenti Ceci, Fedele, Volpe, e dalla prof.ssa Maria Pina D’Andrea. Li’ troveranno ad accoglierli i Volontari del Circolo Legambiente. Alla cerimonia parteciperanno il Vice Sindaco Roberta Tintari e rappresentanti delle Forze dell’Ordine. Gli alunni leggeranno e affiggeranno sull’albero pensieri e piccole riflessioni elaborati in classe, frutto di un percorso più ampio di approfondimento sulla figura e l’opera di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, iniziato già nello scorso anno scolastico.

Il Circolo Legambiente di Terracina ha deciso di supportare questa iniziativa, anche con l’Osservatorio Nazionale Ambiente e Legalità di Legambiente – autore di un conosciuto rapporto annuale dedicato alle ECOMAFIE sul territorio italiano-, come primo passo verso un più ampio progetto di educazione alla legalità per la città di Terracina, condividendo con l’Istituto A. Filosi la necessità della costituzione di un presidio di legalità sul territorio, partendo proprio dal Parco del Montuno di Terracina e dalla sua storia e cogliendo quindi l’occasione della sua recente riapertura per una nuova rinascita di senso civico e morale cittadino.

Alberi di Falcone

Per maggiori informazioni si può cliccare lo specifico link http://www.filositerracina.gov.it/dedicato-a-giovanni-falcone/ predisposto dalla prof.ssa Vittoria Nicolò sul portale web dell’Istituto.

http://www.terracinanotizie.net/notizie/comunicati-stampa/1667/in-occasione-dellanniversario-della-strage-di-capaci-domani-23-maggio-il-circolo-legambiente-terracina-aderisce-e-supporta-e-aderisce-alla-giornata-di-commemorazione-dellistituto-filosi

http://www.agoraregionelazio.com/terracina-lalbero-di-falcone-levento/

http://www.h24notizie.com/citta/notizie-terracina/

http://www.perteonline.it/attualita/terracina-commemorazione-della-strage-di-capaci-al-parco-del-montuno/

https://www.ilfaroonline.it/2018/05/23/strage-di-capaci-il-circolo-legambiente-di-terracina-ha-aderito-alla-commemorazione/223270/?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook

http://www.anxurtime.it/giornata-della-legalita/